Primavera Rugby, serie C: vittoria convincente nello scontro diretto con il Tibur (Com. 8/07)

06/feb/2007 10.20.00 U.S. Primavera Rugby Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Primavera Rugby, serie C: vittoria convincente nello scontro diretto con il Tibur (Com. 8/07)

Lo scontro diretto per il raggiungimento dei posti utili per le finali e la relativa promozione in serie B si è risolto a favore della Primavera (13-3) che ha avuto una grande supremazia territoriale durante tutta la gara.


E’ stato, purtroppo, concretizzato il minimo rispetto al lavoro prodotto: dopo il primo quarto d’ora di assoluto possesso del pallone da parte della Primavera, il Tivoli riusciva a piazzare un calcio che però non creava alcun timore per come era iniziata la gara: al 20’, infatti, a seguito di una azione dalla touche dai cinque metri, gli avanti andavano in meta ed era Piedimonte a schiacciare il pallone.


Dopo pochi minuti, in seguito ad una corsa di cinquanta metri lungo la linea laterale, l’ala Peluso non riusciva a coordinarsi per passare il pallone ai sostegni e, nell’azione, si procurava un danno muscolare che non gli consentiva di continuare a giocare: grave per la squadra l’uscita del giovane giocatore, che solo da poco si è avvicinato al rugby, ma che è risultato essere il principale marcatore (87 punti realizzati) in questo scorcio di stagione anche per la sua dote di calciatore. L’augurio è che il danno sia limitato e che Riccardo sappia seguire con costanza e determinazione la necessaria riabilitazione: anche queste circostanze sono utili alla formazione dei giocatori.


La partita riprende dopo la sospensione per il citato incidente e la pressione della Primavera aumenta fino al 40’ quando Di Luia, con tuffo da manuale, schiaccia in meta: l’abbraccio che segue da parte dei compagni è il miglior benvenuto per questo giocatore di assoluto valore che solo da pochi giorni è entrato nel gruppo della Primavera.


Il secondo tempo continua con lo stesso andamento e, pur con tanti errori di gestualità, forse causati dalla maggiore tensione che determina lo scontro diretto senza appello, la partita rimane sotto il controllo della Primavera. Le sostituzioni risultano importanti per mantenere la consistenza fisico atletica, anche se Emanuele Lusi riesce a rimediare un cartellino giallo solo dopo pochi secondi dal suo ingresso in campo.


Da segnalare nella squadra del Tivoli la presenza di un giocatore dalle fattezze alla Chabal in formato ridotto: con tale nome veniva continuamente richiamato dal proprio allenatore stimolando l’ironia del numeroso pubblico intervenuto.


La partita è iniziata con trenta minuti di ritardo e l’arbitro, Sig. Paffetti, ha dimenticato di far effettuare il minuto di raccoglimento previsto per la morte del poliziotto di Catania: il rugby si può permettere questa dimenticanza formale perché ha nel suo dna la ferma condanna per l’accaduto.

Il tabellino: Coletti, Peluso (al 36’ Francioni), Franciosini, Di Luia, Socciarelli, Salera (cap.), Alve-rà (al 65’ Severini), Veneri, Piervincenzi, Filogamo (65’ Zileri), De Carli, Piedimonte (al 41’ Mancini), Urbanetti (al 56’ Buratti), Bartone (al 41’ Marchigiani), Trizza (al 56’ Lusi).

Ammonizioni: 56’ Lusi.

Segnature: 15’ calcio piazzato Tibur, 20’ meta Piedimonte, 40’ meta Di Luia, 51’ calcio piazzato Alverà.

 

http://www.usprimaverarugby.it/     

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl