Nuova speranza per sconfiggere l’Alzheimer

08/giu/2012 11.15.53 Carlotta Tinti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

L’Alzheimer potrebbe essere sconfitto grazie alla molecola denominata del “buon umore”. Un team di ricercatori ha recentemente scoperto che la S-adenosilmetionina soprannominata anche Sam, una molecola prodotta dall’organismo, nota come principio attivo di farmaci antidepressivi e componente di integratori alimentari, è realmente in grado di migliorare le capacità cognitive di soggetti affetti dalla malattia di Alzheimer. Sin ora, l’esperimento è stato condotto sugli animali, ma il successo fa ben sperare per il futuro. Questo studio (interamente italiano!) è stato realizzato dai ricercatori dei dipartimenti di chirurgia Pietro Valdoni e insieme all’equipe di psicologia, in collaborazione con il dipartimento di biologia cellulare e neuroscienze dell’Istituto superiore di sanità. I ricercatori hanno notato che la carenza di vitamine del gruppo B e l’aumento dei livelli di omocisteina plasmatica causava, nelle cavie di topo analizzate, alterazioni nel metabolismo della S-adenosilmetionina. Questa molecola oltre ad essere un principio attivo degli integratori svolge un ruolo fondamentale nella metilazione del Dna, una delle più importanti modificazioni chimiche del Dna legate a fattori esterni, che determina cambiamenti nel fenotipo degli esseri viventi. La S-adenosilmetionina distribuita con la dieta si è rivelata in grado di ridurre le placche senili di proteina amiloide ma anche di migliorare le capacità cognitive degli animali trattati.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl