RADUNO DELLA NAZIONALE AL NEVEGAL...

Allegati

13/set/2004 19.00.10 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Roma, 13  settembre 2004

 

RADUNO DELLA NAZIONALE AL NEVEGAL:

PER GLI AZZURRI GIORNATA DI TEST FISICI

Nevegal Non sono mancate le assenze dell’ultimo minuto al mini-raduno della Nazionale Italiana Rugby, al lavoro da questa mattina a Nevegal per i test fisici di selezione in vista dei Jaguar Test Match di novembre (6 novembre a L’Aquila contro il Canada; 13 novembre allo Stadio Flaminio di Roma contro la Nuova Zelanda; 27 novembre a Biella contro gli Stati Uniti):

Giorgio Intoppa, tallonatore del Ghail Calvisano, colpito da un forte attacco febbrile, non ha potuto prendere parte all’appuntamento di Nevegal e altrettanto hanno fatto il compagno di club Paul Griffen, trattenuto dall’imminente parto della moglie, e il flanker dell’Arix Viadana Lance Persico, fratello minore di Aaron.

Esentati dai test, sia mattutini che pomeridiani, il pilone Andrea Lo Cicero, di recente sottoposto ad appendicectomia,  ed i tre-quarti Rima Wakarua e Danilo Carpente.

Alla lista degli indisponibili, inaspettatamente, si è aggiunto a mini-raduno già iniziato il Dottor Gianluca Melegati, capo dello staff medico Azzurro, che approfittando di un momento di pausa dei test in palestra del mattino si è avventurato in solitario sui sentieri che attraversano le montagne circostanti: il medico milanese è improvvisamente scivolato sul ghiaione, procurandosi la frattura di cinque costole.  Melegati è stato immediatamente trasportato in ospedale e sottoposto alle cure del caso: le sue condizioni non destano preoccupazione. 

Quella di Melegati è stata l’unica defezione nello staff, presente a Nevegal al gran completo con il CT John Kirwan, il Team Manager Marco Bollesan, gli Assistant Manager Carlo Checchinato e Luca Liussi, gli Assistant Coach Grant Doorey e Carlo Orlandi, il video-analyst Franco Properzi, il fitness trainer Pascal Valentini e il suo vice Gianfranco Beda, lo psicologo Claudio Robazza, il dottor Patacchini ed  i fisioterapisti Ennio Zaffalon e Claudio Fossati.

 

NEW ENTRY TRA GLI AZZURRI DI KIRWAN

DALL’UNDER 21 L’ESTREMO ENRICO PATRIZIO

Nevegal In sostituzione degli atleti assenti, John Kirwan ha rinforzato l’organico chiamando al raduno, inaspettatamente, un giovane estremo di 20 anni: si tratta di Enrico Patrizio, numero 15 cresciuto tra le fila del Mogliano e, da quest’anno, al Carrera Petrarca con cui non ha ancora potuto esordire per problemi di tesseramento.

E’ lo stesso Patrizio a raccontare la propria “favola”: “Ero già stato notato da Kirwan, tanto è vero che si era profilata la possibilità di partecipare al tour estivo in Romania e Giappone. Ma gli esami di maturità me lo hanno impedito.

Nei giorni scorsi poi, con l’Under 21, ho partecipato a Treviso alla rassegna pre-stagionale delle “9 Serate di rugby”: il CT era era sugli spalti e devo avergli fatto nuovamente buona impressione, dal momento che questa mattina ho ricevuto, con una felicità enorme, la convocazione”.

Estremo di considerevole stazza (185x96kg), Patrizio si è avvicinato al rugby a soli 6 anni grazie al padre, ex giocatore del Venezia.

Il suo ruolo preferito è quello di estremo (“dicono che, come tipologia di giocatore, assomiglio ad Andrea Masi”) ma può giocare anche centro o ala .

Il giovane talento veneto ha preso parte a tutta l’attività delle giovanili a partire dall’Under 15.

Lo scorso anno è stato fermo per due infortuni (lussazione della spalla e strappo al quadricipite) ma due anni fa, a 17 anni, era stato convocato e aveva con la Nazionale Under 19.

Ora è nella rosa dell’Under 21 di Franco Ascione ed ha giocato è sceso in campo nei giorni scorsi, nelle “9 Serate di rugby”, contro il VeneziaMestre e contro il San Marco Rugby Club.

 

SERIE A, GIRONE 1

IL FERTILE VIVAIO DELLA LAZIO&PRIMAVERA

Roma – A 13 giorni dall’inizio del campionato di Serie A (la prima giornata è in calendario domenica 26 settembre) la Lazio&Primavera (Girone 1) sembra avere idee chiarissime su cosa aspettarsi dalla stagione che sta per prendere il via: il sesto posto dell’anno scorso va consolidato, magari andando a conquistare punti pesanti nei derby con l’Unione Rugby Capitolina e la Rugby Roma, e per farlo la società del Presidente Renzo Nostini ha deciso di continuare a puntare sul proprio, fertilissimo vivaio.

Vivaio i cui prodotti, in estate, hanno attirato non poco i club di Super 10 che hanno bussato numerosi alla porta della Lazio&Primavera per assicurarsi alcuni dei giovani di grande qualità sbocciati sui campi dell’Acqua Acetosa, casa della Lazio&Primavera: così Ludovico Nitoglia e Valerio Bernabò, fresco capitano dell’Italia Under 21, hanno preso la strada di Calvisano su forte spinta dell’ex CT degli Azzurrini Andrea Cavinato, nuovo tecnico dei bresciani; e al Nord si sono accasati anche Nicola Leonardi, uno dei vice-campioni europei dell’Italia Seven, e Michele Nitoglia, convocato dal CT John  Kirwan per il tour estivo in Romania e Giappone.

Se, a queste quattro partenze, si aggiunge anche quella del pilone Azzurro Andrea Lo Cicero, che dopo aver offerto l’anno passato al club laziale la propria esperienza è tornato sul palcoscenico del Super 10 con il Conad L’Aquila, ecco che il quadro potrebbe, a prima vista, apparire preoccupante.

E, invece, siamo soddisfatti e partiamo con buone ambizioni– spiega Sven Valsecchi, l’ex giocatore delle Fiamme Oro che guida lo staff tecnico della Lazio – e con la consapevolezza di avere, alle spalle, un eccellente vivaio.

Abbiamo una prima squadra giovane, con diversi ragazzi stabilmente nel giro delle Nazionali giovanili, in grado di confermarsi sui livelli dell’anno passato; ma, ancor più importante, abbiamo alle spalle un’Under 19 che, come quelle che l’hanno preceduta, appare quanto mai promettente, con alcuni elementi che prevediamo di far esordire in Serie A nel corso della stagione e su cui siamo pronti a scommettere anche in chaive futura”.

Il 21 novembre, poi, nell’ottava giornata del girone d’andata, si disputerà il derby con l’Unione Rugby Capitolina, inedito a livello di prima squadra: “Dopo tanti derby a livello giovanile, tra cui la finale scudetto Under 19 2002/2003 da noi persa per un solo punto al Flaminio, finalmente affronteremo l’U.R.C. anche a livello Seniores: loro puntano al Super 10 e non ne fanno mistero, hanno allestito una squadra competitiva e, oggi, abbiamo appreso che potranno contare anche su Gonzalo Camardon, con noi nel 2003/2004. Faremo il possibile per complicare loro la vita”.

Il doppio confronto con il club di Via Flaminia, la cui sede dista solo pochi chilometri in linea d’aria dall’Acqua Acetosa, non sarà però l’unica stracittadina che la Lazio&Primavera dovrà sostenere; anzi già il 10 ottobre, alla terza giornata, i ragazzi di Valsecchi troveranno sul proprio cammino la Rugby Roma di Ambrogio Bona e  Jannie Breedt: “La Rugby Roma – spiega ancora il tecnico biancocelesteè sicuramente la formazione più attrezzata dell’intera Serie A e credo parta per puntare decisa alla promozione in Super 10. Per quanto riguarda il nostro girone, però, punterei gli occhi anche sul San Marco Rugby Club, di cui si conosce ancora poco, e sul VeneziaMestre che, l’anno passato, ha a mio parere fatto vedere il miglior rugby della categoria e ha pagato solo lo scarso peso del proprio pack; nel Girone 2, invece, la favorita mi sembra chiaramente il Piacenza. Ma se devo dare un nome alla squadra che salirà nel massimo campionatoconclude Valsecchi - dico Rugby Roma:  la Capitale ha bisogno di una squadra in Super 10”.

 

Società: A.S.D. LAZIO&PRIMAVERA RUGBY

Anno di fondazione: 1927

Palmares: -

Presidente: Renzo Nostini

Allenatore 1° squadra: Sven Valsecchi (confermato)

Addetto stampa: Maurizio Cordelli

Così nel 2003/2004: 6° Serie B, Girone B

Obiettivi 2004/2005: centro classifica

Colori sociali: bianco-celeste

Campo da gioco: Centro CONI Acqua Acetosa, Roma

Sponsor: Impresa E. Mantovani (metallurgia), Motorcity Toyota (Concessionaria Auto)

Nuovi arrivi: Rodrigo Martinez (pilone, ARG)

Partenze: Valerio Bernabò (seconda linea, Ghial Calvisano); Ludovico Nitoglia (ala, Ghial Calvisano), Michele Nitoglia (ala, Safilo Petrarca Padova), Nicola Leonardi (mediano di mischia, Safilo Petrarca Padova), Andrea Lo Cicero (pilone, Conad L’Aquila), Daniele Nardi (seconda linea, Varsavia)

 

LA ROSA

 

Estremi: Claudio BERNABO’

Ali: Federico ALVERA’, Cristiano FABRIS, Vincenzo MARRANO, Massimo MILAZZO, Giuseppe NITOGLIA, Carlo PENTERIANI, Diego VARANI

Centri: Giovanni BIFANO, Michele BRUNI, Gonzalo CAMARDON, Stefano LEONARDI, Daniele PIERVINCENZI, Paolo SANTORO, Pier Carlo SIGNORELLI

Mediani d’apertura: Claudio CALIGIURI, Fabrizio CARANCI, Edoardo FRANCHINI, Edoardo GARGIULLO

Mediani di mischia: Leonardo BRUSCHETTI, Gabriele GENTILE

Terze linee: Luca CEROCCHI, Matteo CIAMPI, Emanuele LEONARDI, Giuseppe LLOY, Claudio MANNUCCI, Giovanni MANOZZI, Massimo PEDRETTI, Simone SANTESE, Filippo ZAMPIERI

Seconde linee: Andrea LIVRAGHI, Alberto ZAMBONI

Tallonatori: Adriano ANCELOTTI, Gabriele ANGELINI, Alberto BITOCCHI

Piloni: Giorgio BARTOLOMEI, Giulio CANCELLIERI, Nicola CANNONE, Massimo GUERRINI, Rodrigo MARTINEZ, Marco MOSCATELLI, Giulio PAGANELLI, Marco PORTA, Riccardo ROSSI, Federico SERPIETRI

 

SERIE A, GIRONE 2

RUGBY UDINE, IN SERIE A DOPO 40 ANNI

Udine – Tre promozioni in quattro anni, e un pensierino a proseguire nel cammino iniziato nel 2000/2001, con la promozione dalla C2 alla C1 e  andato avanti sino al primo posto in B della passata stagione: la prossima fermata si chiamerebbe Super 10.

Il Rugby Udine si affaccia sul Campionato di Serie A (Girone 2) con l’umiltà tipica delle neo-promosse ma, anche, con la voglia di emergere da subito con una squadra giovane, guidata sul campo da alcuni ragazzi di valore, con lunga esperienza internazionale juniores, come il terza linea Alessandro Zanni e il mediano di mischia Marco Pitton.

Due talenti coltivati, insieme a tanti altri, in un settore giovanile che vanta una buona tradizione, mai venuta meno nemmeno nei periodi più difficili: “Seguo il Rugby Udine da qualcosa come 45 anni – spiega il Vice-Presidente Marco Pellegrini – e ho attraversato tanto i momenti felici che quelli più duri in cui la nostra Società è venuta a trovarsi.

Nonostante le difficoltà che derivano dal praticare rugby al confine più orientale d’Italia siamo sempre riusciti ad andare avanti e adesso, anche grazie ad un  Presidente giovane ed entusiasta come Luca Diana, siamo riusciti a tornare in alto”.

In estate, a rafforzare e a dare esperienza una rosa composta in larga maggioranza da giocatori del luogo, sono arrivati i neozelandesi John Chilton e Andrew Henley, terza linea il primo, trequarti centro il secondo, che inseriti in un gruppo già collaudato nonostante la bassa età media potrebbero garantire il definitivo salto di qualità anche se un’eventuale promozione appare, al momento, obiettivamente difficile: “Sapremo adeguarci a qualunque situazione – dice Pellegrini – sono sicuro che se ci troveremo a lottare per l’alta classifica sapremo esaltarci, ma sapremo anche stringere i denti se, al contrario, sarà necessario lottare per rimanere in Serie A. In ogni caso, venderemo cara la pelle in ogni partita”.

Il primo successo, intanto, è arrivato nei giorni scorsi a Treviso, nelle amichevoli di pre-campionato inserite nel calendario della kermesse delle “9 serate di rugby”: il San Donà, squadra che con la Serie A vanta frequentazione ben più assidua di quella del club friulano, si è arreso di misura, 12-10.

Adesso non resta che attendere il 26 settembre, quando il Rugby Udine farà visita alla Pro Recco Rugby nella prima giornata del Campionato di Serie A.

 

Società: RUGBY UDINE

Anno di fondazione: 1946

Palmares: -

Presidente: Luca Diana

Allenatore 1° squadra: Gustavo Dalla /Luigi Liguori (confermati)

Così nel 2003/2004: 1° Serie B, Girone C – promossa in Serie A

Obiettivi 2004/2005:

Colori sociali: bianco-nero

Campo da gioco: Stadio del Rugby “Otello Gerli”, Udine

Sponsor: Modul Blok (tecnologie di magazzino)

Sito internet: www.rugbyudine.it

Nuovi arrivi: John D. CHILTON (NZL), Andrew HENLEY (NZL), Davide MACOR, Tiziano ROFFARE’, Daniele TADDIO, Daniele TRIPEPI

Partenze: Fabrizio BAREI, Alessio BAREI, Marco BERTETTI, Duncan BILLANE, Sandro CASARSA, Marco CERON

 

LA ROSA

 

Estremi:

Ali: Luca DE PAOLI, Luca NUNZIATA, Alessandro ROSSI, Gabriele VIDONI

Centri: Roberto BERTETTI, Andrew HENLEY (NZL), Davide MACOR, Giovanni PICOGNA, Tiziano ROFFARE’, Massimo ZANELLA

Mediani d’apertura: Ivan DE SPIRT, Simone LENTINI

Mediani di mischia: Matteo PEVERE, Marco PITTON

Terze linee: John D. CHILTON (NZL), Martin DANIELE, Francesco GALGANI, Michele PANZANINI, Michele TEGHINI, Alessandro ZANNI

Seconde linee: Ivan BAREA, Fulvio CIROI, Luca MOSCHIONI, Paolo PELLARINI

Tallonatori: Valentino DEBELLIS, Alfio PEDOL

Piloni: Andrea BONANNI, Ennio FURLANICH, Raimondo GALLO, Frank IENNA, Matias MASSAFRA, Daniele TADDIO, Daniele TRIPEPI

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl