Pesi: L'Italia conquista Pechino 2008

26/set/2007 16.49.00 Press Office Studio Ghiretti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

FIPCF

 

 

 Roma, 26 settembre2007

 

L’ITALIACONQUISTA PECHINO 2008

 

L’Italia dei pesi torna ai Giochi Olimpici dopo otto anni.Con una splendida prova di squadra, gli azzurri hanno ottenuto il 26° postonella classifica maschile dei Mondiali Seniores appena conclusi a Chiang Mai,in Thailandia. Un piazzamento che consegna all’Italia tre posti sullapedana di Pechino 2008. Si tratta di un risultato storico (mai gli azzurri delsollevamento pesi si erano qualificati per i Giochi con addirittura un anno dianticipo) e di grandissimo valore tecnico. In Thailandia ha gareggiato tutto ilmondo dei pesi, con in prima fila formazioni di straordinaria forza etradizione: dalla Cina, qualificata come Paese organizzatore ma come al solitoformidabile protagonista anche questa circostanza, alle nazioni dell’exUrss, da Cuba alle rappresentative asiatiche. Sul podio di Chiang Mai, non a caso,sono salite Russia, Bielorussia e Cuba in ordine rigoroso. In tutto, erano 83 iPaesi in lizza. Occorreva arrivare entro i primi 27, per staccare il bigliettoper i Giochi Olimpici: l’Italia si è appunto piazzata 26.ma, davanti agliStati Uniti passati per il rotto della cuffia. Alle sue spalle, e quindiescluse, squadre importanti come quelle di Taipei, della Spagna,dell’Ungheria, della Repubblica Ceca, dell’Albania.

“E’ una soddisfazione enorme – ilcommento di Antonio Urso, presidente della Fipcf, la Federazione italianapesistica e cultura fisica – Per la tempistica (siamo a un anno daPechino) e per la qualità del lavoro che ci ha portati a questo risultato.Conquistare la partecipazione a Pechino, dopo l’esclusione da Atene 2004,era il nostro grande obiettivo. L’abbiamo centrato, posso dirlo conorgoglio, con un piccolo capolavoro di programmazione e di intuizione. Inquesti ultimi due, tre anni abbiamo lavorato alla grande, su un grupponumericamente non  così esteso da consentirci di effettuare selezioniaccurate, e imponendoci una parola d’ordine fondamentale: giocare pulito,combattere il doping in ogni sua espressione, bandire questa piaga dalla nostrarealtà. Su questa base che oggi è bellissimo poter rivendicare, abbiamocostruito una squadra maschile e di conseguenza un risultato, che come dicevoscaturisce anche da una felice intuizione: abbiamo piazzato alcuni‘doppioni’ in categorie mirate. E proprio loro ci hanno portato ipunti decisivi per arrivare a Pechino”. Vanno ricordati i protagonisti diquesta formidabile impresa, gli azzurri che hanno ottenuto ipunti-qualificazione a cavallo tra i Mondiali 2007 di Santo Domingo e quelliappena conclusi in Thailandia: Giorgio De Luca, Vito Dellino, MassimilianoRubino, Giuliano Cornetta, Maurizio Bombaci, Moreno Boer, Andrea Rovatti, LuigiGrando e Marco Di Marzio.

E non è ancora finita. Da oggi, il lavoro della federazionesi concentra su Genny Pagliaro, la giovane campionessa che l’Italia vuoleaccompagnare ad ogni costo ai Giochi. A disposizione dell’atletasiciliana, a livello individuale, due altre occasioni: il test in programma aSamoa a fine novembre e i Campionati Europei Seniores che si svolgeranno aPomezia (Roma), nell’aprile 2008. In quest’ultima sede,l’Italia potrà giocarsi pure un’altra carta fondamentale: laqualificazione a squadre anche per le donne. Bisognerà arrivare entro le primetre della classifica finale: considerando le formazioni europee che hanno giàstaccato il biglietto per Pechino e la bontà del lavoro svolto dalla Fipcf,un’impresa difficile, ma non impossibile.

 

 

Per maggiori informazioni:

Ufficio StampaFIPCF

Stefano Petrucci

segreteria@fipcf.it

Tel. 06/36858426

Ufficio StampaStudio Ghiretti

Enrico Gelfi

enrico.gelfi@studioghiretti.it

Tel.0521/1910092

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl