Sai bluffare a poker? Potresti avere un QI superiore alla media!

Sai bluffare a poker?

Persone Francesca Tessarollo, Montague
Luoghi Padova, Stati Uniti d'America, Houston
Organizzazioni Prima Posizione Srl, Proceedings of the National Academy, Partito Democratico
Argomenti commercio, anatomia, economia

09/nov/2011 10.37.43 Francesca Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il poker non è solo un gioco di fortuna, ma anche di strategia, e uno studio dimostra che chi sa bluffare ha in genere un’intelligenza superiore alla media.

Quanti credono che per essere dei campioni di poker bisogna essenzialmente essere fortunati dovranno ricredersi: sono da poco stati resi noti i risultati di uno studio che dimostra come il saper bluffare sia una capacità che hanno le persone dotate di un quoziente intellettivo superiore alla media. Certo per vincere a poker anche la fortuna è importantissima, ma la fortuna deve essere accompagnata da specifiche abilità: questa considerazione può apparire ovvia a molti, ma adesso sembra sia stata scientificamente comprovata.

Lo studio in questione è stato condotto da Read Montague, un neuroscienziato del Baylor College of Medicine of Houston, negli Stati Uniti, ed è stato pubblicato circa un anno fa sul Proceedings of the National Academy of Sciences dell’Università di Houston. Montague ha studiato l’attività celebrale di 76 volontari chiamati a partecipare ad una sorta di gioco di ruolo, prestando particolare attenzione a coloro che stavano bluffando, e ha così dimostrato come, nelle persone che bluffavano, la parte del cervello denominata corteccia dorso laterale prefrontale risultasse più attiva. Ma ecco, nei dettagli, come si è svolto il gioco: ai volontari veniva di volta in volta chiesto di simulare la parte del venditore o quella del compratore in una sessantina di situazioni diverse. Ai compratori veniva dato il reale valore di un bene ed veniva loro chiesto di suggerire un valore al venditore, che a sua volta era chiamato a determinare il prezzo di vendita del bene stesso. Da questa specie di gioco sono emerse tre diverse tipologie di giocatori, distinguibili sulla base del tipo di strategia usata: gli “incrementalisti”, ossia coloro che, avendo fiducia nell’altro, davano al venditore il reale valore del bene; i “conservatori”, che davano al bene un valore medio cercando di massimizzare il più possibile il proprio guadagno; gli “strateghi”, ossia i giocatori che suggerivano un valore inversamente proporzionale a quello reale, cercando così di ingannare l’interlocutore. Questa ultima strategia, che potremmo paragonare a quella del bluff nel poker, è evidentemente la più complessa da attuare, poiché per avere successo usando questo metodo è necessario capire cosa pensa l’altro e persuaderlo che il valore suggerito è uguale o simile a quello reale, mentre in realtà non è così.

Montague ha anche preso in considerazione i QI dei giocatori, e ha notato come per appartenere alla categoria degli “strateghi” avere un quoziente intellettivo superiore alla media fosse una condizione essenziale. In percentuale, gli strateghi sono risultati il 10% del totale, e secondo il neuroscienziato in queste persone si è potuta notare una maggiore attivazione nell’area 10 di Brodman, area del cervello coinvolta nel pensare gli altri, e in una regione coinvolta nel controllo cognitivo, ossia la corteccia dorsale prefrontale.

In conclusione, questo studio dà una dimostrazione scientifica di quello che molti appassionati di poker hanno sempre intuito e sostenuto: il poker non è solo un gioco di fortuna, a differenza di altri tipi di gioco d’azzardo, e appartiene piuttosto alla categoria dei giochi di intelligenza. Per riuscire a bluffare – una condizione praticamente essenziale per essere dei campioni in questo gioco – sono infatti necessarie delle capacità intellettive particolari.



Articolo a cura di Francesca Tessarollo
Prima Posizione Srl – marketing turistico

 

 

Prima Posizione Srl
Viale dell'Industria, 60 - 35129 Padova PD
Tel. 049 776196 - Fax. 049 8087806
www.prima-posizione.it - info@prima-posizione.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl