KIRWAN ANNUNCIA IL XV PER IL GIAPPONE

KIRWAN ANNUNCIA IL XV PER IL GIAPPONE

Allegati

02/lug/2004 17.01.58 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Roma, 2 luglio 2004

 

KIRWAN ANNUNCIA IL XV PER IL GIAPPONE

DIRETTA SPORTITALIA DOMENICA ALLE 07.00 ITALIANE

Tokyo -  Ultimo allenamento, oggi, per la Nazionale Italiana in vista del test match di domenica pomeriggio a Tokyo contro il Giappone.

Il CT Kirwan ha fatto svolgere l’allenamento alla stessa ora in cui l’incontro è in programma, per abituare gli Azzurri alle condizioni climatiche a cui si troveranno di fronte tra meno di 48 ore.

La squadra è apparsa pimpante e in condizioni fisiche e mentali in crescita nonostante le fatiche del tour.

Il successo contro il Giappone “A” di mercoledì si è dunque rivelato un buon tonico, così come anche il fatto che tutti e 30 i giocatori siano disponibili per il match.

Se, da una parte, questa situazione ha complicato in qualche maniera le scelte del CT, dall’altra offre una buona carica di ottimismo.

Prima di entrare sul campo si è tenuto il tradizionale incontro tra il CT e la folta rappresentanza di stampa nipponica, a cui Kirwan, in sintesi, ha risposto come segue: “Quella di domenica è, per noi, una partita molto importante. Prima di partire per il tour ci eravamo posti come obiettivo tre vittorie in altrettante partite: in Romania è andata male e, quindi, battere il Giappone è imperativo. Sicuramente non sarà facile, ho visto il rugby giapponese migliorato e più completo di quando allenavo qui.

Però, nel match di mercoledì, per loro come per noi si sono verificati troppi errori.

Comunque, in particolare, ho visto miglioramenti nelle tecniche di ruck e nell’organizzazione difensiva della Nazionale giapponese.

Il clima? – si interroga Kirwan – potrebbe forse rappresentare un vantaggio per il Giappone ma non accamperemo mai alcuna scusa di questo tipo.

Tra i nuovi inserimenti Azzurri per la gara di domenica Dal Maso, che ha giocato bene ad Osaka, è giovane e gioca con la giusta tensione, Carlo Del Fava, anche lui buono in prospettiva immediata e futura. Infine, Kaine Robertson che è senz’altro il giocatore più veloce in Italia.

 

Il calcio d’inizio dell’incontro è previsto alle 14.00 di domenica ora locale (le 7.00 in Italia): la diretta tv è in programma su SportItalia, con repliche lunedì alle 21.00 e martedì alle 15.00.

 

Tokyo, Stadio Prince Chichibu Memorial Rugby Ground – test match

Domenica 4 luglio, ore 14.00 locali (diretta tv SportItalia ore 7.00 italiane)

GIAPPONE - ITALIA

 

GIAPPONE  - 15 Endo, 14 Hirao, 13 Hoata, 12 Motoki, 11 Onozawa; 10 Morita, 9 Ikeda; 8 Ito T., 7 Miuchi (cap), 6 Mau; 5 Kumagae, 4 Parker; 3 Yamamura, 2 Matsubara, 1 Hisadomi

A disposizione: 16 Yamaoka, 17 Miyamoto, 18 Vatuvei, 19 Kubo, 20 Ito M., 21 Mukoyama, 22 Takei

 

ITALIA - 15 Canale; 14 Robertson, 13 Masi, 12 Barbini, 11 Pozzebon; 10 Wakarua, 9 Griffen; 8 Dal Maso, 7 Bergamasco Ma., 6 Pavanello E.; 5 Bortolami (cap), 4 Del Fava; 3 Castrogiovanni, 2 Ongaro, 1 Lo Cicero

A disposizione: 16 Intoppa, 17 Savi, 18 Mandelli, 19 Persico A., 20 Troncon, 21 Carpente, 22 Mazzucato

 

BORTOLAMI TORNA CAPITANO A DUE ANNI DALL’ESORDIO

Tokyo – Otto giugno 2002, ad Hamilton, esordio di Marco Bortolami come capitano nel test match contro gli All Blacks festeggiato dal giocatore con una fuga di 70 metri e una meta in mezzo ai pali.

Due anni più tardi riecco il gigante padovano ritornare in possesso dei gradi in occasione del test di Tokyo di domenica.

“Un piacere che mi colma di orgoglio. In questi anni ci sono stati momenti difficili e momenti belli, ho capito che nel rugby quello che ti viene dato te lo meriti. Sorpreso? Vista la formazione, relativamente. Prima, certo, non mi aspettavo questa responsabilità in un tour come questo, con giocatori più anziani e più esperti, gerarchie da seguire.

Ora tocca a me e, naturalmente, la speranza è di conservare i gradi anche in futuro. Dipenderà molto dall’esito della partita, dalla nostra capacità di approcciarci positivamente al match.  L’importante è porsi sempre traguardi da raggiungere e mantenere e, nello sport, è più arduo mantenere certe posizioni che conquistarle”.

 - Bortolami, un capitano giovane per una Nazionale giovanissima, con una media di età di 23,4 anni...

“Non credo che, al mondo, ci siano altre Nazionali che possono vantare una media analoga. Deve essere motivo di orgoglio, questo, per tutto il movimento. Certo, i pericoli ci sono perché può capitare, come contro la Romania, che non si riesca a dare il 100% ma, anche se siamo giovani, dobbiamo rendere come tutti gli altri, senza nessuno sconto”.

- Com’è la squadra vista dal capitano?

“Sicuramente stimolata, consapevole di aver affrontato la Romania troppo rilassati. Comunque la brutta prestazione ci porta al match di domenica più motivati. Fisicamente abbiamo svolto un buon lavoro e ci sentiamo preparati”.

 - Il pack italiano pesa 40 chili più di quello giapponese e i tre saltatori superano i nipponici in altezza di cinque centimetri. Ciò dovrebbe garantire agli Azzurri un buon possesso del pallone…

“Ho visto il Giappone “A” mercoledì lavorare palloni buoni e di qualità tanto in touche che in mischia. Però noi siamo in condizioni, sicuramente, di avere un possesso migliore e di migliore qualità. Queste sono le basi per lanciare il miglior gioco d’attacco. Se noi primi cinque (prima e seconda linea) saremo concentrati dietro abbiamo uomini come Masi e Canale che possono fare la differenza. E poi c’è Kaine Robertson, il giocatore più positivo di questo tour”.

 

DICIOTTO ANNI DOPO IL GIAPPONE CERCA LA RIVINCITA

Tokyo -  Allo Stadio “Prince Chichibu Memorial Rugby Ground”, domenica, il Giappone schiererà il miglior XV assoluto. Della formazione, infatti, superata dall’Italia “A” mercoledì ad Osaka nel XV iniziale figura solo un superstite: la seconda linea Adam Parker (194x106).

Evidentemente i giapponesi hanno voluto risparmiare i loro uomini migliori per il test match contro l’Italia.

Nel tentativo di riprendersi la rivincita su quell’unico precedente che data 21 ottobre 1976 quando in quel di Padova l’Italia superò il XV asiatico per 25-3.

In realtà, in quella circostanza, ci fu anche un altro match, non ufficiale, che vide gli Azzurri a L’Aquila ancora vittoriosi a livello di Under 23 con un risicato 31-30.

La squadra, infatti, è formata per 13/15 dai giocatori che hanno recentemente conquistato la SuperPowers Cup, il torneo che raduna le quattro Nazionali migliori del Pacifico Settentrionale Stati Uniti, Canada, Russia e Giappone.

I nipponici, alla fine di maggio, si sono imposti sia sulla Russia che sul Canada.

La formazione si è rinnovata rispetto alla Coppa del Mondo dello scorso anno, ma mantiene i suoi 7 elementi migliori tra cui il capitano Miuchi, terza linea di assoluto valore mondiale, e il centro Motoki che con i suoi 63 caps è il rugbista più popolare nel Paese del Sol Levante.

Nella formazione figurano 3 equiparati, ossia oltre ad Adam Parker anche il flanker fijiano Feletiki Mau mentre in panchina figura Latangi Vatuvei, numero 8 fijiano. 

 

TERNA ARBITRALE NEOZELANDESE PER IL TEST DI TOKYO

Tokyo – Per il test match Giappone – Italia l’International Rugby Board ha inviato una terna arbitrale di grande prestigio internazionale, tutti e tre neozelandesi.

L’arbitro è Kelvin Mark Deaker. Giudici di Linea Lindon Bray e Brad Bowden.

 

 

 

 

 

SELEZIONE AZZURRA U18 IN ARGENTINA

SCELTO IL XV PER LA SFIDA ALLA SELEZIONE DI CORDOBA

Cordoba – Lo staff tecnico della Selezione Under 18  ha scelto al termine dell’allenamento di questa mattina, la formazione che domani affronterà la Selezione Provinciale U18 di Cordoba.

Molti i cambi annunciati da Guidi e Pavan rispetto al XV azzurro che mercoledì scorso, nel primo appuntamento del tour sudamericano, ha affrontato e battuto 29 – 13 il Tala Rugby Club, formazione detentrice del Titolo Nazionale U.18.

I tecnici hanno dovuto rinunciare al capitano del tour Marco Filippucci che lamenta una distorsione alla caviglia  e così anche ad Enrico Ceccato per una contrattura al bicipite femorale. Scenderà in campo con i gradi di capitano il tallonatore Lorenzo Giovanchelli.

 

Sabato 3 luglio, Cordoba, ore 15.30
Selezione Provinciale di Cordoba - Selezione Italiana U18
Selezione Italiana:
 15 Sepe; 14 Selvaggio, 13 Paoli, 12 Ceselin, 11 Giampietri; 10 Ceccato, 9 Semenzato;  8 Derbyshire, 7 Rota, 6 Paghera; 5 Nardi, 4 Tveraga; 3 Giazzon, 2 Giovanchelli (capitano), 1 De Marchi.

A disposizione: 16 De Michelis, 17 Murri, 18 Satamaria, 19 Saccardo, 20 Romei, 21 Sgarbi, 22 Barbieri.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl