VELA: A LUINO LA 4a PROVA DELLA COPPA ALCEA 2006-CAMPIONATO ITALOA/SVIZZERO UFO 22

VELA: A LUINO LA 4a PROVA DELLA COPPA ALCEA 2006-CAMPIONATO ITALOA/SVIZZERO UFO 22COMUNICATO STAMPAVELA: A LUINO LA QUARTA PROVA DELLA COPPA ALCEA 2006-CAMPIONATO ITALOA/SVIZZERO UFO 22Luino, 21 giugno 2006 - In occasione della trentottesima edizione del Trofeo del Nostromo, una fra le più classiche regate verbanesi organizzata dall'Associazione Velica Alto Verbano di Luino, si è disputata la quarta prova della Coppa Alcea 2006-Campionato Italo/ Svizzero, riservato alle imbarcazioni della classe monotipo UFO 22.Il percorso, della lunghezza di circa 18 miglia (Luino-Punta di Germignaga-Boa a nord del Poggio-Maccagno Superiore- Boa a nord del Poggio-Punta di Germignaga-Luino) ha portato le imbarcazione impegnate da Luino a fare due giri nel Canalone di Maccagno.

21/giu/2006 18.14.00 laura jelmini comunicazione & immagine Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA

VELA: A LUINO LA QUARTA PROVA DELLA COPPA ALCEA 2006-CAMPIONATO
ITALOA/SVIZZERO UFO 22

Luino, 21 giugno 2006 - In occasione della trentottesima edizione del
Trofeo del Nostromo, una fra le più classiche regate verbanesi
organizzata dall’Associazione Velica Alto Verbano di Luino, si è
disputata la quarta prova della Coppa Alcea 2006-Campionato Italo/
Svizzero, riservato alle imbarcazioni della classe monotipo UFO 22.
Il percorso, della lunghezza di circa 18 miglia (Luino-Punta di
Germignaga-Boa a nord del Poggio-Maccagno Superiore- Boa a nord del
Poggio-Punta di Germignaga-Luino) ha portato le imbarcazione
impegnate da Luino a fare due giri nel Canalone di Maccagno.
Si è trattata di una giornata particolare dal punto di vista
meteorologico: il vento da sud, l’inverna, tipica brezza termica del
lago Maggiore, non si è distesa con regolarità sul campo di regata,
disturbata da una serie di temporali che insistevano sulla zona. Una
condizione che ha reso la regata particolarmente impegnativa dal
punto di vista tattico, visto i grandi “salti” nella direzione del
vento, molto rafficato e di varia provenienza, soprattutto dalle
valli circostanti.
Subito dopo la partenza, segnalata in perfetto orario alle ore 14.00,
Gullisara di Giuseppe Comerio (AVAV) timonato come sempre da
Alessandro Durante e Pulverit portato da Ezio Braga (AVAV) staccavano
il resto della flotta, ma ben presto, complice il vento calato quasi
completamente, si fermavano e venivano raggiunti dal resto del
gruppo. Una situazione confusa in cui le posizioni alla testa della
flotta cambiavano in continuazione anche se Gullisara, Campione
Europeo in carica, spesso si trovava a condurre.
Dopo un po’ di schermaglie era la volta di Pulverit di passare in
testa, grazie alla scelta di un bordeggio verso terra, e di
continuare con Gullisara con un grande vantaggio sul terzo UFO 22 che
seguiva.
Il vento continuava però a soffiare con poca regolarità, sia di
intensità che di direzione e quando sembrava che la situazione delle
posizioni fosse stabilizzata e definita la classifica, Pulverit
rimaneva fermo davanti a Cannobio, mentre gli altri equipaggi
riuscivano a ripartire veloci.
Ne approfittava Safran di Carlo Alberto Conelli (CV Basso Verbano)
che passava al comando: all’avvicinarsi della linea d’arrivo,
all’ultimo giro di boa a Germignaga, il vento calava ancora e la
flotta intera degli UFO 22 si ritrovava di nuovo tutti insieme, come
non fossero passate quasi sei ore della partenza e tutti i cambi di
posizione far primo e ultimo e viceversa. Safran con una scelta che
si dimostrava azzeccata virando verso centro lago riusciva a
mantenere la prima posizione, Pulverit che aveva quasi pero ogni
speranza trovandosi al qual punto pressoché ultimo sceglieva di
portarsi più al largo e conclude in seconda posizione praticamente in
contemporanea con Alcea di Enrico Negri (CN Caldè), terzo e
Gullisara, quarto.
A questo punto, dopo le prime quattro prove disputate al primo posto
della classifica generale della la Coppa Alcea 2006-Campionato Italo/
Svizzero UFO 22 c’è Gullisara con un vantaggio di oltre sei punti,
grazie alle due vittorie nel Campionato Europeo e la Coppa San Marco
disputate a Luino, seguito da Pulverit e da Alcea,rispettivamente al
secondo e terzo posto.
Il prossimo appuntamento è ora fissato per 9 settembre al Circolo
Nautico Caldè con il Trofeo Ambrogio.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl