RICONOSCIUTA LA SPORTIVITA' DEI TIFOSI DI RUGBY: SERRA, PREFETTO DI ROMA, CONCEDE LIBERA VENDITA DELLA BIRRA

03/feb/2004 21.34.09 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Roma, 3 febbraio 2004

 

RICONOSCIUTA LA SPORTIVITA’ DEI TIFOSI DI RUGBY

SERRA, PREFETTO DI ROMA, CONCEDE LIBERA VENDITA DELLA BIRRA
AL FLAMINIO  IL “PUB ITALIA” CON LE PARTITE DEL 6 NAZIONI

Roma – Italia – Inghilterra, primo appuntamento degli azzurri di John Kirwan nel 6 Nazioni 2004, non colmerà soltanto, il prossimo 15 febbraio, gli spalti dello Stadio Flaminio ma farà registrare anche un altro primato: il Prefetto di Roma Achille Serra ha infatti autorizzato, per la prima volta nella storia recente dello sport italiano, la libera vendita della birra nelle zone limitrofe allo stadio nel giorno della partita.

Sarà inoltre possibile accedere all’interno del Flaminio con i boccali di carta o plastica mentre, ovviamente, non saranno ammesse le bottiglie di vetro e le lattine.

Si tratta di un importante riconoscimento al pubblico del rugby, tradizionalmente estraneo al fenomeno ultrà e a qualsivoglia manifestazione di violenza all’interno degli stadi.

A Piazzale Ankara, antistante la Curva Sud del Flaminio, a partire dalle 10.00 del mattino di sabato 14 la Federazione Italiana Rugby allestirà il “Pub Italia”, una struttura dove i supporters italiani e inglesi potranno socializzare davanti a una birra e assistere, a partire dalle 15.00 del pomeriggio, agli incontri della prima giornata del 6 Nazioni 2004, proiettati su maxischermo e su sei televisori al plasma.

Alle 15.00 calcio d’inizio, dallo Stade de France di Parigi, di Francia – Irlanda; alle 17.00, poi, nuovo collegamento con il Millennium di Cardiff per il derby celtico tra Galles e Scozia.

Al termine, spazio alla Festa di San Valentino organizzata dalla F.I.R., che si protrarrà sino alle 3.00 del mattino.

Domenica 15 febbraio il Pub Italia riaprirà alle ore 10.00 e resterà aperto nuovamente sino alle 3.00 del mattino, con vendita libera di birra durante la partita (il calcio d’inizio dell’incontro è fissato alle ore 16.00) e presenza delle squadre di Italia e Inghilterra in serata.  

 

KIRWAN, BOLLESAN E DE ROSSI STASERA  VOLANO A LONDRA

DOMANI IL “LANCIO” DEL 6 NAZIONI 2004

A TREVISO PRESENTAZIONE DELL’ALL STAR GAME

Mogliano(Treviso) – Questa sera, alle 22.00, il CT della Nazionale John Kirwan, il Team Manager Marco Bollesan e il capitano Andrea De Rossi lasceranno temporaneamene il ritiro azzurro di Mogliano e voleranno a Londra dove domani mattina, presso il Centro Congressi di Great Russel Square, prenderanno parte insieme ai CT, ai Team Manager e ai capitani di Inghilterra, Francia, Irlanda, Scozia e Galles, alla conferenza stampa ufficiale di presentazione dell’RBS 6 Nazioni 2004.

Il trio azzurro rientrerà nella serata di domani all’Hotel Villa Braida di Zerman di Mogliano, quartier generale dell’Italia in vista dell’All Star Game di sabato al Monigo di Treviso, ultimo test prima della gara con l’Inghilterra.

Proprio l’All Star Game, che vedrà la Selezione Azzurra affrontare il World XV, rappresentativa composta dai migliori stranieri che militano nel Super 10, verrà presentato domani alla stampa presso il Comune di Treviso, in una conferenza in programma a partire dalle ore 11.30.

Oltre a Amerino Zatta, Presidente della LIRE organizzatrice dell’evento, interverranno in rappresentanza della FIR il Vice-Presidente Vicario Filippo Duodo e gli Azzurri Denis Dallan e Gonzalo Canale.

 

RADUNO AZZURRO A MOGLIANO: CRESCE LO STATO DI FORMA

Mogliano(Treviso)- Seconda giornata di allenamenti per la Nazionale Maggiore, impegnata a Mogliano nel raduno di preparazione al 6 Nazioni 2004: all’incontro con i campioni del mondo dell’Inghilterra, ormai, mancano meno di due settimane. 

In mattinata i giocatori hanno dato vita a due ore di “partita simulata” con opposizione, dando così modo al nuovo assistant coach Glen Ella  di verificare l’impostazione del gioco dei trequarti ed intervenire per mettere a punto di ogni tipo di schema. Nel pomeriggio la squadra è ritornata sul campo per l’assimilazione degli schemi provati in mattinata.

L’intera giornata di allenamenti si è svolta all’insegna della massima intensità e ha fatto meritare ai giocatori una uscita collegiale per cena.

Prima di partire per Londra il CT Kirwan ha precisato gli obiettivi di questa prima fase del raduno: “Stiamo lavorando per cercare di trovare l’organizzazione di gioco e le condizioni fisiche con cui abbiamo preso parte ai Mondiali e, grazie all’entusiasmo con cui i ragazzi stanno affrontando questo gravoso carico di lavoro, siamo sulla buona squadra”.

Kirwan sta anche provando gli uomini per il test di sabato a Treviso e giovedì, giorno in cui la Nazionale non effettuerà alcun allenamento,, annuncerà la formazione anti-World XV.

Per quanto riguarda le condizioni fisiche degli Azzurri domani mattina Carlo Checchinato riprenderà ad allenarsi con il gruppo mentre ancora a riposo precauzionale resterà Denis Dallan.

Per l’estremo Azzurro Gonzalo Canale è stato invece  confermato lo stop di quindici giorni per la contrattura alla coscia.

 

DE MARIGNY: “SONO PRONTO A CANTARE L’INNO ITALIANO”

Mogliano (Treviso) – Tra i nuovi convocati presenti al raduno di Mogliano figura anche Jacques Roland Desvaux de Marigny, mediano d’apertura dell’Overmach Parma.

Con un nome così, non può non venire da un’antica e nobile famiglia francese: “Potrebbe essere così – sorride il N°10 gialloblù – e anche Sebastien Busato, mio compagno di squadra a Parma, mi ha fatto notare che potrei discendere da una qualche antica famiglia di Francia.

In realtà – prosegue de Marigny -  so solo che la mia famiglia vive a Mauritius da molte generazioni: io però sono nato in Sudafrica, dove mio padre si era trasferito per lavoro.

Lì sono cresciuto praticando a scuola molti sport di squadra, tra cui il calcio, dove ero molto promettente. Poi, al termine delle scuole secondarie, a 17 anni, ho optato definitivamente per il rugby. A 20 anni ho lasciato il Sudafrica per tentare l’avventura in Europa, e ho passato una stagione con il Bangor, in Galles, giocando anche tre partite con la maglia del Llanelli. Successivamente sono rientrato in Sudafrica, dove ho giocato nel Super 12 con i Natal Sharks, i Blue Bulls e i Leopards.

Tre anni fa, infine, sono stato chiamato da Heinz Pfugler, allora giocatore-allenatore all’Overmach Parma, di cui ero stato compagno con gli Sharks, e ho scelto di venire in Italia.

Essendo molto legato alle mie radici francesi non ho faticato ad integrarmi e, adesso, sento l’Italia come se fosse il mio Paese natale.

Se dovessi esordire in Nazionale canterò l’Inno di Mameli sentendolo molto mio e potrò contare sull’incitamento dagli spalti di mio padre: se Kirwan mi manderà in campo, mi ha garantito che volerà a Roma per vedermi giocare”.

 

Nome:Jacques Roland

Cognome: Desvaux de Marigny

Nato a: Durban (Sudafrica)

Il: 17 novembre 1975

Altezza: 1.80m

Peso: 85kg

Inizio attività professionistica: 1995

Club d’appartenenza: Overmach Rugby Parma

Precedenti Club: Durban Callejears (1994), Bangor (1994-1995), Llanelli (1995), Natal Sharks (1995-1996), Blue Bulls (1996-1998), Leopards (1998-2000).

Curiosità: il fratello Marc, terza linea dotata di un ottimo calcio dalla piazzola di lancio, è stato capitano del Sudafrica Seven in occasione dell’ultimo Torneo di Durban, vinto proprio dalla Nazionale verdeoro.

 

 

 

 

BRILLANTE TEST DELL’UNDER 25

IN EVIDENZA WALTER POZZEBON

Mogliano(Treviso) - Nella sfida Probabili (verdi) – Possibili (rossi) della neonata formazione U25/”A” svoltasi oggi in Veneto si impongono i primi grazie a una maggiore fluidità di gioco.

Al match hanno assistito il CT John Kirwan, il responsabile della U25 Franco Bernini e il responsabile dell’Italia  “Seven” Marco Gabrielli, a sottolineare la massima collaborazione raggiunta tra tutte le componenti tecniche federali.

Nonostante il freddo e l’elevato tasso di umidità le due squadre si sono affrontate a viso aperto, con manovre fluide, rispetto delle regole, assenza di ostruzionismi e buone esecuzioni tecniche e tattiche. Il tutto condito da un grande ritmo, tanto che i minuti di gioco effettivo, cronometrati da Kirwan e Bernini, hanno restituito valori più che soddisfacenti.

Diversi i giocatori di interesse messisi in mostra nell’incontro, come Pozzebon, autore di tre mete, Pace e Mannato (due mete a testa), Travagli e Mandelli: tutti fanno già parte della Rosa della Nazionale Maggiore. Al termine il tecnico Franco Bernini si è detto molto soddisfatto: “Ho ragione di esserlo dal momento che non solo la partita ma tutto il raduno sta dando ottimi risultati.

La partita di oggi è stata di grande intensità nonostante alcuni ragazzi fossero reduci da impegni di Coppa nel fine settimana e nonostante ieri si siano allenati cinque ore.

Per quanto riguarda il match ho visto un grande  orgoglio e un grande attaccamento alla maglia da parte di tutti e molta voglia di sfruttare l’occasione per mettersi in mostra. Appuntamenti come questo andrebbero ripetuti con frequenza maggiore. Ho avuto inoltre occasione di conoscere ed apprezzare anche alcuni giocatori che conoscevo poco o avevo perso di vista come Carpente”.

L’incontro è stato arbitrato enl primo tempo da Carlo Orlandi e nella ripresa dal direttore di gara trevigiano  Valbusa.

 

ITALIA U25 PROBABILI – ITALIA U25 POSSIBILI 42-28 (21-7)

Probabili (Verdi): 15 Carpente; 14 Accorsi S. (Pace), 13 Pozzebon (cap), 12 Ghidini, 11 Marangon; 10 Anversa, 9 Travagli; 8 Mandelli, 7 Birchall, 6 Gianesini, 5 Marchetto (Barrone), 4 Pavanello A. (Bresolin)); 3 Bocchini, 2 Intoppa, 1 Rizzo.

Possibili (Rossi): 15 Bortolussi, 14 Robertson, 13 Preo, 12 Onori, 11 Accorsi A., 10 Zullo, 9 Brancoli (Franchi), 8 Angeloni (cap), 7 Persico L., 6 Mannato; 5 Pavanello E., 4 Tumiati; 3 Brancalion (Borsato), 2 Busato, 1 Gennari.

 

Marcatori: 5’ m. Carpente tr. Anversa (V), 23’ m.Pozzebon tr. Anversa (V), 25’ m. Bertolussi tr. Zullo (R), 36’ m. Pozzebon tr. Anversa (V); s.t. m. Pace tr. Anversa (V), 13’ m. Mannato tr. Zullo (R), 17’ m. Pace tr. Anversa (V), 21’ m. Pozzebon tr. Anversa (V); 30’ m. Mannato tr. Zullo (R), 31’ e 35 m. Robertson tr. Zullo (R)

 

UNDER 18, A LIVORNO LE WALES SCHOOLS VINCONO 16-26 (3-14)

Livorno – Una prestazione convincente non è bastata alla Selezione Italiana Under 18 per avere ragione, questo pomeriggio, della Selezione Scolastica del Galles nel match di preparazione alla stagione internazionale disputatosi sul campo del Rugby Livorno.

Gli Azzurrini, nonostante una prova di indiscutibile valore, sono stati costretti ad arrendersi con il risultato finale di 16-26 dopo che, nella ripresa, le due mete messe a segno dall’ala Giampietri e dal pilone Ceccato e i due piazzati dell’apertura Coppeto avevano impensierito non poco la selezione scolastica gallese, capace di chiudere il primo tempo in vantaggio per 3-14.

Adesso, per l’U18, una settimana di riposo: gli Azzurrini si ritroveranno a Tirrenia, l’11 febbraio, per preparare il tradizionale quadrangolare che, a partire dal 13 febbraio, in Galles, li metterà di fronte ai pari età gallesi e a Spagna e Portogallo U19.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl