L'INGHILTERRA SBANCA GLI OSCAR DEL RUGBY

(NZL), 13 Brian O Driscoll (IRL), 12 Will Greenwood (ENG), 11 Joe Rokocoko (NZL); 10 Jonny Wilkinson (ENG), 9 George Gregan (AUS); 8 Lawrence Dallaglio (ENG), 7 Richie McCaw (NZL), 6 George Smith (AUS); 5 Chris Jack (NZL), 4 Martin Johnson (ENG); 3 Phil Vickery (ENG), 2 Keith Wood (IRL), 1 Jean Jacque Crenca (FRA).

24/nov/2003 16.44.49 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Roma, 24 novembre 2003

 

L’INGHILTERRA SBANCA GLI OSCAR DEL RUGBY

A WILKINSON IL TITOLO IRB DI GIOCATORE DELL’ANNO

Roma – Cinque freschi campioni del mondo e quattro All Blacks costituiscono l’ossatura del XV ideale della V Coppa del Mondo, votato dai milioni di fans che in tv, sui giornali e su internet hanno seguito la rassegna iridata conclusasi sabato con la vittoria finale dell’Inghilterra. La composizione del XV mondiale è stata resa noto dall’International Rugby Board, la Federazione Internazionale, nel corso della Cerimonia degli “IRB Awards” tenutasi a Sydney ieri sera.

Il “Fantastic XV” vede al proprio interno la presenza di ben 13 giocatori appartenenti a una delle quattro Nazionali semifinaliste:  fanno eccezione solo gli irlandesi Brian O’Driscoll e Keith Wood, eliminati nei quarti di finale dalla Francia. Tra le ali, la coppia neozelandese Rokocoko-Howlett è stata preferita dal grande pubblico a giocatori del calibro di Jason Robinson, Ben Cohen e Lote Tuqiri: a pesare sulla scelta dei due neozelandesi le 13 mete complessive messe a segno dalle due frecce All Blacks.

 

RWC Fantastic XV: 15 Mils Muliaina (NZL); 14 Doug Howlett (NZL), 13 Brian O’Driscoll (IRL), 12 Will Greenwood (ENG), 11 Joe Rokocoko (NZL); 10 Jonny Wilkinson (ENG), 9 George Gregan (AUS); 8 Lawrence Dallaglio (ENG), 7 Richie McCaw (NZL), 6 George Smith (AUS); 5 Chris Jack (NZL), 4 Martin Johnson (ENG); 3 Phil Vickery (ENG), 2 Keith Wood (IRL), 1 Jean Jacque Crenca (FRA).

 

L’IRB ha assegnato inoltre i tradizionali “Oscar del Rugby”, che premiano di anno in anno i migliori giocatori, arbitri, allenatori e dirigenti del rugby mondiale. A fare man bassa di premi, all’indomani della vittoria sull’Australia, è stata come era lecito attendersi l’Inghilterra, che si è aggiudicata i tre premi più prestigiosi: migliore squadra, miglior giocatore (Jonny Wilkinson, capocannoniere della Coppa del Mondo con 113 punti) e miglior allenatore (Clive Woodwaard). Il premio per lo sviluppo del rugby nel mondo è andato invece a Tan Theany e Philippe Monnin, promotori del movimento ovale in Cambogia.

Il premio “Presidente dell’IRB” è stato assegnato, postumo, all’ex numero 1 del rugby mondiale, il gallese Vernon Pugh, scomparso lo scorso anno.

 

I PREMI DELL’INTERNATIONAL RUGBY BOARD

Giocatore dell’anno: Jonny Wilkinson (ENG)

Squadra dell’anno: Inghilterra

Tecnico dell’anno: Clive Woodward (ENG)

Giocatore dell’anno U19: Jean Baptiste Payras (FRA)

Giocatore dell’anno U21: Ben Atiga (NZL)

Squadra dell’anno, rugby a 7: Nuova Zelanda

Premio IRB “Distinguished Service”: Bob Stuart (NZL)

Premio “Personalità femminile dell’anno”: Kathy Flores (USA)

Premio IRB “Distinguished Service” per gli arbitri: Derek Bevan (WAL)

Premio “Sviluppo del rugby”: Tan Theany e Philippe Monnin

Premio “Spirito del Rugby”: Michael e Linda Collinson

Premio “Presidente dell’IRB”: Vernon Pugh (WAL)


 

CLASSIFICA MARCATORI: E’ WILKINSON IL RE!

Con i 15 punti messi a segno nella finale vinta 20-17 contro l’Australia Jonny Wilkinson non ha solo regalato all’Inghilterra il titolo mondiale ma ha anche scavalcato il francese Michalak nella classifica marcatori della Coppa del Mondo, aggiudicandosi con 113 punti a 103 il titolo di capocannoniere. Terzo posto, con 100 punti, per il centro australiano Elton Flatley, i cui piazzati non sono però bastati per regalare ai Wallabies la terza William Webb Ellis Cup. In ottava posizione, con 50 punti (4 trasformazioni e 14 punizioni) l’apertura dell’Italia Rima Wakarua.

 

CLASSIFICA MARCATORI

1) Jonny Wilkinson 113 (6 partite giocate, 0 mete, 10 trasformazioni, 23 punizioni, 8 drop)

2) Frederick Michalak (FRA), 103 (6, 2, 18, 18,1)

3) Elton Flatley (AUS), 100 (6, 1, 16, 21, 0)

4) Leon MacDonald (NZL), 75 (7, 4, 20, 5, 0)

5) Chris Paterson (SCO), 71 (5, 3, 7, 13, 1)

6) Mat Rogers (AUS), 57 (6, 5, 16, 0, 0)

7) Mike Hercus (USA), 51 (4, 2, 7, 9, 0)

8) Rima Wakarua (ITA), 50 (3, 0, 4, 14,0)

9) Earl Va’a (SAM), 49 (4, 1, 10, 8, 0)

10) Daniel Carter (NZL), 48 (5, 2, 19, 0, 0)

 

I METAMAN DELLA V COPPA DEL MONDO

1) Doug Howlett (NZL): 7

1) Mils Muliaina (NZL): 7

3) Joe Rokocoko (NZL): 6

4) Will Greenwood (ENG): 5

4) Josh Lewsey (ENG): 5

4) Chris Latham (AUS): 5

4) Mat Rogers (AUS): 5

 

10 giocatori con 4 mete realizzate; 21 giocatori con 3 mete realizzate

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl