SAN LEO IN MUSICA ETNICA DA NORD E SUD ITALIA

13/ago/2010 13.45.44 Regina Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

A SAN LEO LA MIGLIOR MUSICA ETNICA DA NORD E SUD ITALIA CON I DAMADAKA’ E I QUINTA RUA, INSIEME NELL’ALCHIMIA DELLA MUSICA

 

Per la più attesa festa di fine estate sono in arrivo due fra i più grandi e noti gruppi di musica folk-etnica italiana

 

Musica celtica, bourée francese ma anche pizzica salentina e taranta sono di scena a San Leo (RN) in Valmarecchia sabato 21 agosto grazie a Damadakà e Quinta Rua, ovvero i più grandi e noti gruppi di musica folk-etnica in  Italia, dal nord e dal sud della Penisola, nell’ambito di AlchimiAlchimie 2010, l’attesa festa di fine estate che la città organizza in ricordo di Cagliostro.

 

In collaborazione con l’associazione “Fermento Etnico” di Rimini, si compie la magia che unisce ‘Italia nel nome della musica e della danza. Dal “profondo nord” del Piemonte arrivano i Quinta Rua, gruppo polistrumentale e poligenerazionale che prende il nome da una delle antiche vie del Ricetto medievale di Candelo, in provincia di Biella. ll loro repertorio, eseguito con strumenti tradizionali ricercati e “ritrovati”, quali bombarde, ghironde, violini, cornamuse e flauti (ma anche con percussioni insolite quali cucchiai, bodhran celtici, mascelle di capra) spazia dalla musica tradizionale piemontese ed occitana a quella di diverse zone dell’arco alpino e della Francia (Guascogna, Bretagna, Auvergne, Berry), con mazurche francesi, bourée e gighe rinascimentali e danze del circolo circasso. Averli di fronte e non ballare sui ritmi che pulsano di antico sangue celtico, franco e longobardo diventa davvero un’impresa!

 

A portare il fuoco del sud e tutto il potere taumaturgico e purificatore della danza di gruppo ci pensano i Damadakà: nell’alchimia della musica non possono mancare i balli che hanno rivoluzionato il modo di stare insieme nelle feste, la pizzica salentina e la taranta, che negli ultimi anni hanno visto crescere il numero degli appassionati e nascere raduni e appuntamenti in ogni parte del Paese. I Damadakà da dieci anni attivi nella ricerca e valorizzazione di musiche, danze e canti della tradizione orale del sud, in particolare della Campania - canti d’amore e di lavoro, devozionali, di pellegrinaggio e soprattutto del ballo “tarantolato”, trasformeranno la piazza di San Leo in un grande rituale collettivo per tuffarsi tutti insieme in una delle pratiche più antiche, indolori e gioiose per scacciare la malinconia: la danza.

 

L’appuntamento è per sabato 21 agosto, in un ricco programma che va dal tardo pomeriggio a tarda notte. Per informazioni e prenotazioni: Ufficio Turistico IAT - Tel. 0541-926967 Fax 0541-926973 - Numero Verde 800 553800 - www.san-leo.it

 


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl