S O N A R - LA CASA DELLA MUSICA - Programma in dettaglio 8 - 15 gennaio - CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

04/gen/2005 20.28.04 Anomalia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Da: FAB FOETUS

Con preghiera di pubblicazione
Vi prego per quanto possibile di dare il massimo risalto


SONAR la casa della musica


Presenta:

S O N A R

Località Molinuzzo 3 – Gracciano – Colle Val D’elsa (SI)

APERTO VENERDì E SABATO : CONCERTI DAL VIVO E DISCOTECA


Fino alle ore 23.30  - Ingresso Gratuito
Fino alle ore 01.00  - 5 euro con consumazione
Dalle ore 01.00 - 7 euro con consumazione
Altre Riduzioni Valide: Associazione Mosaico




Sabato 8 Gennaio [ SONAR Indipendent Rock ]
[
KARNEA From Cremona Live Indie Grunge/Rock + THE SLEEPERS From Arezzo + Dj Fab Foetus ]


KARNEA

Il rock’n’roll non muore mai, al massimo si rigenera.
Quando i Karnea pubblicano il disco d'esordio sono il punto di vista dei ventenni sul mondo: un rock ruvido, rimaneggiato, ispirato a molti grandi e cresciuto a dosi massicce di cover.
Davide Simonetta (chitarra e voce) e Paolo Cremonesi (basso) suonano insieme da quando avevano 12 anni e mangiavano cover di Guns N’ Roses e Nirvana a colazione. Stefano Guidi (batteria) si unisce al gruppo più tardi: è il 2000 e nel frattempo le orecchie del trio hanno macinato brani di Hendrix, Led Zeppelin, The Who, Jeff Buckley, Nick Cave, David Bowie, The Cure e Smashing Pumpkins.
L'intesa è subito forte, i ragazzi lavorano sodo e alla fine fanno il loro trionfale ingresso nello studio Mezzanima (quello dei Mercanti Di Liquore): registrazione in presa diretta e pochi fronzoli caratterizzano le sedute di registrazione, portate avanti sotto l'attenta guida di Lorenzo Caperchi (già collaboratore di BluVertigo, La Sintesi, Soerba): il risultato è "Sublime Follia", l'album d'esordio.
Come riconoscimento del buon lavoro svolto fino a questo momento, a loro tocca l'onore di aprire l'evento live più importante dell'anno, l'Heineken Jammin Festival di Imola del 13 giugno 2003.

THE SLEEPERS

Il gruppo si forma nell estate del 2001 , quando Gabriele e Giacomo , i due chitarristi , decidono di formare una cover band dei Nirvana .
A febbraio dell'anno successivo si unisce anche Edoardo, il bassista , e il trio comincia a provare cover e materiali propri , assecondando alla batteria numerosi batteristi , senza però trovare il componente giusto .
Bisognerà aspettare in estate quando finalmente riusciranno a trovare Luca , il componente definitivo della band , con il quale , in 3 mesi , riusciranno a comporre e registrare un demo di 14 pezzi .
Il sound del gruppo riprende molto dal grunge , con influenze Nirvana e Sonic Youth , anche se non mancano spunti psichedelici e di rock moderno .

Sabato 15 Gennaio [ SONAR Indipendent Rock ]
[
ALMANDINO QUITE DELUXE From Bologna Live Rock’n’roll + DISOWNED From Pisa + Dj SpikeS ]


ALMANDINO QUITE DELUXE

Un trio bolognese per due terzi al femminile (due chitarre e batteria), le cui scariche di garage/noise faranno la gioia di chi ama Sonics, Bob Log III, Man or Astroman?. Absobloodylutely è stato registrato a fine 2003 praticamente in presa diretta con la pruduzione di Fabio Magistrali (A Short Apnea, Perturbazione, LFS). Chi ha visto su un palco gli AQDL non si meraviglierà di sapere che hanno già all'attivo e in programma un nutrito numero di date (oltre 20 in 4 mesi), caso più unico che raro per un gruppo finora sconosciuto. Definiteli noise pop, o blues core, o noise core, ma il grado di istrionica e orgiastica epilessia che questa band riesce a trasmettere non è destinato a passare inosservato!



[ PROSSIMAMENTE ]



Sabato 22 Gennaio [ SONAR Indipendent Rock ]
[
SATANTANGO From Lodi Live Rock’n’roll + NEBULA From Empoli + Dj Lucille ]


SATANTANGO

I Satantango nascono nel 2000, come approdo e continuazione delle esperienze musicali noise-blues e garage dei Tupelo e dei Playground (da cui provengono i cinque membri originali della band: Anna Poiani alla voce, Massimo Audia e Luca Fusari alle chitarre, Simone Curioni al basso e Luca De Biasi alla batteria).
Dopo l’immancabile fase di rodaggio a base di cover (la scelta delle quali mette a fuoco lo stile iniziale del gruppo, con estratti dal repertorio di Pj Harvey, Patti Smith, Thin White Rope, ma in seguito anche Dead Boys, Beasts of Bourbon e Captain Beefheart) e di concerti, all’inizio del 2002 i Satantango esordiscono ufficialmente con l’album Downhill, accolto molto favorevolmente dal pubblico e dalla critica (recensioni e interviste sui maggiori periodici specializzati italiani – per ulteriori notizie vedi anche www.satantango.it). In Downhill gli umori dark-blues dei ‘numi tutelari’ del gruppo convivono con un approccio che è a tutti gli effetti puro e semplice ‘rock’, in una scaletta eterogenea in cui si passa senza soluzione di continuità dalle ballate più inquiete a schegge di blues acido.
Il biennio 2002-2003 vede i nostri ancora impegnati nella promozione di Downhill (anche in compagnia live di band quali Firewater e Radio Birdman), e nell’acquisizione di un nuovo membro, Nando Piras, che si occupa di percussioni e seconde voci. L’approccio della band non muta, ma si sposta verso un sound più scarno e al tempo stesso più incisivo che agli esordi. Il risultato di un altro anno di maturazione è il nuovissimo album Mr Bore, registrato nella prima metà del 2004 (con il Magister Mob Studio di Fabio Magistrali, che come in Downhill si è occupato della produzione e del missaggio) e in uscita nell’autunno dello stesso anno su Wallace Records.


Sabato 29 Gennaio [ SONAR Indipendent Rock ]
[
JOE LEAMAN From Modena Live Alternative Rock + ELTON JUNK From Siena + Dj SpikeS ]


JOE LEAMAN

I Joe Leaman nascono da una costola dei Julie's Haircut nel 1996. Il loro primo demo-tape dal titolo "First Murder" viene licenziato nel gennaio dell'anno seguente in due versioni: una normale e una remixata a cura di Luca G. degli stessi Julie's Haircut. Dopo una serie di concerti principalmente in Emilia-Romagna il gruppo inizia a proporre la sua musica in giro per l'Italia e pubblica il primo album dal titolo "Double Penetration", uscito nel dicembre 1998 per la misconosciuta etichetta friulana AUA Records. Le prime recensioni della stampa sono buone e parlano di una musica di impostazione tipicamente americana sull'onda di band come Screaming Trees, Husker Du, R.E.M., Dinosaur Jr e tutto quel cosiddetto "college rock" che effettivamente costituiscono gran parte del background musicale del gruppo. I concerti (procacciati in totale autarchia) si susseguono in numero sempre crescente sino ad arrivare al secondo album, quel "Crappy Barband Shocklrock" uscito nell'ottobre 2000 per l'eticheta pisana "Barriera Corallina" che diviene un vero e proprio caso a parte nel panorama indie italiano e che fa segnalare i Joe Leaman come "cult band nazionale del 2001 (Federico Guglielmi, Mucchio Selvaggio)" da parte di diverse testate specializzate. La sempre crescente mole di concerti che fa muovere la band in tutta Italia con brevi puntate anche all'estero costringe la band a cercarsi un manager, trovato nella persona di Ugo Mazzia, già manager (fra gli altri) di One Dimensional Man. Nel tardo 2001 si concretizza il sodalizio con Gammapop Records che da alle stampe il terzo album della band ("Fried Sponge", Marzo 2002), preceduto da un EP dal titolo "People Against Loneliness", contenente anche una cover di "Smalltown Boy" dei Bronski Beat rivisitata in chiave tipicamente rock. Questo brano in particolare fa capolino anc! he in al cune piste da ballo dello stivale, assieme a buone recensioni della stampa per quanto riguarda l'album, che fanno di Joe Leaman un nome credibile e sempre più appetibile. La fortunata serie di concerti che promuove il disco vede tra l'altro anche la band come designata di alcuni support act di assoluto rilievo (International Noise Conspiracy e J.Mascis su tutti). All'inizio del 2003 la line up della band subisce una rivoluzione, con l'abbandono di due terzi della band (Laura Sghedoni, Mark Flowers) e il marchio Joe Leaman in mano al solo Giancarlo Frigieri (peraltro autore di praticamente tutti i brani della formazione).
Al loro posto subentrano Luca Verzelloni e Paolo Campioli. Con questa line up la band registra nel Maggio 2003 il nuovo "Truly got fishin", originariamente previsto con pubblicazione Gennaio 2004 a cura di Gammapop.
I problemi legati all'eticheta costringono però i Joe Leaman ad un periodo di inattività forzata e ad un rinvio sino all'incontro con la Black Candy, etichetta fiorentina spavalda e coraggiosa che può vantare nel suo roster alcune bands davvero interessanti come Kech, Pecksniff, Slugs, Velvet Score e il veterano Umberto Palazzo. "Truly got fishin" è ora una realtà. I Joe Leaman sono pronti per ripartire. Fatevi conquistare.

ELTON JUNK

I senesi Elton Junk, guidati dal chitarrista cantante Andrea Tabacco, hanno oggi occasione di far ascoltare Moods, il loro primo album, rimasto misteriosamente nel cantiere della Sottosopra produzioni per tre anni. Ci informano che nel frattempo la line up è cambiata e che un altro loro lavoro, Piss on a dead tree and watch it grow è senza produzione da due anni.
   Non sapendo che tipo di evoluzione abbia intrapreso la band e che sound proponga oggi ho cercato nel possibile di contestualizzare il loro lavoro.
Cellophaned è un inizio promettente, roba post punk tipo Arab on Radar  che ha sempre su di me un effetto benefico guastata solamente da un ritornello che con il resto del pezzo c’entra come cibo cinese a colazione.. Waste of time è, insieme all’ultimo pezzo Ricetta per il sangue amaro la parte debole del disco. Ballatone alla Bauhaus tronfie con stacchi da gruppi metal di serie b anni ottanta. In mezzo alle due canzoni tante idee, confuse e  pretenziose, dettate sicuramente dalla volontà di mostrare tutte le proprie qualità. Perché far durare quattro minuti un pezzo riempiendolo di stramberie quando è possibile dimezzarlo insistendo sulle parti interessanti?
  Molto meglio La Tipa , trascinante pezzo punk che ricorda gli Indigesti o Division of pop joy, ottimo  indie con un notevole crescendo ritmico. Desert è invece una di quelle canzoni sperimentali che tanto piacciono ai Blonde Redhead  che sarebbero però dovute finire col terzo disco dei Sonic Youth.
   La sensazione finale è quella di una band ancora indecisa sulla strada da percorrere che con una buona produzione potrebbe incanalare le proprie energie su binari interessanti.

_______________________________________________________________


.:COME RAGGIUNGERE IL SONAR:.

DA NORD >>> Autostrada A1 (Milano/Roma) uscita Firenze Certosa; Raccordo Autostradale Firenze/Siena - uscita Colle di Val d'Elsa Sud direzione Grosseto S.S. 541; dopo 4 km, oltrepassato il centro di Colle di Val d'Elsa e subito dopo essere entrati nella frazione 'Gracciano' troverete sulla destra l'indicazione per il SONAR.



DA SUD >>> Autostrada A1 (Roma/Milano) uscita Val di Chiana direzione Siena; oltrepassare Siena seguendo la direzione per Firenze Raccordo Autostradale a 4 corsie; uscire a Colle di Val d'Elsa Sud direzione Grosseto S.S. 541 (Strada dei Cappuccini); dopo 3 km, subito dopo essere entrati nella frazione 'Gracciano', troverete sulla sinistra l'indicazione per il SONAR.

_______________________________________________________________

http://www.sonarlive.it/

_______________________________________________________________
Questo messaggio ti viene inviato in osservanza della legge 675/96 sulla tutela dei dati personali. Se non sei interessato a riceverlo (o la consideri un'invasione per la tua privacy), ti basterà inviare una e-mail avente come oggetto la dicitura cancella. Non riceverai più alcun messaggio. Ricordati di usare lo stesso nome e la stessa e-mail con cui risulti iscritto.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl