IL MINISTRO URBANI A CERNOBBIO ELOGIA I VALORI DEL RUGBY

20/gen/2004 19.01.10 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Roma, 20 gennaio

 

IL MINISTRO URBANI A CERNOBBIO ELOGIA I VALORI DEL RUGBY

Cernobbio Oggi a Cernobbio, nel corso del convegno per l’inaugurazione dell’Anno Europeo dell’Educazione attraverso lo Sport, il Ministro per i Beni e le Attività Culturali Giuliano Urbani ha rivolto uno speciale elogio ai valori del rugby: “Quando parlo di valori dello sport mi viene sempre in mente l’immagine di due giovani avversari che, alla fine di un incontro di rugby, si abbracciano. Il rugby è una competizione maschia e leale, che si conclude con una stretta di mano. Uno sport in cui la correttezza e il rispetto delle regole sono più che evidenti. Si tratta perciò di una disciplina da prendere ad esempio per i valori educativi e di formazione che la permeano”. 

Già in altre occasione il Ministro Urbani aveva manifestato la propria adesione ai valori del rugby in relazione allo sport dilettantistico che ricade sotto la specifica responsabilità del suo ministero.

Nell’opuscolo “Lo Sport è per tutti”, edito dal Ministero stesso ad illustrazione della Legge Finanziaria 2003 (nuove norme per le società sportive dilettantistiche), si era ad esempio fatto ricorso a numerose immagini raffiguranti bambini gioiosi che giocano a rugby.

 

NASCE L’ITALIA UNDER 25

FRANCO BERNINI RESPONSABILE

Roma – Nuova rappresentativa nazionale nel panorama rugbistico italiano: si tratta della Nazionale Under 25, che inizierà la propria attività con il raduno in programma in Veneto dall’1 all’8 febbraio.

L’Under 25 azzurra sarà affidata allo stesso staff tecnico già previsto per la Nazionale “A”: il responsabile tecnico Franco Bernini sarà affiancato da Marzio Zanato, mentre il ruolo di manager continuerà a essere rivestito da Bruno Pighetti.

L’attività dell’Under 25 completerà quella della Nazionale “A”, ormai priva di  tre appuntamenti importanti dopo la cancellazione del 6 Nazioni di categoria dovuta al disinteresse di Irlanda, Scozia e Galles.

Inghilterra e Francia -  per via della grande abbondanza di giocatori di caratura internazionale – unitamente all’Italia – incline a un torneo che potesse far crescere giocatori di potenziale interesse per la Nazionale assoluta – hanno optato per mantenere un’attività di alto livello, da affiancare a quella delle Nazionali maggiori.

E’ dunque venuta alla luce questa nuova rappresentativa, composta prevalentemente da Azzurri  ex Under 21 passati di categoria e da altri elementi considerati da John Kirwan di potenziale interesse per la Nazionale maggiore.

Una seconda novità è rappresentata dal primo test a cui la neonata Under 25 azzurra si sottoporrà l’8 di febbraio andando ad affrontare, in Veneto, l’Under 21. Per gli azzurrini di Andrea Cavinato e per l’Under 25 di Bernini l’incontro rappresenterà l’ultimo test in vista dei rispettivi appuntamenti internazionali: 6 Nazioni di categoria per l’U21 (esordio a Napoli contro l’Inghilterra il 14 febbraio) e lo stesso giorno l’U25 contro Inghilterra Universitaria.

Il gruppo di Franco Bernini affronterà successivamente i seguenti impegni: il 20 febbraio a Grenoble contro la Francia “A” e il 20 marzo a Pomezia contro l’Inghilterra “A”.

 

L’UNDER 19 DOMANI VOLA IN GALLES

Tirrenia - Inizia domani, con la trasferta in Galles, il cammino della Nazionale Italiana Under 19 verso la Coppa del Mondo di categoria che si terrà in Sudafrica ad aprile. Gli azzurrini, allenati dai tecnici Luca Bot e Daniele Tebaldi, hanno concluso oggi al Centro CONI di Tirrenia i due giorni di raduno e, domani mattina, partiranno alla volta di Ebbw Vale dove affronteranno, venerdì alle 19.00, i pari età gallesi.

Anche oggi l’U19 azzurra ha svolto due allenamenti, uno mattutino e uno pomeridiano, per un totale di 4 ore di preparazione: particolare importanza è stata posta dai tecnici sulla preparazione fisica e sugli aspetti tattici dell’incontro di venerdì.

Al Coordinatore dell’Attività Internazionale Under 19, Tiziano Casagrande, il compito di fare il punto della situazione: “L’incontro contro il Galles rappresenta un’importante verifica, anche in considerazione del fatto che ai Mondiali di aprile i gallesi saranno i nostri primi avversari. Successivamente, durante la rassegna iridata, dovremo affrontare Sudafrica e Scozia: una serie di incontri di grande difficoltà. In questi giorniprosegue Casagrandeabbiamo curato in maniera particolare la crescita del gruppo attraverso nuove strutture di gioco. Sebbene alcuni dei ragazzi siano ancora inesperti e abbiano evidenziato qualche carenza tecnica, hanno tutti un’eccellente predisposizione al lavoro e una buona flessibilità. La squadra, dunque, è in piena crescita e, nonostante numerose assenze per infortunio, siamo soddisfatti per la qualità degli allenamenti svolti. Per quanto riguarda il Galles c’è poco da dire: li conosciamo, sono una grande squadra e la partita di Ebbw Vale è per noi soprattutto un’occasione per accumulare esperienza in vista della Coppa del Mondo”.

Alla rassegna iridata sudafricana parteciperanno 12 squadre: oltre all’Italia saranno presenti gli altri Paesi del 6 Nazioni, le tre grandi potenze dell’Emisfero Australe (Nuova Zelanda, Australia e Sudafrica), Argentina, Georgia e Giappone. La formula dei Mondiali Under 19 sarà analoga a quella già utilizzata ai Mondiali U21 dello scorso anno: gli incontri del primo turno (nel caso dell’Italia con Galles, Sudafrica e Scozia) origineranno una classifica delle 12 squadre che saranno, a quel punto, divise in tre fasce di merito: dalla 1° alla 4°, dalla 5° all’8° e dalla 9° alla 12°. Una serie di scontri diretti incrociati (la 1° con la 4°, la 2° con la 3°, la 9° con la 12° eccetera) fornirà infine la composizione delle finali, da quella per il 1°-2° posto a quella per l’11°-12°.

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl