RUGBY NOTIZIE: ITALIA - NUOVA ZELANDA 10-59, LA PARTITA

Allegati

13/nov/2004 21.41.06 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Roma, 13 novembre 2004

JAGUAR TEST MATCH ITALIA – NUOVA ZELANDA
IN UN FLAMINIO ESAURITO GLI ALL BLACKS VINCONO 10-59
Roma –
Una partenza travolgente degli All Blacks e una prova coraggiosa dell’Italia in uno Stadio Flaminio mai così affollato di pubblico sono state la base dello spettacolare Jaguar Test Match di questo pomeriggio tra gli Azzurri di John Kirwan – reduci dal successo sul Canada della scorsa settimana – e la Nuova Zelanda di Graham Henry che, al primo incontro del tour europeo 2004, ha regalato subito una prestazione maiuscola portando a casa il risultato con lo score finale di 10-59.
Un passivo, quello degli Azzurri, maturato in larga parte nei primi 7’ minuti, che hanno visto gli ospiti andare per tre volte in meta sfruttando le incursioni dei propri, fortissimi trequarti: dopo le mete iniziali del capitano Tana Umaga, di un Dan Carter che alla sua prima apparizione come apertura dei tuttineri ha entusiasmato per lucidità e concretezza (1 meta e 7 trasformazioni il suo bottino personale), e dell’estremo Muliaina l’Italia ha provato a reagire e, pur orfana in difesa della propria cerniera di centri (Masi e Canale ieri sono stati costretti al forfait), ha osservato sino al fischio finale le disposizioni del Commissario Tecnico Kirwan disputando una partita di attacco.
Trascinati da un pubblico caldo ed entusiasta, che dopo aver fatto rimbombare l’Inno di Mameli prima del fischio d’inizio ha continuato a sostenere l’Italia anche nei momenti più difficili, Bortolami e compagni sono riusciti nel finale ad andare al di là della linea di meta neozelandese grazie a Mauro Bergamasco, autore di una entusiasmante cavalcata finale.
Domenica 27 novembre, per l’Italia, è in programma l’ultimo dei tre Jaguar Test Match novembrini: a Biella, contro gli Stati Uniti, gli Azzurri vogliono tornare da subito alla vittoria.

Stadio Flaminio, sabato 13 novembre
Jaguar Test Match
ITALIA – NUOVA ZELANDA 10-59 (3-35)
ITALIA: 15 Kaine ROBERTSON; 14 Ludovico NITOGLIA, 13 Walter POZZEBON, 12 Matteo BARBINI (13’ st. Luciano ORQUERA), 11 Matteo PRATICHETTI (26’ st. Gert PEENS); 10 Rima WAKARUA, 9 Paul GRIFFEN (41’ st. Pietro TRAVAGLI); 8 David DAL MASO, 7 Mauro BERGAMASCO, 6 Aaron PERSICO (18’ st. Silvio ORLANDO); 5 Santiago DELLAPE’ (11’ st. Enrico PAVANELLO), 4 Marco BORTOLAMI (cap); 3 Salvatore PERUGINI (11’ st. Salvatore COSTANZO), 2 Fabio ONGARO (35’ st. Giorgio INTOPPA), 1 Andrea LO CICERO
NUOVA ZELANDA: 15 Mils MULIAINA; 14 Rico GEAR (11’ st. Ma’a NONU), 13 Conrad SMITH, 12 Tana UMAGA (cap, 26’ st. Aaron MAUGER), 11 Joe ROKOCOKO; 10 Daniel CARTER, 9 Byron KELLEHER (25’ st. Jimmy COWAN); 8 Mose TUIALI’I, 7 Richie McCAW (26’ st. Steven BATES), 6 Jerry COLLINS; 5 Norm MAXWELL (7’ st. Ali WILLIAMS), 4 Chris JACK; 3 Carl HAYMAN (31’ st. Greg SOMERVILLE), 2 Anton OLIVER (31’ st. Corey FLYNN), 1 Saimone TAUMOEPEAU
Marcatori: p.t. 2’m. Umaga tr. Carter (0-7); 4’ m. Carter tr. Carter (0-14); 7’ m. Muliaina tr. Carter (0-21); 16’ cp. Wakarua (3-21); 19’ m. Umaga tr. Carter (3-28); 31’ m. Umaga tr. Carter (3-35); s.t. 2’ m. Taumoepeau (3-40); 18’ m. McCaw tr. Carter (3-47); 21’ m. McCaw tr. Carter (3-52); 26’ m. Muliaina tr. Carter (3-59); 40’ m. Bergamasco tr. Wakarua (10-59)
Arbitro: Joel JUTGE (Francia)
Note: prima presenza in Nazionale per Matteo PRATICHETTI (Italia), Saimone TAUMOEPEAU, Jimmy COWAN, Conrad SMITH (Nuova Zelanda); Stadio Flaminio esaurito; campo in ottime condizioni
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl