SABATO RITORNO DELLE SEMIINALI DI FINDOMESTIC SUPER 10

Allegati

10/giu/2004 19.18.19 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Roma, 10  giugno 2004

 

SABATO, RITORNO DELLE SEMIFINALI DI SUPER 10

PARMA A TREVISO ANCORA ORFANA DI DE MARIGNY

VIADANA A CALVISANO SENZA BEZZI

Roma – Il Giudice Sportivo della FIR ha omologato le gare del Campionato del Findomestic Super 10 (semifinali di andata) e del Campionato Under 19 (semifinali di ritorno) disputate domenica scorsa, 6 giugno.

Per quanto riguarda la massima serie il G.S. ha inflitto al giocatore del Viadana, Cristian Bezzi, espulso temporaneamente al 35’ del primo tempo del match contro il Ghial Calvisano, una gara di squalifica per infrazione all’art.27/1 lett. O (“…qualora abbia sommato, in quattro distinte partite nel corso del medesimo campionato, quattro espulsioni temporanee, il giocatore è punito con la sanzione della squalifica dalle gare ufficiali per una giornata’).

Panchina più corta senza la seconda linea azzurra, dunque, quella del’Arix che va a Calvisano per recuperare i tre punti con cui ha perso domenica nel match di andata in casa.(19-22)

Panchina che continua a rimanere corta quella dell’Overmach Parma a cui non è bastata una settimana per recuperare  i numerosi infortunati. Neanche Roland de Marigny è riuscito a sistemare la microfrattura al dito di una mano e dovrà restare a guardare dalla tribuna. Lo ha conferma da Parma Andrea Sgorlon che annuncia una formazione sostanzialmente uguale a quella che ha costretto la “Corazzata Benetton, domenica alla prima parziale battuta d’arresto della stagione: 13-13. Mediano di apertura, perciò, sarà  di nuovo Alejandro Canale   protagonista di una grande semifinale.

Notizie migliori da Calvisano e Treviso  che dispongono entrambe di panchine molto lunghe.

 

MONDIALI UNDER 21, DOMANI AZZURRINI ALL’ESORDIO

IL CT, INFORTUNATO, ANNUNCIA IL XV ANTI-ARGENTINA

Edinburgo (Scozia) – Mancano 24 ore all’inizio dell’avventura iridata per la Nazionale Under 21 di Andrea Cavinato, impegnata in Scozia nei Mondiali di categoria.

Gli Azzurrini sono giunti ieri in Scozia e questa mattina hanno svolto un leggero allenamento di sintesi, al termine del quale il CT Cavinato ha comunicato alla squadra la formazione titolare che, domani, si trasferirà a Glasgow per affrontare al Raeburn Place l’Argentina nella prima giornata dei Mondiali Under 21.

Le due selezioni giovanili si affrontano per la prima volta in un test match ufficiale, ma per Marcato e compagni l’esordio nella rassegna iridata scozzese non avrebbe potuto essere più duro: l’Argentina, infatti, si presenterà domani al Raeburn Place, domani alle 17.00 locali (le 18.00 in Italia) reduce dal terzo posto conquistato nella passata edizione anche se il XV sudamericano presenterà, rispetto all’anno passato, una formazione completamente rinnovata.

Tantissimi volti nuovi, e molti ragazzi alla prima convocazione in Nazionale Under 21, anche per l’Italia, che ha chiuso il 6 Nazioni 2004 senza vittorie ma con alcune prestazioni di valore (estremamente positive, in particolare, le partite con Francia e Scozia): gara difficile da inquadrare, dunque, quella di domani, con l’incertezza e l’equilibrio a farla da padrone.

Sul fronte Azzurro da segnalare il rapido recupero del flanker Robert Barbieri (distorsione alla caviglia) e del seconda linea Valerio Bernabò (pubalgia): entrambi saranno in campo dal primo minuto.

Ho ritenuto opportuno schierare entrambi” ha spiegato il CT Azzurro “anche per valutare se il loro recupero sia totale o parziale: se, nel corso dell’incontro, emergeranno delle difficoltà verranno sostituiti”.

Prima di analizzare l’incontro di domani contro i Pumas Under 21 Cavinato prova a scherzare con il brutto infortunio occorsogli lunedì, nel penultimo giorno di raduno a Tirrenia: “Durante l’allenamento, mentre passavo un pallone a uno dei giocatori, ho compiuto un movimento sbagliato, procurandomi una distorsione al ginocchio con interessamento e probabile rottura della cartilagine: sto facendo ricorso a antinfiammatori e antidolorifici, il fastidio è davvero molto, ma baratto volentieri il mio infortunio con quello di uno dei ragazzi”.

Poi, Cavinato passa a spiegare le proprie scelte per il match contro l’Argentina: “La prima scelta che salta all’occhio – dice – è quella di schierare tre piloni (Cerqua, Donati e Milani) in prima linea, affidando le touche a Ghiraldini, schierato flanker. Questo per poter contare su una prima linea molto pesante (342kg), in grado di contrastare efficacemente la bayadilla degli argentini”.

Siamo consci delle difficoltà che ci attendono – prosegue il CT veneto – ma anche sereni e consapevoli di quelli che sono i nostri mezzi: scedenderemo in campo con umiltà, cercando di contrastare gli argentini in quelle fasi di gioco dove sono tradizionalmente più efficaci e di atterrarli e di rubare loro palloni sin dal calcio d’inizio, per minare la loro confindenza. Se riusciremo in questo potremo davvero andare a caccia di un grande risultato”.

Dell’Argentina sembrano esserci ben poche informazioni ma Cavinato sembra comunque a conoscenza dei punti di forza degli avversari: “Abbiamo cercato a lungo, ma inutilmente, i loro filmati ma, nella miglior tradizione del rugby argentino, ci troveremo di fronte una squadra aggressiva, con un’ottima tecnica individuale e determinata a metterci addosso molta pressione”.

La ricetta per un grande incontro, per il CT degli Azzurrini, sembra essere una sola: “Dovremo credere in noi stessi, superare noi stessi: questa è l’essenza di una versa squadra di rugby. Ognuno dovrà essere migliore del proprio diretto avversario e dovrà farlo per se stesso ma, soprattutto, per i compagni”.

Questa la formazione titolare annunciata dal CT Andrea Cavinato per la partita di domani contro l’Argentina. I 7 giocatori a disposizione del tecnico e i 4 atleti che prenderanno posto in tribuna verranno annunciati in serata.

 

 

 

ITALIA UNDER 21

15 Bergamasco Mi.; 14 Nitoglia L., 13 Chillon, 12 Pratichetti, 11 Assandri; 10 Marcato (cap), 9 Pitton; 8 Zanni, 7 Barbieri, 6 Ghiraldini; 5 Bernabò, 4 Reato; 3 Cerqua, 2 Donati, 1 Milani.

 

MONDIALI U21, GLI APPUNTAMENTI DELLA PRIMA GIORNATA

SUBITO IL BIG MATCH NUOVA ZELANDA – INGHILTERRA

CAPITAN MARCATO: “GLI ALL BLACKS SONO I FAVORITI”

Edinburgo Giornata inaugurale entusiasmante, quella di domani, per i Mondiali U21 al via in Scozia con 6 appuntamenti che si preannunciano di grandissimo interesse: la rassegna iridata d’Oltremanica prenderà infatti il via alle 17.00 con il calcio d’inizio di Irlanda – Tonga e, in contemporanea, il Galles affronterà la Russia e gli Azzurri di capitan Marcato si troveranno di fronte ai Pumas argentini.

Alle 19.30 al via la seconda terna di incontri, con tre match di interesse, se possibile, ancora maggiore: i padroni di casa della Scozia, dopo il 7° posto dell’anno passato, esordiranno davanti al pubblico di Glasgow contro il quotatissimo Sudafrica, determinato a migliorare la quarta posizione del 2003.

Sfida tra Europa e Oceania anche nel caso di Australia – Francia, con i giovani Wallabies che devono confermare il livello d’eccellenza raggiunto con il 2° posto dell’anno passato e la Francia, futura avversaria degli Azzurri, che deve far dimenticare il 5° posto del 2003.

Conclude il programma di giornata l’attesissimo match di Galashiels tra un’Inghilterra che si presenta ai nastri di partenza dopo un grande 6 Nazioni di categoria ma che troverà di fronte a se i campioni in carica della Nuova Zelanda.

Proprio i “Baby Blacks” sembrano essere, anche quest’anno, la formazione da battere: si tratta infatti, nella quasi totalità, della formazione che due anni fa, in Veneto, stupì il mondo dominando i Mondiali U19.

Andrea Marcato, loro avversario in quell’occasione e, oggi, capitano dell’Italia, non ha dubbi ad assegnare a loro i favori del pronostico per la vittoria finale: “Una squadra incredibile: ai mondiali FIRA superarono ogni avversario esprimendo un gioco stellare. Sono i favoriti anche qui in Scozia: l’Inghilterra è una buona squadra, ma non è al loro livello”.

 

IL PROGRAMMA COMPLETO DELLA PRIMA GIORNATA

Glasgow, New Anniesland, ore 17.00

IRLANDA – TONGA

Glasgow, Raeburn Place, ore 17.00

ITALIA  -ARGENTINA

Galashiels, Netherdale, ore 17.00

GALLES – RUSSIA

Glasgow, New Anniesland, ore 19.30

AUSTRALIA - FRANCIA

Glasgow, Raeburn Place, ore 19.30

SCOZIA - SUDAFRICA

Netherdale, Galashiels, ore 19.30

NUOVA ZELANDA - INGHILTERRA

 

 

ROMA SEVEN, SABATO ALLO STADIO DEI MARMI

TRA RUGBY SPETTACOLO E MONDANITA’

Roma - La macchina organizzativa del  3° Torneo Internazionale di Rugby a Sette “Roma Seven” è ormai impegnata nel perfezionare gli ultimi dettagli e quello di sabato prossimo  (inizio gironi di qualificazione alle ore 10.00, finali del  Plate Seven King’s-Ansa  e della  Roma Seven Cup intorno alle ore 22.30) può già definirsi un Evento con la “e” maiuscola.

Il torneo nelle prime due edizioni (2002 e 2003) ha fatto registrare un afflusso di pubblico superiore alle 3000 unità. Quest’anno, dopo il trasloco nella suggestiva location dello Stadio dei Marmi al Foro Italico, gli addetti ai lavori si aspettano addirittura un’impennata nelle presenze.

Sarà per il grossissimo spessore dei team partecipanti o per le innumerevoli iniziative promozionali (da 20 giorni il promo del torneo è visibile sui mega-schermi della ditta nelle grandi stazioni ferroviarie; ieri 10.000 romani hanno ricevuto la brochure del torneo e gli inviti direttamente a casa loro ed oggi dal sito “Zone Attive” del Comune di Roma partiranno 10.000 e-mail d’invito) ma il tam tam prevede una grossissima affluenza di pubblico.

Le iniziative per far conoscere le bellezze architettoniche della Città Eterna non si sono fermate alla partnership con la società di navigazione fluviale “Battelli di Roma” che ospiterà nelle visite guidate gli atleti neozelandesi, sudafricani ed argentini: nel villaggio ospitalità allestito potranno essere ammirate opere di pittori ed un percorso fotografico dove il rugby e le vedute di Roma faranno la parte del leone.

Sul fronte mondano da segnalare una stuzzicante novità, con l’aperitivo “alla milanese” presso il Villaggio ospitalità a partire dalle 19.00 di sabato che precederà le finali e il “Roma Seven Party” che chiuderà la manifestazione.

Per quanto riguarda la composizione dei quattro gironi, con ogni probabilità le teste di serie saranno la Selezione Nazionale Italiana (reduce dalle vittorie nei tornei FIRA di Spalato e Lunell), i Samurai (selezione internazionale vincitrice della passata edizione), i sudafricani dello Stellenbosh (freschi vincitori a Melrose , il più antico torneo seven-side del mondo) e i NZ Metro SIDIS (finalisti ad Hong Kong 2004, sono il più prestigioso club dell’emisfero sud. Schierano alcuni nazionali All Blacks e saranno sicuramente la squadra da battere). Ma bisogna aspettare le liste degli atleti per una più attenta valutazione.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl