GALLES - ITALIA 44-10 (16-0)

Sin dalle prime battute di gioco i padroni di casa si sono installati nella metà campo italiana, capitalizzando la propria pressione prima con due calci piazzati messi a segno dall'apertura Stephen Jones e, al 28' e al 35', con due splendide mete delle due formidabili ali Shane e Rhys Williams.

27/mar/2004 20.50.42 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
RUGBY NOTIZIE - A CURA DELL'UFFICIO STAMPA FIR

6 NAZIONI: ITALIA SCONFITTA IN GALLES 44-10
GLI AZZURRI CHIUDONO AL QUINTO POSTO NEL TORNEO
Cardiff - Disco rosso per la Nazionale Italiana al Millennium Stadium di Cardiff. Contro il XV gallese di Steve Hansen, dimostratasi capace di sfruttare i tanti errori Azzurri, la formazione di John Kirwan è uscita sconfitta 44-10 (16-0) nell’ultimo incontro del 6 Nazioni 2004.
Sin dalle prime battute di gioco i padroni di casa si sono installati nella metà campo italiana, capitalizzando la propria pressione prima con due calci piazzati messi a segno dall’apertura Stephen Jones e, al 28’ e al 35’, con due splendide mete delle due formidabili ali Shane e Rhys Williams.
Sia il numero 11 che il numero 14 dei dragoni rossi sono andati poi ancora a violare la linea di meta Azzurra una volta ciascuno nella ripresa.
Da parte italiana troppi errori nei placcaggi e troppi turn-over (palloni regalati agli avversari), costantemente trasformati dai padroni di casa in micidiali contropiedi.
Sotto per 16-0 a fine primo tempo l’Italia sembrava rientrare in partita nei primi minuti della ripresa, andando ad occupare a più riprese, nei primi 15’, la metà campo gallese giocando con maggiore calma, placcando e non perdendo palloni.
Ne risultavano i primi 3 punti, messi a segno dopo 2’ da De Marigny su piazzato: l’apertura dell’Overmach Parma falliva però altri due piazzati al 5’ e al 10’.
Al 15’, però, il Galles reagiva e si impadroniva del match realizzando due mete prima con Gareth Thomas e poi con Shanklin (entrato da meno di un minuto in sostituzione di Harris). Al 23’, sul 30-3, arrivava la bella meta di Andrea Masi a seguito di una penalità non calciata tra i pali da De Marigny ma calciata in touche a pochi metri dalla linea di meta gallese. La palla conquistata da Dellapè dava luogo a una serie di rolling maul sintanto che il mediano di mischia Azzurro Paul Griffen lanciava i trequarti, con l’ovale che passava nelle mani di De Marigny e Stoica prima di arrivare a Masi. Il centro dell’Arix Viadana era bravo a prodursi in un’ottima accelerazione ed a trascinarsi in meta nonostante un doppio placcaggio gallese.
Il finale era ancora gallese e soprattutto dei due fenomeni Shane e Rhys Williams che, con altre due mete, portavano il passivo, per l’Italia, a un severo 44-10.
Nonostante la sconfitta odierna, comunque, la Nazionale Italiana ha chiuso al quinto posto nel Torneo, davanti alla Scozia. All’Irlanda, che oggi a Dublino ha superato proprio la formazione scozzese (37-16), è andata la Triplice Corona (il trofeo virtuale che viene conferito alla formazione britannica che supera le altre tre), mentre per assegnare il Torneo 2004 sarà necessario attendere il match di questa sera tra Francia e Inghilterra (ore 21.00 italiane).

Cardiff, 27 marzo, 6 Nazioni, V e ultimo turno
GALLES - ITALIA 44-10 (16-0)
GALLES: THOMAS G.; WILLIAMS R., TAYLOR, HARRIS (19’ s.t. SHANKLIN), WILLIAMS S.; JONES S. (34’ s.t. SWEENEY), COOPER (34’ s.t. PEEL); JONES Da. (36’ s.t. POPHAM), WILLIAMS M., CHARVIS (Cap); OWEN (39’ s.t. SIDOLI), LLEWELLYN; JENKINS, MCBRYDE (34’ s.t. DAVIES), JONES Du. (42’ s.t. EVANS)

ITALIA: CANALE; MAZZUCATO (22’ s.t. BERGAMASCO Mi.), MASI (33’ s.t. PICONE), STOICA, DALLAN D. (10’ s.t. WAKARUA); DE MARIGNY, GRIFFEN; DE ROSSI (cap), PERSICO (12’-21’ p.t. e 35’ p.t, ORLANDO), BORTOLAMI; DEL FAVA (10’ s.t. MANDELLI), DELLAPE’; CASTROGIOVANNI (18’ s.t. PERUGINI), ONGARO, LO CICERO.

Arbitro: LAWRENCE (RSA)

Marcatori:p.t. 10’ cp. S.Jones (3-0); 15’ cp. S.Jones (6-0); 25’ m. McBryde (11-0); 30’ m. R.Williams (16-0); s.t. 2’ cp. De Marigny (16-3); 15’ m. G.Thomas tr. S. Jones (23-3); 19’ m. Shanklin tr. S.Jones (30-3); 22’ m. Masi tr. Wakarua (30-10); 27’ m. Williams tr. S.Jones (37-10); 30’ m. R. Williams (44-10).

Note: 70.048 spettatori, campo in buone condizioni, 5 punti di sutura zona orbitale dx Aaron Persico

GALLES - ITALIA: LE INTERVISTE DEL DOPO-PARTITA
Cardiff - Musi lunghi nello spogliatoio Azzurro a fine gara: ci si aspettava molto ed invece è arrivato niente.
Serenamente il CT John Kirwan, il Capitano De Rossi e il Team Manager Bollesan affrontano la stampa nella consueta conferenza post-partita.
Kirwan: “Sono ovviamente dispiaciuto: siamo entrati in campo per disputare una grande partita ma così non è stato. Non ci sono responsabilità di reparti o individuali: la squadra ha fallito nella sua totalità. Non c’è stata, infatti, tenuta mentale. Non è un problema di tecnica. Infatti quando si sbagliano placcaggi e si concedono tanti turn-overs il problema non è tecnico ma mentale. Comunque tanto di cappello al Galles che ha giocato una bellissima partita, capitalizzando al massimo i nostri errori.
Il mio futuro? Io penso alla squadra e non a me stesso: resto convinto dell’ampio margine di crescita a disposizione di questo gruppo. Io non ho mai mollato niente e non intendo cominciare adesso. Cosa salvo della squadra? La mischia è stata assolutamente competitiva, in touche ci siamo battuti bene, rubando anche un pallone al Galles. Però, quando non si placca e si lasciano i palloni agli altri tutto va a gambe all’aria. Certo è triste chiudere in questo modo un 6 Nazioni che poteva essere storico”.
Sulla stessa lunghezza d’onda il capitano De Rossi: “Sì un problema mentale. Siamo una squadra giovane, impreparata ad assorbire certe situazioni. Eravamo entrati in campo per vincere e per le vicende della partita ci siamo ritrovati a subire ed andare sotto. Ed a questo punto abbiamo perso la forza reattiva. L’augurio è che questa battuta d’arresto aiuti a crescere, a rafforzare il carattere, che sono cose che si acquistano con l’esperienza”.
Chiude il Team Manager Marco Bollesan, con un discorso largo: “Mentre noi calavamo il Galles mentalmente cresceva. Fino a raggiungere delle dimensioni super, non sembravano gallesi ma All Blacks, funamboli del rugby: hanno inventato di tutto e tutto gli è andato bene, galvanizzati. Io sono convinto però che se li dovessimo affrontare domani potremmo ancora batterli con maggior carattere”.

GLI ALTRI RISULTATI DEL WEEK-END AZZURRO

Ad Ebbw Vale, 26/03, 6 Nazioni U21
GALLES U21 - ITALIA U21 49-17
A Hong Kong, 26/03, Hong Kong Seven
ITALIA - USA 5-10
A Dublino (Donnybrook Park), 27/03, Test Match
IRLANDA U18 - ITALIA U18 19-7
A Hong Kong, 27/03, Hong Kong Seven
ITALIA - GIAPPONE 33-19
A Durban, 27/03, 1° turno Coppa del Mondo U19
GALLES U19 - ITALIA U19 52-9



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl