Le masserie del Salento

Le masserie del Salento Le masserie nel Salento venivano costruite come centri di dipendenza dei grandi proprietari terrieri, erano delle piccole città al lavoro per conto del padrone e gestite dal mezzadro per conto del proprietario.

12/giu/2008 00.30.00 Leccewebsolution Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Le masserie nel Salento venivano costruite come centri di dipendenza dei grandi proprietari terrieri, erano delle piccole città al lavoro per conto del padrone e gestite dal mezzadro per conto del proprietario. Ogni masseria aveva un grande corpo centrale e diverse altre strutture che servivano allo stoccaggio dei prodotti della terra, degli attrezzi e degli animali. Le masseria erano delle piccole città in miniatura dove i familiari dei contadini svolgevano quasi tutta la vita andando in paese solo per i giorni di festa o per vendere il raccolto. Le masserie poste lungo la costa avevano una caratteristica molto importante, durante le scorribande dei turchi vennero fortificate diventando delle fortezze a volte inespugnabil. Nel corso degli anni le Masserie nel Salento hanno mantenuto intatto il loro carattere unico. Dopo la Seconda Guerra Mondiale le masserie furono travolte dal fenomeno dell'emigrazione, i contadini costretti dalla povertà di quegli anni, le abbandonarono per recarsi all'estero o al nord per lavorare, così vennero lentamente abbandonate. A partire dagli anni 80 il fenomeno culturale che ha portato alla rivalutazione dei centri storici ha contribuito al recupero delle masserie. Infatti molti proprietari, stimolati dal nuovo corso, hanno investito in ristrutturazioni e hanno riconvertito le masserie in strutture turistiche di tutto rispetto. Alcune sono state vittima delle megalomanie di alcuni che le hanno trasformate in residenze hollywoodiane altre sono state sapientemente ritoccate e hanno conservato il fascino antico e storico. Un chiaro esempio è la Masseria Marianna a Specchia. Masseria Marianna appartenne alla famiglia di Girolamo Comi, uno dei poeti Salentini più apprezzati e famosi (Giuliano Sangiorgi dei Negramaro la scorsa settimana ne ha letto alcuni Brani in uno spettacolo a Copertino ndr). Successivamente fu acquistata dagli attuali proprietari che l'hanno ristrutturata preservandone identità e bellezza. Ora Masseria Marianna è uno splendido agriturismo nel Salento. Masseria Marianna ha sette tra camere e appartamenti, è adagiata nella piccola valle che si trova tra Specchia e Lucugnano di Tricase ed è un raro connubio tra tranquillità e pace. La comodità della posizione garantisce vicinanza al mare facendo vita di campagna, girando in bicicletta tra le campagne vicine, avventurandosi dentro Specchia e Lucugnano, i luoghi magici raccontati nelle storie di Papa Galeazzu, un breviario di "culacchi" sulle vicende del curato di Lucugnano che ne combinava di cotte e di crude rimanendo sempre sul filo tra sacro e profano. Masseria Marianna è anche cucina casereccia grazie alle splendie cene della trattora da Jolanda, a poche centinaia di metri dalla struttura, dove con 15€ vi aspetta una cena completa, vera cucina tipica Salentina.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl