Nuove filosofie alimentari e carenza di nutrienti

14/giu/2012 11.35.08 Carlotta Tinti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

L’interesse sempre più esplicito e forte della società moderna ad una qualità di vita sempre maggiore è un argomento complesso, strutturato su conoscenza e filosofia, rispetto di se e della natura. L’enorme successo che alcune diete stanno sempre più riscontrando in questo periodo sembrano indicare una via ben precisa che tende con sempre maggior impegno ad evitare il consumo della carne. Un cambiamento così radicale che si distanzia in modo totale dalla tipica dieta mediterranea a noi, culturalmente, tanto cara, deve essere affrontata con giudizio e attenzione in modo da ovviare una grave problematica assai diffusa in questo periodo, ovvero la carenza di nutrienti. Tale carenza è per lo più causata da una mancanza di adeguate conoscenze alimentari, al contempo si vanno ad aggiungere palesi difficoltà di digestione per quei cibi più naturali e fibrosi che siamo ormai totalmente disabituati a consumare. Non di meno il fattore tempo difficilmente ci viene in aiuto se vogliano seguire una dieta vegetariana o vegana ben equilibrata, senza sacrifici ed evitando di favorire quella grande industria che realizza un enorme business sfruttando questo trend. L’autoproduzione è infatti un punto fermo di queste filosofie in evoluzione, ma quando i problemi sopra elencati fanno apparire lo spettro della carenza è meglio mettersi al riparo sfruttando, in modo adeguato e solo una volta che si dispone di tutte le informazioni inerenti, il ricco settore degli integratori naturali. Si tratta per lo più di integratori alimentari che vanno appunto ad integrare il nostro fabbisogno giornaliero di nutrienti utili al nostro organismo.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl