comunicato stampa 6 giugno

06/giu/2002 15.33.43 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
RUGBY Notizie a cura dell'Ufficio Stampa FIR
 

Hamilton (Nuova Zelanda), 6 giugno 2002

ALL BLACKS ITALIA - 2
VARATA LA SQUADRA CORAGGIO

Hamilton Il capitano più giovane della storia del rugby italiano, Marco Bortolami, 22 anni. Il numero 8 più giovane della storia del rugby italiano e, probabilmente, del rugby mondiale che conta, Sergio Parisse, 18 anni.

Con queste due credenziali l Italia sabato affronta nella loro tana di Hamilton i mitici All Blacks.

Una squadra coraggiosa che si appoggia ad un tecnico coraggioso - John Kirwan, ad un manager coraggioso - Marco Bollesan , ad un gruppo di giocatori coraggiosi, emanazione di un Presidente , Giancarlo Dondi, che da tempo chiede coraggio.

Il coraggio si vede dalla formazione prescelta in cui figurano soltanto sei giocatori che partirono titolari contro l Inghilterra il 7 aprile nell ultimo match del Sei Nazioni: Bortolami, Dallan, Giacheri, Peens, Persico e Mazzucato. Ma anche per questi sei giocatori il posto non era garantito in partenza e se lo sono dovuto guadagnare al pari degli altri nei due match di avvicinamento.

Dei 30 portati al Tour solo 5 giocatori hanno disputato tutte e due le partite preparatorie: Peens, Dallan, Mazzariol, Persico e Faliva, mettendo l ipoteca di titolare nel test-match. Gli altri 10 titolari provengono: 7 dal primo match vittorioso 37-13 su Manawatu ( Mazzucato, Raineri, Mazzantini, Parisse, De Rossi, Martinez e Moretti); 3 dal pareggio 35-35 sul New Zealand Divisional XV (Zanoletti, Bortolami e Giacheri).

E allora parliamo di questo coraggio in vista del match contro gli All Blacks, cominciando da John Kirwan.

"E una filosofia che Marco ed io abbiamo condiviso da subito, dall inizio del mio mandato,e portato avanti con coerenza. Noi pensiamo al futuro e la scelta del coraggio è sembrata obbligata. Forse dovremo aspettare qualche tempo per grandi risultati, ma il coraggio ripaga sempre. Direi che non è stato neanche tanto difficile avere coraggio di fare certe scelte e di giocare in attacco perchè io ho autentica fiducia in questo gruppo. Ed il gruppo ha voglia di restituire quello che ha avuto e dimostrare in campo di avere coraggio!"

BOLLESAN

In piena condivisione Marco Bollesan.

"La scelta giusta quella del coraggio. Una filosofia che discende dalla conoscenza dei giocatori e delle persone. La sola filosofia che può essere la carta vincente del rugby italiano. Ed è la stessa filosofia del Presidente Dondi. Interpretiamo il coraggio nella stessa maniera".

BORTOLAMI

Comunque ce ne vuole di coraggio per capitanare a 22 anni l Italia in un test match contro gli All Blacks, il massimo del rugby&

"Eppure io sono tranquillo spiega Bortolami Ho ormai assimilato il ruolo. Non vedo l ora, affrontiamo una squadra che ha grande esperienza e grande scuola, ma noi impariamo in fretta. Siamo giovani e abbiamo una gran voglia di dimostrare sul campo che cosa possiamo fare, cioè che siamo capaci di metterci alla pari con loro."
  • Neanche un po di paura per la doppia responsabilità di giocatore e di capitano&
"No. Sono molto tranquillo. Non mi tiro indietro. E una cosa stupenda essere capitano dell Italia ed in questa circostanza. Chi l avrebbe mai detto un anno fa quando venni convocato per il Tour in Sud Africa ed Argentina che dopo dodici mesi sarei stato addirittura il Capitano? E sarò un buon capitano. Ci si chiede coraggio e coraggio daremo. In realta non ce ne sarebbe bisogno, perchè sulla linea della convinzione e dell audacia ci siamo tutti, ma se ce ne sarà bisogno in campo, cercherò di essere la guida per questo coraggio indirizzando i compagni verso una linea di gioco coraggioso senza aver preoccupazioni per chi ci sta davanti. Sappiamo anche che questa squadra ha un futuro. Che l inizio di questo futuro passa per Hamilton dopodomani. Ed è importante partire bene."

PARISSE

Se qualcuno, poi, pensa che Sergio Parisse guardi con preoccupazione al suo esordio Mondiale col numero otto si sbaglia. Il "babie" ha la forza dell improntitudine dei suoi 18 anni. E addirittura euforico per il suo esordio record&
"Non e che abbia fatto delle ricerche approfondite spiega divertito- , ma non si è mai sentito che qualcuno a 18 anni abbia giocato in Nazionale, sicuramente non nel ruolo di numero otto!"
  • Qualche timore psicologico?
"Non ho mai paura di niente e di nessuno. Non mi importa chi sia davanti :All Blacks quanto Spagna. Sono consapevole di affrontare dei grandissimi giocatori, la migliore scuola del mondo. Loro hanno le loro caratteristiche, noi le nostre. Noi cercheremo di far valere le nostre. Tutto quà! ."
  • Per contrastare adeguatamente gli All Blacks, e giocare di attacco, sarà fondamentale assicurarsi le palle dalla touche&..
"Dobbiamo vincere il 90 per cento di quelle lanciate da noi e rubare il dieci per cento delle loro. Bortolami, Giacheri ed io giocheremo un ruolo importante in questo senso, ma anche i ragazzi che ci "sospendono". Se facciamo quello che abbiamo imparato in allenamento il gioco è fatto. Se sono sorpreso di partire titolare? Relativamente. Sapevo che se ero stato convocato non era certo per trascorrere le vacanze! Sapevo, perchè me ne aveva parlato John (Kirwan), che se andavo bene nella partita di preparazione avrei potuto avere le mie chance. Le ho avute e sul campo ripagherò della fiducia che si è avuta in me".

LA FORMAZIONE DELL ITALIA

15 Peens, 14 Mazzucato, 13 Raineri, 12 Zanoletti, 11 Dallan; 10 Mazzariol, 9 Mazzantini; 8 Parisse, Persico, 6 De Rossi; 5 Bortolami, 4 Giacheri; 3 Martinez, 2 Moretti, 1 Faliva;

SOSTITUZIONI: 16 Saviozzi, 17 Castrogiovanni, 18 Dellapè, 19 Bergamasco, 20 Queirolo, 21 Pozzebon, 22 Barbini.

BERGAMASCO FELICE DELLA PANCHINA

Hamilton Quando il Team Manager Marco Bollesan ha comunicato la formazione varata da John Kirwan qualcuno finalmente ha sorriso dopo dieci giorni di muso lungo. Parliamo di Mauro Bergamasco, l azzurro sicuramente più autorevole presente al Tour, che per un colpo accidentale ricevuto all inguine da Dellapè, nei primi allenamenti neozelandesi, è rimasto in infermeria fino ad un paio di giorni fa. Non parte titolare, ma va in panchina. Quanto basta per fargli tornare sorriso e buonumore.
"Quello che ho passato non lo auguro a nessuno. Una cosa è una frattura, una distorsione. Sono dolori che in qualche misura conosci, puoi gestire. Un altra e la conseguenze di un colpo basso violento. E qualcosa di assolutamente ingestibile contro cui sei praticamente impotente. Ci tieni sopra il ghiaccio per giorni con la speranza che passi. Intanto il tempo scorre, i tuoi compagni giocano due partite, fra l altro due grandi partite, e tu sei sempre lì ad attendere chiedendoti perchè stai dall altra parte del mondo con la zona più delicata che ti fa male. E inutile dire che quando un paio di giorni fa lo staff medico mi ha dato il nulla osta per ricominciare ad allenarmi con il gruppo mi è sembrato di rivivere e quando mi hanno detto che andavo in panchina contro gli All Blacks mi è tornato anche il sorriso&"
  • In barba di chi potesse pensare che per Bergamasco la panchina potesse essere una umiliazione&.
"Per me è importante tornare in squadra, nei 22. Pensavo che non avrei avuto neanche questa opportunità. Ringrazio, quindi, di cuore i due tecnici per avermi dato fiducia. Spero di poter contraccambiare se ne avrò l occasione durante la partita, se no sarà per la prossima volta. Questo gruppo, infatti, mi piace e mi piacerebbe potergli dare il massimo del mio apporto!"

CANDELINE PER MANNATO
SABATO AUGURI ANCHE A BARBINI

Hamilton
Dopo una settimana di soggiorno a Lake Taupo, al termine dell allenamento mattutino, gli azzurri hanno fatto rotta in pullman per Hamilton dove sono arrivati nelle prime ore del pomeriggio. Si è trattato dell unico allenamento della giornata. Alle 18 Kirwan ed i giocatori hanno avuto un lungo incontro con i media locali arrivati in forze all Hotel degli azzurri. Anche per domani è prevista una sola sgambata, mattutina. Nel pomeriggio verrà effettuata una passeggiata conoscitiva allo stadio. Intanto da registrare la prima torta con le candeline del tour. Riguarda Antonio Mannato, flanker del Sannio che ha festeggiato ad Hamilton i suoi primi 21 anni. Mannato ha giocato nella prima partita del Tour contro Manawatu, entrando ad un quarto d ora dalla fine in sostituzione di Persico. Dopodomani toccherà a Barbini festeggiare i 20 anni. Il centro padovano, autore di due mete nella partita d esordio a Palmerston North, festeggerà il compleanno in campo, andando in panchina. Kirwan gli ha affidato la maglia numero 22 e per Barbini le possibilità di un esordio ufficiale non sono poche.

NUOVA ZELANDA
UN CAMBIO NEL XV ANTI-ITALIA

Hamilton L Ufficio Stampa della Federazione neozelandese ha rettificato la formazione della Nuova Zelanda contro l Italia. In terza linea, con la maglia numero 7 figura Marty Holah, idolo locale nella squadra del Waikato, una delle più forti del campionato NPC. Nel XV comunicato inizialmente martedì figurava, invece, con il numero sette il ventunenne Richard McCaw del Canterbury. Holah ha 25 anni e vanta 9 presenze con gli All Blacks. Mc Caw andrà in panchina.

 

ALL BLACKS ITALIA
DIRETTA SU INTERNET

Roma All Blacks Italia potrà essere seguita minuto per minuto su Internet, sul sito ufficiale della federazione: WWW.FEDERUGBY.IT ( in minuscolo). Alcuni problemi tecnici avevano, infatti, impedito il servizio dell Ufficio Stampa della FIR per le prime due partite. I problemi sono stati risolti, per cui chi volesse seguire in diretta l evolversi della partita lo potrà fare tranquillamente. Il calcio d inizio del match è previsto alle ore 19.35 locali ( le 9.35 italiane). Sul sito si potranno conoscere fin da prima dell inizio le formazioni e le note. Quindi dal fischio d avvio l andamento della partita verrà comunicato ad ogni cambiamento di punteggio.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl