RUGBY NOTIZIE: KIRWAN: "POSITIVO IL BILANCIO DEI TEST MATCH DI NOVEMBRE"

Allegati

27/nov/2004 20.56.51 Ufficio Stampa FIR Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Biella, 27 novembre 2004

INTERVISTE DEL DOPO PARTITA
IL CT AZZURRO KIRWAN: “POSITIVO IL BILANCIO DEI TEST DI NOVEMBRE”
BOLLESAN: “A BIELLA GRANDE ORGANIZZAZIONE ED OSPITALITA’”
Biella –
E’ il CT della Nazionale Italiana John Kirwan a commentare per primo, nella tradizionale conferenza stampa post-partita, la prestazione dell’Italia vittoriosa oggi a Biella sugli Stati Uniti per 43-25: “Se, ieri sera, qualcuno mi avesse detto che avremmo vinto con 22 punti di scarto – scherza rilassato e soddisfatto il tecnico neozelandese – avrei firmato immediatamente per quel risultato! Oggi, contro gli USA, abbiamo giocato un grande primo tempo sia in attacco che in difesa, mantenendo sempre altissima la nostra concentrazione. Durante il riposo ho chiesto di mantenere la stessa intensità per i primi 20 minuti della ripresa e, invece, c’è stato un calo. Forse – scherza ancora – è stata colpa mia! Comunque – torna serio il CT Azzurro – è evidente che nella ripresa è venuta meno la concentrazione: un fatto che non dovrà ripetersi quando di fronte avremo le nostre avversarie del 6 Nazioni”.
Il CT stende poi un breve bilancio del trittico di Jaguar Test Match novembrini, che hanno portato una vittoria sul Canada (51-6 a L’Aquila il 6 novembre), una sugli Stati Uniti (43-25 oggi) e una sconfitta contro gli All Blacks neozelandesi, leader del ranking mondiale IRB (10-59 due settimane fa al Flaminio di Roma): “Il bilancio è ottimo. Dovevamo vincere contro Canada e Stati Uniti e l’abbiamo fatto. Abbiamo segnato sei mete a L’Aquila, cinque oggi: 11 mete in due partite. Inoltre volevamo verificare ed allargare la rosa di questa Nazionale, arrivare a disporre di una rosa di 35 giocatori di livello internazionale intercambiabili ed in costante competizione tra loro per un posto in squadra. Oggi, in seconda linea Valerio Bernabò, al suo esordio, ha disputato una grande partita; Silvio Orlando ha placcato qualunque avversario; Luciano Orquera, all’apertura, da dimostrato capacità offensive e difensive e buone intuizioni. Se ad ogni match trovassimo nuovi giocatori di livello internazionale sarebbe fantastico! E – prosegue Kirwan – avete visto Stoica oggi? E’ stato fondamentale, ha dato la giusta dose di esperienza ad una formazion e giovane come la nostra! Se proprio devo trovare qualche problema – conclude – ne individuo solamente a livello mentale.. Per quanto riguarda Ongaro, infine, lo considero uno dei migliori tallonatori presenti oggi sulla scena del rugby internazionale: ma anche un giocatore come lui ha bisogno che la concentrazione della squadra rimanga sempre a livelli altissimi”.
Il capitano Azzurro, diretto interessato, è d’accordo con Kirwan e punta anch’eglio il dito sul calo di concentrazione patito nella ripresa dall’Italia: “Purtroppo abbiamo la tendenza a rilassarci dopo aver giocato fatto vedere buone cose. Oggi, quando ho notato un calo mentale, ho cercato di richiamare la squadra all’attenzione; ma quando c’è un tifo fantastico come quello offerto oggi dal pubblico di Biella anche comunicare, in campo, diventa difficile! E’ stato fantastico, non mi era mai capitato di trovare, prima d’oggi, un calore simile!”.
Sul tifo dello stadio biellese – al primo tutto-esaurito della propria storia con 8000 spettatori in tribuna – si sofferma anche CT Kirwan: “Al momento dell’Inno di Mameli mi sono venuti i brividi! Voglio ringraziare il Comitato Organizzatore, che ha lavorato nel migliore dei modi per aiutarci nella preparazione e ci ha sostenuto per tutta la gara”.
Al plauso per i dirigenti del Noicom Biella, Società organizzatrice del Jaguar Test Match Italia – Stati Uniti, si aggiunge il Team Manager Azzurro Marco Bollesan che ha affiancato oggi Paolo Cecinelli nel commento della partita in diretta su La7: “Il Comitato Organizzatore di Biella ha dimostrato che un test-match internazionale di rugby può rappresentare un momento importante di cultura sportiva. La presenza di tanti bambini sugli spalti e a bordo-campo ha dato uno spessore particolare a questa giornata”.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl