PARAPENDIO: ITALIA SECONDA IN COPPA DEL MONDO

12/nov/2004 10.32.29 Gustavo Vitali Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Alla cortese attenzione della Redazione

COMUNICATO STAMPA per pubblica@comunicati.net

Ad un mese dalla conquista del titolo europeo di parapendio, un'altra affermazione azzurra conferma l'anno magico del volo libero italiano, reduce pure dalla conquista del terzo titolo mondiale di deltaplano.
Uno dei più bravi piloti della squadra Nazionale, Paolo Zammarchi, di Brescia, ha concluso al secondo posto assoluto la Coppa del Mondo di parapendio, vinta per una manciata di punti dal tedesco Olivier Rössel. Seguono l'azzurro, nell'ordine, Frank Brown (Brasile), Achim Joos (Germania) e lo svizzero Alexander Schalber.
La conclusione della PWC 2004 è avvenuta a Tapalpa in Messico, dopo aver toccato Kayseri (Turchia), Talloires (Francia), Abtenau (Austria) e Bassano in Italia, sede d'esordio lo scorso aprile. Vi hanno partecipato 249 piloti, compresa l'agguerrita pattuglia di 27 donne, guidata dalla campionessa della Repubblica Ceca Petra krausova, ancora una volta al vertice della classifica femminile. Tutta europea la classifica per nazioni: su 47 paesi presenti, s'impone la Svizzera, seguita da Francia, Germania ed Italia. E solo in Europa si volerà per l'edizione 2005, precisamente in Bulgaria, Portogallo, Serbia, Francia ed Italia.
La PWC 2004, quindi, si è sviluppata in cinque tappe, ciascuna delle quali prevedeva una settimana di voli per complessive 35 gare. Tuttavia solo 17 di queste sono valide per la classifica finale, annullate le rimanenti a causa del cattivo tempo, o di previsioni avverse. Questa ragione induce spesso i giudici di gara ad impedire il decollo come norma di sicurezza. Infatti nel volo libero, dove si sfruttano le correnti ascensionali di aria calda per mantenersi in quota, non disponendo parapendio e deltaplani di alcun motore per la loro propulsione, è molto temuta la formazione di fronti temporaleschi che letteralmente "risucchiano" i mezzi al loro interno, con grave pericolo per l'incolumità dei piloti.
Le gare di quest'anno si sono svolte su percorsi compresi tra i 30 e gli 86 km, completati mediamente in un paio d'ore. La velocità massima dei parapendio più performanti si attesta a circa 60 km/h, ben oltre quella delle vele "normali" impiegate dai tanti "piloti della domenica", con poche ambizioni di classifica, ma con la stessa passione dei campioni come Zammarchi di librarsi nel cielo infinito.

Gustavo Vitali
Ufficio Stampa FIVL - Federazione Italiana Volo Libero
www.fivl.it - vitali.stampa@fivl.it
tel/fax 035 577536 - 335 5852431
Segreteria FIVL: tel. 011 744991 - fax 011 752846

per altre informazioni sulla Coppa del Mondo di parapendio - PWC 2004 -
http://www.legapilotifivl.org - http://www.pwca.org - http://www.paraglidingworldcup.org

Paolo Zammarchi è reperibile allo
335 6813236 - 393 9700233 - 030 2780163 - tel/fax 030 2583597 - pzammar@tin.it

Note per la redazione
Foto e tutti i nostri comunicati stampa all'indirizzo:
http://www.fivl.it/almanacco/testi/xpaginacomstampa.html

E' gradito avviso di pubblicazione o trasmissione radio-tv, rispondendo al mittente di questo comunicato. Tale avviso sarà pubblicato sulle liste di discussione dedicate la volo dove ci seguono numerosi piloti


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl