DA BERGANO IN AUSTRIA IN DELTAPLANO

DA BERGANO IN AUSTRIA IN DELTAPLANO COMUNICATO STAMPA per pubblica@comunicati.net Volare senza motore, sulle ali del vento, sfruttando come propulsore le correnti ascensionali d'aria calda, salire a quote mozzafiato, percorrere centinaia di chilometri, sorvolare gli scenari incontaminati delle valli alpine, è un progetto che Fabrizio Giustranti, bergamasco, pilota di deltaplano dell'associazione Volo Libero Bergamo, ha pianificato per molti anni ed infine realizzato.

01/ago/2007 03.49.00 Gustavo Vitali Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA per pubblica@comunicati.net

Volare senza motore, sulle ali del vento, sfruttando come propulsore le
correnti ascensionali d'aria calda, salire a quote mozzafiato, percorrere
centinaia di chilometri, sorvolare gli scenari incontaminati delle valli
alpine, è un progetto che Fabrizio Giustranti, bergamasco, pilota di
deltaplano dell'associazione Volo Libero Bergamo, ha pianificato per molti
anni ed infine realizzato.
Decollato alle 13,45 di sabato dal Monte Farno in Val Gandino insieme a
Marco Cereda, i due deltaplanisti raggiungevano subito quote notevoli. La
quota è la sola "benzina" del volo libero, quella che permette di percorrere
grandi distanze, alla ricerca di nuove correnti ascensionali, dette
"termiche", da sfruttare per riguadagnare quella persa nel frattempo, e così
via, verso nuove montagne e nuove valli, fino alla meta. La difficoltà
maggiore è individuare lungo il percorso quale montagna, cresta o crinale
garantisca le condizioni favorevoli per proseguire il volo. Non è cosa da
poco.
I due piloti hanno volato sopra la Val Seriana, la Val di Scalve, la Val
Camonica per passare in Trentino e sorvolare quella di Sole, D'Ultimo,
Venosta, Passiria e raggiungere Vitipeno. Nel frattempo Marco Cereda
abbandonava il compagno per atterrare oltre Merano, dopo ben 180 km.
Giustranti, invece, proseguiva caparbio lungo la Val di Vizze per passare in
Austria ed atterrava a Wattens, oltre Innsbruck. 210 i chilometri percorsi
in sette ore, 40 km/h in media, anche se un deltaplano è veloce fin'oltre i
100 km/h; quota massima 3600 metri, emozioni a non finire.
Giustranti, elettrotecnico di Lallio, 44 anni, sposato con due figlie, vola
dal 1985, una passione che assorbe interamente il suo tempo libero, e sogna
oggi di raggiungere Monaco di Baviera, oltre 300 km di volo da Bergamo.

Gustavo Vitali - Ufficio Stampa FIVL - Federazione Italiana Volo Libero
www.fivl.it - vitali.stampa@fivl.it - 335 5852431
Segreteria FIVL: tel. 011 744991 - fax 011 752846

Per ulteriori informazioni contattare
Fabrizio Giustranti 335-5452235

E' gradito avviso di pubblicazione o trasmissione, rispondendo al mittente.
Tale avviso sarà girato a gruppi di discussione dove ci seguono numerosi
piloti.



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl