RUGBY NOTIZIE: INTERVISTA A PAUL EMERICK, TREQUARTI USA E AMATORI CATANIA

Allegati

24/nov/2004 21.25.02 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Roma, 24 novembre 2004

PAUL EMERICK, TREQUARTI DI USA E AMATORI CATANIA
“REGGIAMO PER 80 MINUTI E POSSIAMO FARE IL COLPO”
Biella –
Nella lista di giocatori su cui la difesa della Nazionale Italiana di John Kirwan dovrà focalizzare maggiormente l’attenzione domenica a Biella nel Jaguar Test Match contro gli Stati Uniti (Stadio Lamarmora, ore 15.00, diretta tv La7) figura sicuramente Paul Emerick, 24enne trequarti di quell’Amatori Catania che, neopromosso, ha inanellato una serie di prestazioni maiuscole nel girone d’andata del Findomestic Super 10.
Dodici presenze con la maglia delle “Eagles”, sbarcato in estate in Sicilia dopo aver rappresentato gli Stati Uniti anche con la Nazionale Seven nel 2002 e nel 2003, Emerick – 2 mete sino ad oggi con gli USA – è sceso in campo a Dublino sabato scorso nel test perso per 55-6 contro l’Irlanda ma, nonostante una battuta d’arresto pesante, guarda con una buona dose di fiducia alla gara contro l’Italia.

Paul nessuno meglio di lei, nella squad statunitense, conosce il rugby italiano. Quali sono le sue aspettative per la partita di sabato?
Come qualunque altra formazione internazionale, l’Italia farà di tutto per schierare in campo la miglior formazione possibile e per disputare l’incontro al proprio meglio. Noi faremo altrettanto per tentare di portare a casa la vittoria”.

Gli Stati Uniti sono reduci dalla sconfitta di Dublino contro l’Irlanda.
55-6 il punteggio finale dopo che, nel primo tempo, eravate riusciti a rimanere a contatto con gli irlandesi. Cosa è mancato?
Dobbiamo imparare a disputare due tempi con la stessa intensità e qualità di gioco. Giocare bene solamente una delle due frazioni di gioco, ad alto livello, non è sufficiente per conquistare la partita”.

Contro di voi, l’Italia dovrà fare a meno dei suoi due centri Andrea Masi e Gonzalo Canale, che lei conosce molto bene avendoli affrontati in campionato. Le mancherà la sfida con questi due giocatori?
“Non credo che la loro assenza sarà fondamentale. Tutti i giocatori italiani, al contrario di noi, sono professionisti e questo significa che lo staff Azzurro può contare su di un serbatoio più ampio a cui attingere per la Nazionale: chiunque li sostituirà rappresenterà un avversario difficile da fronteggiare”.

Quelle di Canale e Masi non saranno però le uniche assenze dell’Italia. Anche i giocatori impegnati nel campionato francese non saranno in campo contro gli USA: in pratica, il 50% della squadra che ha affrontato e battuto nettamente il Canada…
“Questo, sinceramente, mi sembra più un problema per John Kirwan che per noi…Scherzi a parte, credo valga anche in questo caso il discorso fatto per Masi e Canale”.

Dopo questi primi mesi in Italia, con l’Amatori Catania, cosa ha capito del rugby italiano? Quali sono le migliori qualità e I difetti più evidenti dei rugbysti nostrani?
“Il più grande pregio e il peggior difetto, nel caso dei giocatori italiani, coincidono: la passione che i vostri atleti mettono in campo e la loro grande voglia di ben figurare possono rivelarsi nelle situazioni più delicate un’arma vincente o una grave debolezza. Molto dipende dallo svolgersi dell’incontro: contro il Canada l’incontro è andato bene e tutto, per gli Azzurri, ha funzionato a meraviglia. Contro gli All Blacks, in una gara più difficile, sono arrivati dagli stessi giocatori errori che in una differente situazione forse non sarebbero stati commessi”.

Concludendo: sabato a Biella Italia e Stati Uniti si affrontano per la seconda volta nella loro storia. L’unico precedente è del 1991, vittoria dell’Italia in Coppa del Mondo. Questa volta, che risultato si aspetta?
“Non mi piacciono i pronostici. Mi limito a dire che se riusciremo ad attenerci al piano di gioco che abbiamo programmato, e se saremo capaci di esprimerci al meglio, allora il risultato potrà essere diverso da quello dell’ultima volta…”
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl