il LUNGO VIAGGIO di MARCO CAVALLO - Senigallia 17/20 marzo 2005 - arte cultura spettacolo gastronomia per capire il disagio mentale

07/mar/2005 18.22.28 Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

il LUNGO VIAGGIO di MARCO CAVALLO

arte cultura spettacolo gastronomia per capire il disagio mentale

Senigallia 13/20 marzo 2005

Rocca Roveresca Palazzo del Duca Teatro la Fenice Galleria Expo-ex Cinema Gabbiano

(anteprima con il concerto di Giovanna Marini domenica 13 marzo)

giovedì 17 “Cena dei ciechi” di Moreno Cedroni _ venerdì 18 “Cena dei folli” di Uliassi

 

Mostra fotografica “Da vicino nessuno è normale”:

Gianni Berengo Gardin, Uliano Lucas, Fedele Toscani, Gian Butturin, Tiziano Neppi, Carlo Spaliviero, Toni Thorimbert, Gasparo Neva, Francesco Zizzola, Carla Cerati, Claudio Ernè, Mark Edward Smith

Convegno “Società e follia: disagio mentale e cure dell’anima”

Laboratori interattivi: “L’arte nascosta dal drago”

 

COMUNICATO STAMPA

disponibili gratuitamente  foto in alta definizione

possibilità di ospitalità per i giornalisti

Informazioni e accrediti: Ufficio Stampa  Alessandro Piccinini 338.4169263 -  071.7922244

 

 

E' stato presentato oggi a Senigallia in conferenza stampa: Il lungo viaggio di Marco Cavallo arte, cultura, spettacolo, gastronomia per capire il disagio mentale, che si terrà Senigallia dal 13 al 20 marzo.

Il 26 febbraio 1973, dopo quaranta giorni di animazione promossa da un gruppo di artisti e teatranti nel vecchio reparto “P” dell’ospedale psichiatrico di S.Giovanni a Trieste, un grande cavallo azzurro di cartapesta alto più di quattro metri, chiamato Marco Cavallo, esce nella città. Apre le porte del manicomio per sé e, simbolicamente per tutti i degenti. E apre la città al manicomio. Si tiene così il primo incontro pubblico di malati, infermieri e operatori del manicomio con la gente del posto, con la società dei “normali”. Da quel momento non fu più possibile tornare indietro. “Marco Cavallo era il simbolo di un processo di liberazione in atto per tutti quelli che soffrono della vita manicomiale”. Ed è così che inizia il lungo viaggio di Marco Cavallo. Sulla sua groppa teatranti, musici, malati che trasportano nel tempo storie, dolori, lavoro e sogni, soprattutto sogni. Marco Cavallo e Franco Basaglia, visionari e sognatori, danno origine alla legge 180, fonte di dibattito aspro e controverso fino ai nostri giorni. Il processo avviato dalla riforma psichiatrica non è affatto compiuto. A seguito della profonda trasformazione culturale avvenuta dopo la chiusura dei manicomi, non è stata realizzata infatti nel territorio quella rete di servizi che avrebbe dovuto rappresentarne l’alternativa. Così sono spesso le famiglie a sopportare la sofferenza ed il peso della gravosa assistenza.

Ora Marco Cavallo giunge a Senigallia - spiega l'Assessore ai Servizi alla Persona di Senigallia Giuseppina Massi ideatrice dell'iniziativa - ed assieme a lui ritorna il sogno di chi continua a credere che possa esserci una società che non considera l'individuo solo come ingranaggio del mercato, ma che valorizza tutti nella loro diversità”. E “Il lungo viaggio di Marco Cavallo” è il tentativo di dimostrare che il cambiamento è possibile: il sogno di una società diversa, accogliente ed inclusiva, è ancora possibile.

Il lungo viaggio di Marco Cavallo Arte_Cultura_Spettacolo_Gastronomia per capire il disagio mentale è la prima edizione di un evento nazionale promosso dal Comune di Senigallia Assessorato ai Servizi alla Persona con la partecipazione di Regione Marche Assessorato ai Servizi Sociali, Provincia di Ancona Assessorato ai Servizi Sociali, Dipartimento di Salute Mentale Zona Territoriale n.4, in collaborazione con Studio Zelig e Associazione PrimaVera  di Senigallia, con il patrocinio  della Direzione Generale per i Beni Culturali e Paesaggistici delle Marche e Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio delle Marche.

Marco cavallo, il grande cavallo azzurro in cartapesta, arriverà a Senigallia  giovedì 17 alle ore 18 per ripartire domenica 20 alle 11 del mattino.

 

PROGRAMMA

 

Anteprima Domenica 13 marzo

 

Ore 17.30 Inaugurazione della Mostra fotografica

“DA VICINO NESSUNO E’ NORMALE” curata da Enea Discepoli

Galleria Expo-ex (la mostra resterà aperta per tre settimane)

Raccolta fotografica, gentilmente concessa dall’archivio storico del Dipartimento di Salute Mentale di Trieste, dei più interessanti fotografi degli anni ’60 ’70: Gianni Berengo Gardin, Uliano Lucas, Fedele Toscani, Gian Butturin, Tiziano Neppi, Carlo Spaliviero, Toni Thorimbert, Francesco Zizzola, Carla Cerati, Gasparo Neva, Claudio Ernè, Mark Edward Smith.

Il titolo “Da vicino nessuno è normale” viene dal detto di Franco Basaglia.

 

Ore 21.00 Concerto di Giovanna Marini “La Torre di Babele”

Teatro la Fenice

Il canto sociale e la storia orale cantata Giovanna Marini li scoprì all’inizio degli anni Sessanta quando incontrò un gruppo di intellettuali fra cui Pier Paolo Pasolini, Italo Calvino, Roberto Leydi, Gianni Bosio e Diego Carpitella. Nel 1964 il “Bella Ciao”, spettacolo di canto politico e sociale, dato a Spoleto con grande scandalo per un pubblico molto chic e poco abituato, le dà la possibilità di cantare e raccogliere canti popolari in giro per l’Italia, nelle situazioni sempre incandescenti degli anni Sessanta. Nel 1976 crea il Quartetto Vocale per il quale compone da allora le “Cantate” e con il quale si esibisce in concerti e tournées in Italia e all’estero: dalla Cantata “Correvano coi carri” alle recenti “Sibemolle” o “La Cantata del secolo Breve” presentata al Théâtre de Vidy nel 2001. I concerti del Quartetto Vocale sono il compimento di tutte le esperienze musicali di Giovanna Marini: ricerca sui canti di tradizione orale, insegnamento, composizione strumentale e vocale, scrittura individuale e collettiva.

 

il Lungo viaggio di Marco Cavallo

 

Giovedì 17 marzo

 

Ore 18.00 ARRIVO DI MARCO CAVALLO

Insediamento dei laboratori

Saluto del Sindaco Luana Angeloni

Rocca Roveresca

 

Ore 21.00 “CENA DEI CIECHI” curata da Moreno Cedroni

Presso la Sala dell’ex Ostello _ prenotazione obbligatoria

Una cena al buio. Una cena dove ad essere stimolati saranno tutti i sensi tranne la vista. Con scatole da aprire, piatti che si possono riconoscere ad “occhi chiusi”, pacchetti da scartare, grappe diffuse nell’aria da odorare. Si presenteranno piatti facilmente mangiabili come “i cucchiai” della Madonnina del Pescatore. Saranno piatti che stimolano gli altri sensi piuttosto che la vista quelli del maestro Cedroni. Il tatto, l’olfatto, l'udito e il gusto saranno esaltati e potranno godere di stimolazioni accentuate. Un gioco e un'occasione per percepire la realtà attraverso percorsi meno immediati. Un modo per comprendere. Le uniche cose che si riusciranno a vedere alla "Cena dei ciechi" saranno i passaggi a terra lievemente illuminati per segnare il percorso del personale di sala.

 

Venerdì 18 marzo

 

Ore 09.00/19.00 LABORATORI INTERATTIVI “L’ARTE NASCOSTA DAL DRAGO”

Rocca Roveresca

A cura di cooperative sociali, associazioni, e servizi di salute mentale. Si tratta di realtà nate sulla scia del pensiero basagliano che hanno portato avanti quello spirito, lavorando non solo sull’aspetto farmacologico ma sulle arti-terapie. Attività manuali creative immaginifiche che vanno dalla pittura alla danza, dove si lavora sui vari sensi. La gastronomia stessa presente nell’ambito della manifestazione viene considerata sotto l’ombrello delle arti-terapie.

Laboratori a cura

Centro Diurno “Il Sentiero” ASUR Zona 13_ DSM_ Ascoli Piceno

Cooperativa Sociale “Sentieri”_Treviso

Centro Diurno Psichiatrico ASL 04_ L’Aquila

Compagnia Teatrale “Il Draghetto”_ L’Aquila

ASL Viterbo - DSM_ Cooperativa Sociale “Alice”_ Tarquinia (VT)

Coop. Sociale “Il Magazzino”_ Roma

Centro Diurno AUSL ROMA H 6_ DSM_ Anzio

Centro Diurno Psichiatrico Montesanto_ AUSL ROMA E

Centro Diurno Psichiatrico Ventura_ AUSL ROMA E

ASL n. 2_ LUCCA_ Centro Di Salute Mentale di Fornaci di Barga

La realtà dei laboratori per disabili viene presentata come possibilità formativo-esperenziale per i visitatori della manifestazione che potranno partecipare attivamente. Esperienza diretta, visione delle tecniche di lavoro, reciprocità. Uno sguardo dal di dentro al lavoro e al percorso culturale di associazioni, laboratories, case alloggio in un percorso storico sociale dei figli ed amici di Marco Cavallo.

 

Ore 9.15 Convegno “SOCIETÀ E FOLLIA: DISAGIO MENTALE E CURE DELL’ANIMA”

Palazzo del Duca

Relatori illustri per fare il punto su una questione di grande interesse pubblico raccogliendo così simbolicamente il testimone di “Marco Cavallo”.

 

Saluto delle autorità

Presentazione dell'iniziativa Giuseppina Massi Assessore ai Servizi alla Persona

Gabriele Rocca Psichiatra e psicoterapeuta Milano “LA FOLLIA TRA STORIA, SOCIETÀ E CULTURALa  storia del manicomio di Ancona che venne chiuso a seguito della legge  Basaglia.

Sergio Moravia Docente di Storia della filosofia Università di Firenze “SCIENZA E <ARTE> NELLA CURA DELLA SOFFERENZA PSICOESISTENZIALELe arti-terapie.

Eugenio Borgna Primario emerito di Psichiatria dell’Osp. Maggiore di Novara e libero docente all’Università di Milano “LA PSICHIATRIA COME SCIENZA UMANA

DIBATTITO E PAUSA PRANZO

Ore 15,30 Riapertura convegno

Peppe dell’Acqua Psichiatra, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale di Trieste “LA CITTADINANZA È TERAPEUTICA” Peppe dell’Acqua era il braccio destro di Franco Basaglia.

Giuliano Scabia Regista “DRAGO, CAVALLO E VOLA” Insegnante al Dams di Bologna racconta l’esperienza dell’incontro di Marco Cavallo con il drago del manicomio criminale di Volterra.

Marco Alessandrini Docente di Psichiatria Università di Chieti “I DIVERSI E IL PATHOS DELLA STORIA

Associazione PrimaVera “LA SOFFERENZA È DI CASA” Associazione delle famiglie che hanno congiunti malati mentali e che a seguito della legge 180 che predispose la chiusura dei manicomi con il conseguente ritorno a casa dei malati di mente si sono trovate ad affrontare il peso più duro.

Moderatore Leonello Marchionni Psichiatra e psicoterapeuta

 

 

Ore 21.00 “CENA DEI FOLLI” curata da Uliassi

Presso la Sala dell’ex Ostello _ prenotazione obbligatoria

La situazione è quella di una festa, di un po’ di sana pazzia. Cibo e follia. Nel linguaggio comune sono davvero molte le frasi che legano la “perdita di freni inibitori” al cibo come: “Mi piace da impazzire”, “buono da matti”… Il cibo infatti, è cosa provata, può togliere il senso della realtà, un po’ come in una relazione amorosa in cui l’estasi ci trasporta in una dimensione di “piacevole follia”. Ma sono molteplici le relazioni tra “cibo e follia”. Allontanarsi da un percorso culinario tracciato dalla tradizione per addentrarsi in sentieri ricchi di contaminazioni culturali e gastronomiche per esempio potrebbe suggerire la follia creativa di una grande cucina. Alla “Cena dei folli” il gruppo di cuochi di Mauro Uliassi, attraverso un servizio inedito, proporrà un modo diverso di presentare il cibo e di concepirlo rispetto a quanto già conosciuto, così come è diverso il modo di percepire la realtà dei “folli”, laddove spesso è così sottile il confine tra follia e genialità.

 

La “Cena dei Folli” e la “Cena dei Ciechi” seguiranno un rituale diverso anche nella forma, e se quella di Moreno Cedroni si svolgerà seduti ma rigorosamente al buio, quella di Mauro Uliassi si celebrerà in piedi, un party con cibo miniporzionato. ...Gli invitati dovranno soltanto occuparsi di perdersi nel caleidoscopio di sensazioni.

 

Sabato 19 marzo

 

Ore 09.00/19.00 LABORATORI INTERATTIVI “L’ARTE NASCOSTA DAL DRAGO”

Rocca Roveresca

 

Ore 10.00/12.00 Tavola Rotonda “IL LAVORO COME DIMENSIONE TERAPEUTICA”

a cura del Dipartimento Salute Mentale Senigallia

Rocca Roveresca

Intervengono

Ugo Ascoli Assessore Regione Marche

Paolo Michielin Direttore Responsabile Unità Operativa Riabilitativa DSM, Oderzo (TV)

Rappresentante Associazione Industriali Regione Marche

Rappresentante Lega Cooperative Marche

Coordina Nina Daita Responsabile Ufficio Disabili CGIL

Responsabile Ufficio Europeo Sindacato dei Disabili

 

Ore 17.00 Concerto della PSICHIATRIC BAND ROCK di Viterbo

Piazza del Duca

 

Ore 21.00 Spettacolo teatrale a cura dei Servizi Sollievo della provincia di Ancona

Cinema Gabbiano

 

Domenica 20 marzo

 

Ore 11.00 PARTENZA DI MARCO CAVALLO

 

 

Segreteria organizzativa e info per il pubblico: 071.6629242 dal lunedì al venerdì 10.00/12.00

www.comune.senigalli.an.it

 

 

Informazioni per la stampa e accrediti manifestazione ed eventi gastronomici:

Ufficio Stampa: Alessandro Piccinini - a.piccinini@quelliche.net

Per i giornalisti che interverranno alla manifestazione è prevista l’ospitalità

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl