Sport e passione, un binomio da non sottovalutare

Nella stragrande maggioranza dei casi ogni ragazza giunge al momento in cui si pone il quesito di quale attività fisica possa risultare la più adatta al suo carattere, alla sua impostazione corporea (per mantenerla o per modellarla).

24/giu/2011 10.06.47 Carlotta Tinti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Nella stragrande maggioranza dei casi ogni ragazza giunge al momento in cui si pone il quesito di quale attività fisica possa risultare la più adatta al suo carattere, alla sua impostazione corporea (per mantenerla o per modellarla). Per affrontare nel migliore dei modi tale argomento è necessario partire da una limitata ma importante certezza: uno sport “giusto” per tutti non esiste e possono risultare tutti perfetti se la passione ne definisce l’esecuzione. Scegliere un’attività per la quale si prova una reale voglia di esecuzione risulta essere sempre la regola di base. Partire con l’iscriversi in palestra solo perché abbiamo l’idea che “fa bene” risulta il più delle volte una falsa via che conduce nella maggior parte dei casi all’abbandono dopo poche lezioni. Si consiglia di lasciar perdere le mode dettate dallo sport ma di mettere impegno nel dedicarsi alla forma fisica e soprattutto alla salute. Per quanto concerne le tempistiche da dedicare allo sport i maggiori esperti sembrano concordi nel riservare almeno due ore alla settimana. Se non si riesce a godere di una tempistica così estesa posso risultare comunque utili una ventina di minuti al giorno di camminata (a ritmo sostenuto). Per volerlo definire in termini tecnici tale camminata viene chiamata fit-walking e risulta un movimento ottimale per buttar giù qualche chilo di troppo e donare tono all’apparato muscolare. Permaggiori informazioni: Palestra San Lazzaro

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl