Come si festeggia il Carnevale in Italia

12/feb/2010 16.37.11 Marion Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il carnevale ha radici antichissime: dai festeggiamenti degli Egizi in onore della Dea Iside alle "Grandi Dionisiache" greche in onore del Dio Bacco, fino ai Saturnali dell'epoca romana, in cui venivano sospese le leggi in vigore. Questo rovesciamento delle norme ha portato alla tradizione di mascherarsi, che dura tutt'oggi ed è il tratto più caratteristico del carnevale. Il carnevale dura alcune settimane e termina con il martedì grasso, giorno in cui si concentrano i maggiori festeggiamenti, prima che inizi il periodo quaresimale con il mercoledì delle ceneri

 Carnevale di Viareggio


Il carnevale è una ricorrenza ancora molto sentita in Italia ed alcuni festeggiamenti sicuramente stanno spesso sullo stesso piano dei carnevali famosi nel mondo.

Dal carnevale di Venezia a Viareggio, sicuramente tra i più popolari a piccole ma altrettanto ben curate ed organizzate feste di allegria in giro per lo Stivale.

Durante il carnevale tutto è permesso: allegria, balli, divertimenti, cibo e dolci di ogni tipo. In tutte le regioni d’Italia viene festeggiato con sfilate e balli in piazza, maschere tradizionali e fantastiche, coriandoli e stelle filanti, ma in alcune città i festeggiamenti sono tanto originali da richiamare turisti e visitatori provenienti da ogni parte del Paese e del mondo.

A carnevale si può eccedere, camuffandosi e uscendo dai ruoli “indossati” tutto l’anno.

I bambini lo aspettano con impazienza, per mascherarsi e indossare i costumi preferiti, spesso ispirati ai personaggi dei cartoon e a quelli tradizionali delle fiabe. Ma anche gli adulti si divertono, soprattutto nel carnevale di Venezia: in piazza San Marco sfilano spesso costumi così fastosi da essere vere creazioni artistiche.

Carnevale di Ivrea

Una manifestazione unica al mondo é il carnevale che ogni anno, dal 1808, porta nelle vie e nelle piazze di Ivrea storia, tradizione, spettacolo, emozioni e grandi ideali, per dar vita a uno spettacolo imperdibile. A riempire di colori e profumi la città, vi è la famosa e spettacolare Battaglia delle Arance, momento di grande coinvolgimento e forte emozione.

Carnevale di Cento

Tra i più antichi d’Italia, il carnevale di Cento ha ormai una fama internazionale grazie anche al gemellaggio con il carnevale di Rio de Janeiro. I festeggiamenti prevedono suggestive sfilate di carri allegorici, enormi opere di cartapesta, che possono raggiungere una larghezza di 6 metri e una lunghezza e altezza anche di 20 metri .

Carnevale di Viareggio

Caratteristica del carnevale di Viareggio, sono i carri allegorici, splendidi carri più o meno grandi su cui troneggiano enormi caricature in cartapesta di uomini famosi nel campo della politica, della cultura o dello spettacolo, i cui difetti vengono sottolineati con satira ed ironia. La tradizione di questa particolare sfilata risale alla seconda metà dell’800.

Carnevale di Putignano

Un altro carnevale famoso è quello di Putignano, piccolo centro pugliese. Le sue origini risalgono a tempi lontani e presenta riti popolari antichissimi che si accompagnano alle tradizionali sfilate di carri. Dà inizio al carnevale la Festa delle Propaggini che ha luogo il 26 Dicembre, con strofe e versi umoristici e satirici, dedicati a particolari personaggi e a fatti accaduti in città. Il martedì grasso si può assistere al funerale di re carnevale: il suo feretro, accompagnato dalla moglie e da donne che piangono e urlano, sfila attraverso le strade della città, e, al termine della processione, viene dato fuoco ad un fantoccio che lo rappresenta.

Carnevale di Oristano

In Sardegna, ad Oristano, l’ultimo giorno di carnevale, è dedicato alla Sartiglia, giostra equestre durante la quale i cavalieri vestiti con costumi tradizionali antichi e con il volto coperto da una maschera di legno, devono riuscire ad infilzare con la lancia le stelle sospese in alto. Dal numero delle stelle che i cavalieri, al galoppo, riescono ad infilare sulla lancia, i contadini del luogo riusciranno a prevedere se il raccolto dei campi sarà abbondante o scarso. Anche qui, è evidente che i riti di carnevale rispecchiano tradizioni antiche e pagane legate alla fertilità della terra e alla riuscita del raccolto.

E che dire del carnevale di Venezia? Tutto e niente, almeno una volta nella vita bisogna andare, tuffarsi in un mondo magico ed irreale e divertirsi.

Rosanna Fudoli

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl