Pesca che passione: tecniche e attrezzature per principianti e professionisti

La pesca nel periodo estivo registra notevolmente un aumento di addice che cominciano a praticare questo sport che porta ad uno stretto contatto se non una simbiosi con la natura, la sua forza e le sue peculiari caratteristiche.

06/giu/2011 15.34.16 martinapp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La pesca nel periodo estivo registra notevolmente un aumento di addice che cominciano a praticare questo sport che porta ad uno stretto contatto se non una simbiosi con la natura, la sua forza e le sue peculiari caratteristiche. Certo non si può ambire da semplici appassionati alla competenza e conoscenza profonda dell’ambiente all’esterno ma di certo capire quale sia la tecnica che più si addice alle nostre capacità, l’attrezzatura indispensabile e gli investimenti necessari è il primo passo da fare.

Innanzitutto dobbiamo arrivare in un negozio di tutto pesca mare con le idee ben chiare. Quale tipo di pesca intendiamo intraprendere? Intendiamo iscriverci ad un corso specializzato o fare tutto con le nostre forze da veri e propri appassionati? Sono i passi importanti questi che permettono di capire quali siano gli strumenti di cui abbiamo bisogno. Sicuramente per chi abita a breve distanza dal mare o per chi passa lunghi periodi a contatto con spiagge o vita marina la pesca di mare rappresenta la massima potenza di questo sport ma non dobbiamo dimenticare che molte sono le varianti della pesca che si possono praticare nell’entroterra sia lungo fiumi e canali sia in laghetti naturali o artificiali. Le attrezzature più rinomate sono sicuramente quelle shimano pesca, ma recandoci in un negozio specializzato oppure navigando in appositi siti, blog e e store potremo trovare anche altre marche più specializzate o anche meno costose con cui cominciare a vedere se la pesca è uno sport che ci può piacere. Potremo così decidere se investire o meno in attrezzature complete e specializzate con le quali dare sfogo alla nostra passione. Molti sono infatti i pescatori e gli appassionati di pesca subacquea, che decidono di passare settimane al mare dove esplorare nuovi luoghi e dove potersi esercitare con maschere subacquee, fiocine e molto altro. Dopo aver acquistato la giusta attrezzatura non dimentichiamo che dobbiamo avere anche delle accurate informazioni sulla normativa vigente per questo particolare tipo di sport. Dalle documentazioni necessarie per la sua pratica, alle tipologie di pesca praticabili in determinate zone, alle specie di presenti e cacciabili in determinate zone e località.

La pesca in barca è sicuramente una delle specialità più note e affascinanti di questa disciplina che sicuramente vanta una tradizione che affonda le radici nel tempo lontano e che riprende elementi tipici di molte tradizioni marittime e che necessita più di altre tipologie di pesca degli strumenti specifici. In barca infatti non ci sono esigenze particolari come quella di poter effettuare un lancio lungo come dalla riva ma al contrario un’attrezzatura del genere potrebbe risultare molto ingombrante e per nulla utile. E’ più che sufficiente una canna da pesca lunga non più di tre metri che è uno strumento versatile in quanto può essere utilizzato sia per la pesca da fondo che per la pesca con il galleggiante, clock e molto altro. Una canna del genere oltre che robusta deve anche essere sensibile e permettere un’immediata percezione di ciò che sta succedendo sotto il filo dell’acqua. In base alla canna che sceglieremo andremo poi ad acquistare gli altri accessori indispensabili come mulinelli, filo, esche…che dovranno essere tutti calibrati e articolati in base allo strumento principale.

A cura di

Martina Celegato

Prima Posizione srl

Social media marketing

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl