Cagnotto: strepitoso bronzo mondiale a Shanghai

20/lug/2011 12.27.12 letiziaweb Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’atleta azzurra testimonial Herbalife rimonta ben nove posizioni e conquista il bronzo nel trampolino da 1 metro,  la sua quinta medaglia iridata entrando nella storia del nuoto italiano.

Nessuna come lei ha vinto medaglie in quattro edizioni consecutive dei mondiali di nuoto. Il bronzo nel trampolino da 1 metro a Shanghai si aggiunge infatti ai bronzi dal trampolino di 3 metri conquistati a Montreal 2005, Melbourne 2007 e Roma 2009, ai quali va aggiunto l'argento in coppia con Francesca Dallapè vinto sempre a Roma 2009.

Stavolta la medaglia ha un sapore particolare e stupisce un po’ tutti, anche il Presidente della FIN Paolo Barelli che non pensava ad un recupero lampo dopo dell’atleta azzurra l’incidente in motorino. Solo due mesi fa infatti Tania era stata vittima di un incidente in cui aveva riportato la frattura del polso, la microfrattura della tibia ed una profonda ferita al ginocchio ricucita con trenta punti di sutura. Una diagnosi impietosa che avrebbe abbattuto le speranze ed i sogni di ogni atleta d’elite.

Non Tania che conscia di essere a corto di preparazione si è allenata fino alla mattina della finale ed è stata premiata dalla sua ferrea volontà e dal destino. Ultima al termine delle qualificazioni e con il peggior punteggio, la bolzanina era artefice di una rimonta incredibile che la portava a scalare ben nove posizioni. Sfruttando gli errori delle avversarie ed esibendosi in un terzo tuffo spettacolare premiato dalla giuria con la media del 9 Tania metteva in cassaforte la medaglia di bronzo diventando irraggiungibile per tutte le inseguitrici, inclusa un’ottima Maria Marconi che si piazzava quarta.

Per la cronaca la gara è stata vinta dalla cinese Shi Tingnao, con un totale di 318.65 punti. Medaglia d’argento per la connazionale Wang Han, con 310.20 punti. Tania Cagnotto ha chiuso la sua rimonta con 295.45.

Stafelice del terzo posto, Tania confessa a fine gara di non avere mai smesso di crederci fino alla fine nonostante la brutta fase delle qualificazioni. Grande carattere e talento da campionessa hanno così premiato ancora una volta l’azzurra che è riuscita a regalare a se stessa e all’Italia una splendida medaglia mondiale entrando nella storia del nuoto italiano.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl