Finale Scudetto 2008/2009, pubblico e insuccessi dell'Evento: LIRE si dissocia

Finale Scudetto 2008/2009, pubblico e insuccessi dell'Evento: LIRE si dissocia COMUNICATO STAMPA LEGA RUGBY n°172 - 2008/2009Finale Scudetto 2008/09, pubblico e insuccessi dell'Evento: LIRE si dissocia Parma, 1 Giugno 2009 - Facendo seguito a quanto riportato su diversi organi di stampa dopo la Finale Scudetto del 30 maggio scorso, la Lega Italiana Rugby d'Eccellenza prende atto dell'insuccesso in termini di spettatori allo stadio e promozione in loco dell'evento.

01/giu/2009 17.54.48 Stampa Lega Rugby Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



COMUNICATO STAMPA LEGA RUGBY 172 – 2008/2009
Finale Scudetto 2008/09, pubblico e insuccessi dell’Evento:
LIRE si dissocia

Parma, 1 Giugno  2009 – Facendo seguito a quanto riportato su diversi organi di stampa dopo la Finale Scudetto del 30 maggio scorso, la Lega Italiana Rugby d’Eccellenza prende atto dell’insuccesso in termini di spettatori allo stadio e promozione in loco dell’evento.

Una conclusione vergognosa di un processo di crescita che tra variazioni di sede (Rovigo, Padova, Monza), aveva registrato negli anni una costante crescita di presenze, visibilità ed attrazione all’Evento che assegna lo Scudetto ed il Titolo di Campione d’Italia di Rugby (79 edizioni).

L’insoddisfazione e risultato negativoparte sin dalle modalità di designazione e organizzazione della sede della finale da decisione della Federazione Italiana Rugby come da consiglio federale del 18  luglio 2008, quasi un anno prima dell’Evento più atteso e importante per il rugby di club.

Nessun confronto e coinvolgimento della LIRE prima di quella decisione, nonostante l’appoggio della stessa LIRE alla candidatura di presidenza FIR e viste le esperienze di organizzazione dell’Evento svolte dalla struttura dal 2002 al 2008 e ripartendo dalla finale di Bologna del 2001 con pubblico scarso allo stadio Dallara.

Il mancato e pieno coinvolgimento politico si è acuito con il passare dei mesi e sino allo scorso febbraio, viste le tempistiche da sempre rispettate da LIRE e vista la definizione della classifica con ormai sei squadre del nord Italia stazionate nelle prime sei posizioni.

La strategia imperativa della Federazione di raccogliere tutte le finali delle varie categorie in un solo week-end non ha avuto esito positivo, potrà esserlo solo con un’attenta e semplice pianificazione delle leve base di successo dell’evento, intanto nel 2009 ha cassato in una sola edizione i lavori svolti da LIRE in 7 anni quale azione guida a favore dei club e su decisioni degli stessi club.

E’ risultato insufficiente accorpare in un’unica giornata (e in un unico biglietto) le finali di Serie A e Super 10 con un incomprensibile ritardo nell’ufficializzazione dell’Evento (28 aprile 2009! nonostante la decisione del luglio 2008).

Ciò a poco più di un mese dall’evento in una sede ambita, il Flaminio, e da sempre valutata dai club per riprodurre in Italia gli esempi di successo di Inghilterra, Twickhenam, e Francia, Stade de France. Roma è sede da curare, l’improvvisazione ha portato al risultato da tutti visto.

Fin dall’avvio della propria attività la Lega Rugby ha sempre provveduto ad individuare la sede più idonea allo svolgimento della finale, valutando molteplici fattori e attivandosi con le amministrazioni, gli enti sportivi locali, i media, ogni cellula base per la promozione dell’evento e offrendo allo stesso una copertura completa. Allo stadio Brianteo di Monza, per la finale del Groupama Super 10 2007/2008 erano presenti oltre 11.000 spettatori, sede con le stesse caratteristiche in ambito metropolitano (Milano) della Capitale.

Di fatto la Lega Italiana Rugbyd’Eccellenza con l’edizione 2008/2009, dopo le decisioni federali che ne hanno sancito la prossima chiusura, è stata esautorata senza essere però sostituita adeguatamente dagli organi preposti all’organizzazione della finale. Sono stati comunque lodevoli gli sforzi profusi dagli stessi uffici delegati della struttura FIR, parte operativa che ha supportato e rispettato dei tardivi ordini.

Non si è tenuto conto dell’esperienza maturata negli anni da parte della Lega che si è trovata ad interpretare la parte dell’Istituzione da non riconoscere a priori per tutto il 2008/09 sino all’evento più importante della stagione.

LIRE ha voluto adempiere con l’abituale competenza e professionalità ai propri obblighi contrattuali ed avrebbe svolto ogni azione rivolta ad accrescere la fama ed il futuro successo di un grande evento con protagonista il rugby di club, pur noto il non riconoscimento ed i silenzi da parte federale per risolvere le problematiche sorte o create ad hoc.

L’atto conclusivo di sabato sera al Flaminio riserva non pochi dubbi sul futuro del rugby di club Italiano, riportato di colpo all’anno zero.

 

Ufficio Stampa Lega Rugby
Francesco Lia / Edit.Freedom
334/6496.818
Via Viotti, 7 – 43100 Parma
Tel. 0521/469.053 – 463.084
Fax 0521/467.500
stampa@legarugby.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl