comunicato stampa 5 giugno

05/giu/2002 18.10.53 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

RUGBY Notizie a cura dell'Ufficio Stampa FIR

Taupo (Nuova Zelanda), 5 giugno 2002

ALL BLACKS ITALIA -3

CULLEN: non sottovalutiamo l italia di kirwan

Taupo Mercoledì 5 giugno, ore 13, Hamilton ( quarta città della Nuova Zelanda con 13.300 abitanti, ma uno stadio bellissimo con 26 mila posti): incontro stampa con gli All Blacks in vista del test-match di sabato contro l Italia; ovvero colloquio a due fra giornalisti e giocatore "prenotato" disposto a rispondere. Non disponibili l allenatore John Mitchell ed il neo-capitano Reuben Thorne che parleranno venerdì. I più gettonati sono le superstar Lomu ed Umaga, a prescindere dal loro impiego in campo. Quella di Lomu poi è una disponibilità limitata in quanto deve sottoporsi ad esami clinici perchè i suoi reni fanno di nuovo le bizze. Sarà, comunque, in panchina sabato contro gli azzurri.

Ma anche senza Lomu ed Umaga i trequarti All Blacks vantano sempre un componente atletica di tutto il rispetto, con una sola eccezione quella relativa al ruolo di estremo dove ritrova collocazione Christian Cullen, giocatore assolutamente "umano" : 1,80m. per 85 kg, estremo classico dal gioco dinamico ed effervescente, quarto nelle classifiche dei metamen di ogni tempo, dopo David Campese 64, R. Underwood 50 , e J. Wilson 43. Con 42 mete all attivo Cullen è l unico in attività che potrebbe agguantare il fuoriclasse italo-australiano.

Curiosità nelle curiosità l ultima partita che Cullen ha giocato da titolare è stata quella di due anni fa a Genova contro l Italia, terminata 56 19 per gli All Blacks.

"Lo ricordo benissimo quel -test match di Genova! E non solo perchè è stato l ultimo da titolare - sorride ironicamente Cullen-, ma anche perchè fu una partita molto dura, disputata in uno stadio molto bello, con una cornice di pubblico grandiosa che ti applaudiva e ti sovrastava. Uno spettacolo indimenticabile. L Italia ci obbligò a fare gli straordinari per piegarla e non meritò un punteggio così severo."
  • Che tipo di Italia sarà quella di sabato?
"L ho vista giocare nella prima partita del Tour , quella contro Manawatu. Avevo letto che John Kirwan avrebbe fatto giocare l Italia molto aperto e così è stato. Mi auguro che non cambi strategia nella partita contro di noi. A noi sta bene questo tipo di sfida, così che venga fuori un gran match".

- Dati i precedenti ( sei sconfitte su sei test-match) l Italia potrebbe essere presa sottogamba&

"Assolutamente no. Nutriamo per l Italia lo stesso rispetto che abbiamo verso il Sud Africa. Il fatto che sia imbattuta nel suo Tour, che abbia realizzato otto mete con i trequarti, mentre provava gli uomini da schierare sabato, la dice lunga sulla potenzialità degli azzurri da non sottovalutare. In realtà, come tutte le partite, sarà determinante la conquista del pallone da parte degli avanti&"

Sulla stessa linea dell estremo Cullen anche il centro Daryl Gibson dalla stazza decisamente più All Black: 1,81m. per 98 kg.

"Anche io ho visto giocare l Italia nel Tour: il secondo tempo contro Manawatu e tutta la partita contro il N.W. Divisional XV. riflette il vice capitano degli All Blacks- Ho visto ruotare una trentina di giocatori di buon valore in grado di far girare bene la palla, in bello stile. Evidentemente John Kirwan sta facendo un buon lavoro. Il Divisional XV è stato un buon test perchè fisicamente molto forte con avanti molto pesanti ed una buona motivazione. Mi aspetto di incontrare sabato un Italia migliorata perchè metterà in campo i migliori giocatori con una settimana in più di preparazione".

Mentre gli All Blacks già sono ad Hamilton, sede del test-match- gli azzurri vi arriveranno domani. Oggi è stato l ultimo giorno di lavoro duro a Taupo con due sessioni di allenamento. Domani è previsto un allenamento mattutino prima di imbarcarsi in pullman verso Hamilton. E così anche nella vigilia di venerdì.

Tornando all oggi , in mattinata John Kirwan ha comandato due ore intense di lavoro dedicate al movimento collettivo di attacco, alle situazioni successive alle touche ed ai ripiegamenti dopo le giocate. Nel pomeriggio enfasi sulle mischie e sulla occupazione degli spazi sui calci tattici.

L atmosfera continua ad essere perfetta. Il morale è alto. Bollesan ed il management sono molto attenti ad evitare momenti critici e , quando è il caso, allentano i cordoni portando tutti fuori a cena. I 30 giocatori godono di buona salute, ivi compreso Mauro Bergamasco che, ormai, si allena con gli altri molto prossimo al recupero totale. La formazione verrà comunicata domani mattina.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl