RAID'INVERNO - Crema (CR)

Allegati

14/ott/2011 10.37.20 Ufficio Stampa Newspower Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 

UFFICIO STAMPA NEWSPOWER

 

comunicato stampa del 14.10.2011

RAID'INVERNO
11 dicembre 2011 -
CREMA (CR)

 

FESTA TRICOLORE PER LA MTB A CREMA

L’11 DICEMBRE TORNA IL RAID’INVERNO

 

L’11 dicembre Ettore Aschedamini e il suo staff ripropongono il classico Raid’Inverno

L’appuntamento invernale della mtb torna a Crema per festeggiare l’Unità d’Italia

L’ultima edizione del Raid’Inverno fu nel 1999, vinta da Bramati e Oertel

A Crema fervono i preparativi, tra i sostenitori anche i “big” del Motomondiale

 

 

La mountain bike cambia “guardaroba” e, archiviata l’estate, si prepara a vestire i panni invernali.

Dopo 11 anni d’assenza, torna un classico di fine anno dedicato a tutti gli appassionati di ruote artigliate, il  Raid’Inverno, gara con quartier generale a Crema (CR) e in calendario il prossimo 11 dicembre.

L’appuntamento lombardo è stato, dal 1993 al 1999, un immancabile appello di fine stagione per gli appassionati di mtb, sia semplici amatori sia “big” delle due ruote, con partecipazioni internazionali e diversi fuoriclasse a firmare l’albo d’oro, vedi ad esempio la ligure Sandra Klomp e il campione di ciclocross Luca Bramati.

Dopo la 6.a edizione del 1999, Ettore Aschedamini e il suo staff hanno messo in “pausa” la manifestazione cremasca, e forse l’intervallo si sarebbe prolungato ancora per parecchi anni se non fosse provvidenzialmente arrivato il “grido” di richiamo di tanti appassionati. Aschedamini è stato letteralmente sommerso da richieste di ritorno, ed una in particolare lo ha spinto ad indossare nuovamente le vesti di organizzatore del Raid e questa volta con una partnership importante, quella del Comune di Crema col sindaco Bruno Bruttomesso in prima fila.

“Il giorno della tappa finale del Giro d'Italia ero a Milano, e alcune persone mi hanno chiesto espressamente di riorganizzare il Raid, inserito in un contesto di celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia”, scrive Aschedamini sul rinnovato sito web www.raidinverno.com, un riconoscimento da onorare tanto più che la gara cremasca è l’unica prova di mtb riconosciuta nell’ambito dell’anniversario tricolore.

“I percorsi sono cambiati rispetto all’ultima edizione del ’99”, spiega il biker lombardo Luca Bramati, ex professionista e vincitore della 6.a ed ultima edizione del Raid’Inverno. “Tutto sarà nuovo per festeggiare la ricorrenza speciale, la sostanza della gara però rimarrà sempre la stessa. Qualche giorno fa ho provato il percorso di 58 km e devo dire che mi ha davvero entusiasmato, non vedo l’ora che arrivi dicembre per affrontarlo in gara”.

Il tracciato lungo, con partenza e arrivo a Crema, attraversa i comuni di Pianengo, Ricengo, Romanengo, Castel Gabbiano, Camisano e Offanengo, propone una base altalenante sul tipico terreno golenale della pianura Padana, a fianco dei fiumi Serio e Oglio e con passaggi su sottobosco, prato e campi collinari, che conferiscono un andamento nervoso e ondulato.

“Essenzialmente è una gara veloce”, spiega Bramati, “con alcuni passaggi particolari e suggestivi. Personalmente mi sono piaciuti molto un paio di attraversamenti su piccoli ponti, sono dei tratti caratteristici e molto belli da vedere, pure per gli spettatori”. E lo spettacolo sarà assicurato anche da altri punti strategici della corsa, che costeggerà le tipiche cascine, i pioppeti della zona e i portici e le viuzze di Castel Gabbiano, località storicamente famosa per il transito di Napoleone Bonaparte.

Anche la tecnica avrà la propria parte, il Raid’Inverno è un appuntamento accessibile a tutti, ma non è certo una passeggiata, “la distanza di 60 km è impegnativa, si pedala a tutta e il ritmo è sostenuto per tutta la gara”, conferma Bramati.

La resistenza potrebbe dunque essere una delle qualità chiave per scrivere il proprio nome nell’albo d’oro del Raid’Inverno 2011, vicino a quelli dello stesso Bramati e di Kathrin Oertel, vincitori dell’ultima edizione datata 1999. Oltre al percorso “lungo”, ottimo allenamento in vista della prossima stagione agonistica, è previsto anche un “corto”, con partenza ed arrivo sempre a Crema sulla distanza di 20 km, ideale per poter godere della festa del Raid’Inverno anche se non si è al top della forma.

Crema si prepara dunque a festeggiare la 7.a attesa edizione, e a dare man forte ad Aschedamini e al suo staff ci sono vari sostenitori, tra cui anche alcuni vip del panorama motociclistico, come ad esempio lo statunitense Ben Spies e Maio Meregalli, team manager di Yamaha Moto GP.

Tanti gli elementi che qualificano l’appuntamento off road del cremasco, a prova di bomba sarà anche la logistica, con un’organizzazione collaudata e tutti i servizi a portata di mano, tra cui la nuova e comoda area-camper allestita a due passi dall’area di partenza.

In attesa del via, tutte le informazioni utili, dai percorsi al regolamento, sono reperibili sul sito della gara www.raidinverno.com dove sono riportate anche le modalità di iscrizione. La quota da versare resterà di 30 Euro fino al 9 dicembre, per chi si iscrive nei giorni successivi (la vigilia e il giorno della gara) è previsto un aumento di 5 Euro.

 

 

DOWNLOAD COMUNICATO

 

UFFICIO STAMPA NEWSPOWER
tel. 0461.829724 - cell. 348.1149895 - mariofacchini@newspower.it


Ai sensi dell'art. 13 del Codice sulla Privacy (D.Lgs 196/2003), informiamo che il Suo indirizzo si trova nella mailing list di Newspower �“ divisione di Edigrafica snc, è trattato con riservatezza e non verrà divulgato. In ogni momento sarà possibile chiedere di essere rimossi dalla nostra mailing list inviando una mail di risposta a pressoffice@newspower.it con soggetto "CANCELLAMI". Una mancata risposta, invece, verrà considerata come consenso alla spedizione delle e-mail informative

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl