La memoria non beneficia degli integratori di Omega 3

09/lug/2012 10.28.17 Carlotta Tinti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

In commercio vi sono integratori alimentari che promettono, grazie ad acidi grassi Omega 3, un miglioramento delle capacità mnemoniche di chi li assume regolarmente. Si è sempre pensato, anche da numerose campagne pubblicitarie apparse in tv e sui media principali, che gli “Omega 3” contenute negli integratori apportassero significativi benefici a coloro, come persone anziane, che avessero problemi di memoria. Uno studio della London School of Hygiene & Tropical Medicine ha rilevato come l'utilizzo anche costante di questi acidi grassi, inclusa l'assunzione di olio di oliva e olio di girasole non comporti cambiamenti significativi nelle capacità mnemoniche dei soggetti interessati del test svolto. Il test ha preso in esame 4000 anziani e si è svolto in tre periodi di lunghezza con una variabilità da 6 mesi a 3 anni. Anzi è stato rilevato che un effetto collaterale dall'assunzione di questi prodotti è stato il manifestarsi di problemi gastro intestinali. Il parere degli esperti è che l'unico modo per preservare la memoria e le capacità cognitive è quello di mantenere in allenamento il cervello senza mai staccare la spina completamente. Il cervello infatti, per quanto riguarda il suo sviluppo e mantenimento è considerato alla stregua di un muscolo. Solo con l'utilizzo e l'allenamento costante dello stesso è possibile mantenere attive determinate sue funzioni anche in età avanzata quando il decadimento neuronale è inevitabile.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl