Kostner: la libertà di un bronzo mondiale

Era il 2005 ed una giovanissima e semisconosciuta Carolina Kostner vinceva il bronzo nei mondiali di pattinaggio di figura a Mosca.

05/mar/2011 11.35.04 letiziaweb Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Kostner: la libertà di un bronzo mondiale

 

Lo aveva promesso e l’ha fatto. L’atleta testimonial di Herbalife dà il meglio di sé nella seconda prova mondiale e con uno strepitoso libero regala a se stessa  e all’Italia la medaglia di bronzo.

 

Era il 2005 ed una giovanissima e semisconosciuta Carolina Kostner vinceva il bronzo nei mondiali di pattinaggio di figura a Mosca. Oggi ancora un bronzo per la pattinatrice delle Fiamme Azzurre, ma con un sapore tutto diverso.

 

Questa medaglia arriva al termine di una stagione molto positiva per l’altoatesina con un argento europeo, un argento nella finale Grand Prix e la prima posizione del ranking internazionale. Ma in precedenza Carolina ha vissuto anni con poche luci e molte ombre in cui le responsabilità e le aspettative sembravano soffocare il suo talento e la sua gioia di pattinare. Alle cocenti delusioni dei giochi di Vancouver e dei mondiali di Los Angeles e Torino sono seguite crisi e cambiamenti.

 

Finalmente ora una raggiante e serena Carolina può dire: «Ho pattinato con la pelle d'oca. Il risultato dimostra che nello sport serve una grande dose di fiducia e tanta, tanta pazienza».

 

Una vittoria ottenuta con l’anima che la fa volteggiare con la solita eleganza ma anche con la forza della tranquillità che Carolina aveva perduto. Non ce n’è per nessuno. A Mosca Carolina ottiene il proprio personal best con un libero che sfiora la perfezione e rimonta dal sesto al terzo posto.

 

E’ bronzo. La medaglia più attesa, più vera, più sua.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl