DOMANI A BUCAREST ROMANIA - ITALIA; DIRETTA ORE 17.00 SU SPORTITALIA

Allegati

25/giu/2004 16.46.19 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Roma, 25 giugno 2004

 

DOMANI A BUCAREST ROMANIA – ITALIA

KIRWAN: “NIENTE ALIBI, IMPERATIVO VINCERE!”

DIRETTA ORE 17.00 SU SPORTITALIA

Bucarest – Ultimo allenamento di rifinitura questa mattina per gli Azzurri alla vigilia del test contro la Romania, in programma domani alle 18.00 locali (le 17.00 in Italia, diretta tv SportItalia) allo “Stadio Nazionale Lia Manoliu” di Bucarest.

Per evitare il gran caldo che caratterizza in questi giorni il clima romeno, l’allenamento si è svolto, proprio sul prato che ospiterà l’incontro, a partire dalle 9.30 del mattino.

Nonostante tutto l’afa era notevole e, per domani, all’ora della partita è prevista una temperatura tra i 35 e i 40 gradi.

Conclusol’allenamento, la vigilia Azzurra è trascorsa all’insegna del riposo assoluto, per recuperare la massima energia in vista del match.

Il preparatore atletico Azzurro, Pascal Valentini, considera buone le condizioni fisiche dei giocatori in relazione al momento della stagione e sulla stessa lunghezza d’onda, per quanto riguarda le condizioni mentali di Troncon e compagni, è lo psicologo “BobiRobazza.

Prima della partenza per l’allenamento di rifinitura, il CT John Kirwan ha comunicato ai due giocatori interessati ed alla squadra il cambio in panchina tra Wakarua e Carpente: la maglia numero 21 andrà al giovanotto aquilano che, in caso di impiego, conquisterà il suo primo cap in Azzurro.

Kirwan ha anche conosciuto lo schieramento ufficiale della Romania: dei quindici titolari, solo cinque militano nel campionato romeno.

I due terzi della formazione di partenza romena sono, invece, professionisti nel campionato francese o, nel caso di Socaciu e Sauan, in quello italiano.

Ma l’approccio del tecnico neozelandese è, al solito, risoluto: “Non si deve accampare alcuna scusa, nessun alibi. <<Si gioca a Bucarest, è caldo, loro hanno molti professionisti, noi siamo logori per una lunga stagione…>>

Non mi interessa nulla! L’Italia è una squadra di rango internazionale ed ha una sola alternativa: vincere”.

Il CT spiega poi l’avvicendamento in panchina tra Wakarua e Carpente: “Avevo detto che la formazione annunciata ieri sarebbe stata soggetta a verifiche, e avevo tenuto i due giocatori in sospeso.

Nei 22 annunciati ieri figuravano, comunque, quattro “equiparati” invece dei tre previsti dalla regola che ci siamo dati. Abbiamo quindi provveduto all’opportuno adeguamento”.

Anche il tallonatore Fabio Ongaro appare decisamente riabilitato ed ha partecipato a tutta la sessione d’allenamento mattutina, che ha visto gli avanti molto impegnati a provare le rimesse laterali, per esercitare la nuova regola nei lanci in touche.

L’unico problema, dunque, sembra essere quello dettato dai bagagli del centro Walter Pozzebon, le cui valigie sono disperse nei meandri dell’aeroporto di Bucarest.

Oggi Pozzebon ha svolto l’allenamento con un paio di scarpini prestatigli da un compagno e, nel caso il bagaglio del trequarti della Benetton non dovesse fare in tempo la propria comparsa, il financial manager acquisterà un nuovo paio di scarpe da gioco direttamente a Bucarest.

Ultima annotazione: un solo Pavanello nei 22 convocati, Enrico della Benetton con la maglia numero 6.

Con il numero 18, in panchina, andrà il flanker del Calvisano, Roberto Mandelli.

 

ROMANIA, ANNUNCIATA LA FORMAZIONE

Bucarest – I tecnici della Nazionale romena, i francesi Robert Antona e Daniel Santamans, hanno comunicato ufficialmente la formazione romena che, in raduno collegiale da oltre una settimana, affronterà domani allo Stadio Nazionale di Bucarest l’Italia di John Kirwan.

Nella formazione titolare figurano 10 elementi che militano nel campionato francese o in quello italiano (Socaciu e Sauan, entrambi dell’ARD Rovigo) e, complessivamente, 15 reduci dei Mondiali 2003 (12 in campo e 3 in panchina).

Da segnalare l’importante rientro del pilone del Biarritz, Balan, una delle star della squadra, al rientro internazionale dopo un infortunio che ne ha precluso l’utilizzo nell’attività internazionale 2003/2004.

 

ROMANIA – ITALIA, COSI’ DOMANI IN CAMPO

Bucarest, Stadio Nazionale “Lia Manoliu”, 26 giugno 2004

Test-match internazionale – calcio d’inizio ore 18.00 (ore 17.00 in Italia - Diretta SportItalia)

ROMANIA: 15 DUMBRAVA (Steaua Bucarest, 22 anni, 14 caps); 14 VOICU (U. Cluy, 22, 4), 13 GONTINEAC (Aurillac, 30, 55), 12 SAUAN (ARD Rovigo, 30, 23), 11 GHIOC (Dinamo Bucarest, 26, 15); 10 TOFAN (Racing Club Parigi, 27, 40), 9 SIRBU (Racing Club Parigi, 27, 31); 8 PETRACHE (Beziers, 27, 28 cap), 7 TONITA (Perpignan, 23, 25), 6 MERSOIU (Steaua Bucarest, 26, 9); 5 PETRE (Tarbes, 25, 20), 4 TATU (Steaua Bucarest, 20, 4); 3 SOCACIU (ARD Rovigo, 32, 21), 2 ZEBEGA (Steaua Bucarest), 1 BALAN (Biarritz, 27, 36).

a disposizione:

16 PAULICA (U.Cluy, 21, 1), 17 TODERASC (Oyonnax, 23, 27), 18 URSACHE (Contor Zenner Arad) 19 BEJAN (Steaua Bucarest), 20 ANDREI (Steaua Bucarest, 29, 8), 21 DUMITRU (Steaua Bucarest) 22 DIMOFTE (Suceava)

ITALIA: 15 CANALE (Benetton Treviso, 21 anni, 9 caps); 14 MAZZUCATO (Ghial Calvisano, 28, 36), 13 MASI (Arix Viadana, 23, 13), 12 POZZEBON (Benetton Treviso, 25, 14), 11 ROBERTSON (Arix Viadana, 23, 0); 10 MAZZARIOL (SKG Gran Parma 29, 32), 9 TRONCON (Benetton Treviso, 30, 83, cap); 8 DE ROSSI (Ghial Calvisano, 31, 33), 7 PERSICO A. (Agen, 26, 40), 6 PAVANELLO E. (Enrico Pavanello, 23, 3); 5 DEL FAVA (Overmach Parma, 22, 1), 4 BORTOLAMI (Safilo Petrarca Padova, 24, 27); 3 COSTANZO (Benetton Treviso, 22, 0), 2 ONGARO (Benetton Treviso, 26, 21), 1 LO CICERO (Lazio&Primavera, 28, 34).
a disposizione:

16 INTOPPA (Ghial Calvisano, 23, 0), 17 SAVI (Arix Viadana, 30, 0), 18 MANDELLI (Ghial Calvisano, 25, 2), 19 PALMER (Benetton Treviso, 26, 11), 20 GRIFFEN (Ghial Calvisano, 29, 5), 21 CARPENTE (Conad L’Aquila, 25, 0), 22 BARBINI (Safilo Petrarca Padova, 22, 8)

Arbitro: Dickson (Scozia)

Guardalinee: Changleng (Scozia), Owens (Galles)

 

IN PANCHINA CARPENTE PER WAKARUA

BOLLESAN: “TOUR PER LANCIARE I GIOVANI DEL VIVAIO”

Bucarest – Per Marco Bollesan la sfida di domani tra Romania e Italia ha un sapore particolare: da giocatore, da capitano, da allenatore si è trovato di fronte alla nazionale balcanica in moltissime occasioni.

Praticamente da quando sono nato”scherza il Team Manager Azzurro.

La Romania – dice, ricordando le tante battaglie che lo hanno visto protagonista - era la nostra bestia nera: il match contro di loro, insieme a quello con la Francia, rappresentava quando ero giocatore il momento clou della nostra stagione. Era l’incontro che volevamo vincere a ogni costo, anche perché spesso, dopo l’incontro con la Romania, la nostra stagione internazionale aveva termine. E’ stato così – prosegue il Team Manager Azzurro – sino al tour in Sudafrica del 1973,  che ci spalancò le porte dell’attività internazionale, proponendo la nostra immagine al mondo del rugby che conta”.

Come CT dell’Italia – va avanti Bollesan -  ricordo che esordii a L’Aquila con una vittoria sulla Romania e chiusi a Milano con una sconfitta”.

Oggi – analizza l’ex terza linea -  l’Italia è inserita in modo stabile tra i 10 Paesi più forti del mondo mentre la Romania, attanagliata dalla crisi economica, per un certo periodo è rimasta indietro.

Ma, con l’avvento del professionismo, il movimento ha avuto una nuova spinta. Il rugby romeno sta seguendo la strada dell’Argentina, con i migliori giocatori impegnati all’estero.

Il livello del campionato romeno è modesto, ma la Nazionale può contare su giocatori che militano in alcuni dei campionati più competitivi, come quello francese”.

A dire il vero – prosegue -  anche una volta, quando Italia e Romania si affrontavano alla pari, le cose andavano in modo strano: il campionato romeno modesto ma la Nazionale era fortissima, capace di battere più volte anche la Francia, poiché formata da <professionisti>, ovvero giocatori militari o ferrovieri della Dinamo che, di fatto, vivevano di rugby mentre il resto del mondo, Italia compresa, viveva all’insegna dell’assoluto dilettantismo”.

Venendo alla partita di domani, Kirwan e Bollesan hanno scelto un XV con un solo equiparato, Kaine Robertson, che vive a Viadana dall’età di 18 anni.

Bollesan conclude: “Stiamo seguendo le linee tracciate dal Presidente Dondi e dal suo Consiglio Federale per una maggiore valorizzazione della scuola italiana. Questo tour rappresenta un’occasione preziosa per fare alcune verifiche importanti in chiave della Nazionale futura, attingendo ai prodotti del settore giovanile”.

 

ROMANIA – ITALIA, ARBITRA LO SCOZZESE DICKSON

Bucarest – Per la prima partita del tour estivo dell’Italia, l’IRB ha scelto una terna tutta britannica: direttore di gara sarà lo scozzese Dickson, assistito dal connazionale Changleng e dal gallese Owens.

 

ROMANIA – ITALIA, LA RIVALITA’ E’ ANTICA

AZZURRI IN SERIE POSITIVA DA 5 INCONTRI

Bucarest – Domani alle 18.00 (le 17.00 in Italia, diretta tv su SportItalia), allo Stadio Nazionale di Bucarest, Romania e Italia si affronteranno per la 40° volta nella loro storia: il primo precedente tra le due Nazionali risale al giorno di Santo Stefano del 1934, alla sua sesta uscita internazionale assoluta, superò a Milano la Nazionale balcanica per 7-0, con una meta dell’ala dell’Amatori Milano Cazzini nel primo tempo e un drop di Francesco Vinci, nella ripresa, a suggellare la vittoria.

Le due Nazionali si ritrovarono a Berlino un anno e mezzo più tardi e, in quell’occasione, l’Italia dovette faticare maggiormente per portare a casa la vittoria: finì 8-7 per gli Azzurri che, però, un anno più tardi a Bucarest, vennero fermati sullo 0-0.

Per centrare la prima vittoria ai danni dell’Italia, la Romania dovette aspettare il quinto match, il 14 aprile 1940, a Bucarest: 3-0 per i padroni di casa grazie a una meta di Marculescu.

Ancora un match a Milano, nel 1942, con vittoria Azzurra per 22-3, poi la lunga pausa per la guerra: le due Nazionali tornarono a incontrarsi nel 1953 e, da allora, si sono incrociate quasi stagionalmente, con una lunga serie di confronti in Coppa Europa.

Ad oggi, in 39 incontri, l’Italia ha conquistato 22 vittorie, mentre la Romania si è aggiudicata 15 incontri e due soltanto sono stati i pareggi: gli Azzurri sono in serie positiva da ormai cinque incontri e il successo più recente risale al 28 settembre 2002, quando a Parma la squadra di Kirwan superò la Romania 25-17 nel match valido per le qualificazioni Mondiali.

L’ultima vittoria romena, invece, è vecchia di più di dieci anni: a Bucarest, il 14 maggio 1994, il XV balcanico vinse 26-12, strappando all’Italia la Coppa Europa.

Insieme al capitano Azzurro Alessandro Troncon, che domani tornerà a vestire la maglia della Nazionale dopo l’infortunio al ginocchio che, in avvio di stagione, l’aveva costretto a rinunciare al 6 Nazioni, saranno otto i giocatori domani in campo ad aver già affrontato, in almeno un’occasione, il XV romeno: si tratta di

Bortolami, De Rossi, Lo Cicero, Mazzariol, Mazzuccato, Ongaro, Aaron Persico ed Enrico Pavanello che proprio contro la Romania, nel match di Parma, conquistò il suo primo “cap” in maglia Azzurra.

 

COSI’ NEGLI ULTIMI DIECI ANNI

Parma, 28/09/2002                         

Italia – Romania            25-17

Benevento, 18/12/2000                                   

Italia – Romania            37-17

Tarbes, 26/10/1997                         

Italia – Romania            55-32

Buenos Aires, 21/10/1995                              

Italia – Romania            40-3

Catania, 01/10/1994                        

Italia – Romania            24-6

Bucarest, 14/05/1994                      

Romania – Italia            26-12

 

 

LA PROGRAMMAZIONE TV DEL WEEK-END

ITALIA – ROMANIA SU SPORTITALIA E TEST INTERNAZIONALI SU SKY

Roma – Non solo il test-match degli Azzurri di John Kirwan, impegnati alle 17.00 a Bucarest contro la Romania, nel lungo week-end del grande rugby in tv.

Come è ormai tradizione, Sky Sport offrirà agli appassionati, tra sabato e domenica, un calendario densissimo di appuntamenti, a cui si affiancherà la programmazione di SportItalia: si inizierà domani mattina presto con la diretta (ore 8.30, Sky Sport 1) del test match che, ad Hamilton, metterà di fronte gli All Blacks neozelandesi, reduci dal doppio successo nella serie contro i Campioni del Mondo dell’Inghilterra e primi nel ranking mondiale, e l’Argentina.

Al termine dell’incontro una breve pausa prima di trasferirsi a Brisbane, dove l’Australia, dopo le due vittorie contro la Scozia, affronterà l’Inghilterra nella riproposizione della finale mondiale dello scorso novembre: contro un XV britannico in fase di rinnovamento, per gli Wallabies l’occasione giusta per dimenticare la finale di Sydney e il drop di Jonny Wilkinson.

Alle 15.00 nuovo trasferimento, sempre su Sky Sport 1: dall’Australia al Sudafrica, da Brisbane a Pretoria dove gli Springboks sudafricani, in netta ripresa dopo un Mondiale deludente, ospiteranno il Galles.

Alle 17.00, in diretta su SportItalia (per conoscere le frequenze terrestri del canale è sufficiente collegarsi a www.sportitalia.com) finalmente, sarà la volta di Troncon e compagni, che affronteranno a Bucarest la Romania.

Domenica, per chi avesse perso l’appuntamento con la diretta, spazio, su Sky, alle repliche di Nuova Zelanda – Argentina e Sudafrica – Galles prima di lasciare spazio, alle 15.00, alla diretta su SportItalia della finale 3°-4° posto del Mondiale Under 21: allo “Hughenden” di Glasgow Australia e Sudafrica si contenderanno il gradino più basso del podio della rassegna iridata giovanile.

Alle 21.00, la densa due-giorni di rugby in tv si concluderà con un match che si preannuncia di assoluto interesse: sempre da Glasgow, differita della finalissima dei Mondiali Under 21 con i campioni in carica della Nuova Zelanda costretti a guardarsi da un’Irlanda divenuta la vera sorpresa del torneo.  

Questa la programmazione completa di sabato e domenica:  

 

SABATO 26 GIUGNO
Ore 08.30, diretta Sky Sport 1 Test-match internazionale
NUOVA ZELANDA - ARGENTINA
Ore 11.00, diretta Sky Sport 1 Test-matc
h internazionale
AUSTRALIA – INGHILTERRA
Ore 15.00, diretta Sky Sport 1 Test-match internazionale
SUDAFRICA – GALLES

Ore 17.00, diretta SportItalia Test-match internazionale
ROMANIA – ITALIA
Ore 21.00, differita Sky Sport 1 Test-match internazionale
AUSTRALIA – INGHILTERRA
Ore 01.15, differita Sky Sport 1 Test match internazionale
SUDAFRICA - GALLES

DOMENICA 27 GIUGNO
Ore 09.00, differita Sky Sport 1 Test-match internazionale
SUDAFRICA - GALLES
Ore 11.30, differita SkySport 1 Test match internazionale
NUOVA ZELANDA - ARGENTINA
Ore 15.00, diretta SportItalia Finale 3°-4° posto RWC Under 21
AUSTRALIA - SUDAFRICA
Ore 21.00, differita SportItalia Finale 1°-2° posto RWC Under 21
NUOVA ZELANDA - IRLANDA

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl