S O N A R - LA CASA DELLA MUSICA - Programma in dettaglio 18 - 26 marzo + anticipazioni - CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

15/mar/2005 19.55.06 Anomalia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Da: FAB FOETUS

Con preghiera di pubblicazione
Vi prego per quanto possibile di dare il massimo risalto


SONAR la casa della musica


Presenta:

S O N A R

Località Molinuzzo 3 – Gracciano – Colle Val D’elsa (SI)

APERTO VENERDì E SABATO : CONCERTI DAL VIVO E DISCOTECA


Fino alle ore 23.30  - Ingresso Gratuito
Fino alle ore 01.00  - 5 euro con consumazione
Dalle ore 01.00 - 7 euro con consumazione
Altre Riduzioni Valide: Associazione Mosaico


Venerdì 18 Marzo [ B-side@SONARlive ]
[
DEROZER From Vicenza Live Punk Rock+ Dj set rock – dj SpikeS + Giacomo Furi ]
Se per un qualsiasi motivo, si rendesse necessario datare con precisione, la nascita dei DEROZER credetemi ragazzi l'operazione si rivelerebbe impossibile. Per capire cio' e' necessario fare un salto nel tempo di circa 15 anni e tornare quindi ai tempi della prima repubblica, dei WRETCHED, del VIRUS e del Granducato HXC. Correva infatti il 1986 quando il gruppo Hard Core Vicentino di denominato I-DENY da alla luce un favoloso quanto raro singolo dall'omonimo titolo. La band e' composta da quattro loschi individui, i cui nomi sono Freddy alla voce, che ritroveremo piu' tardi come chitarra dei gloriosi Think Twice, nonche di nuovo come voce solista in altri ottimo progetti come ad esempio gli Snowfall; alla chitarra un altro personaggio tornato da poco a ricalcare le scene con i suoi Vampirestri ovvero Marcello ed infine al basso Giulio ora Tour Manager dei DEROZER, e alla batteria Spasio. Dopo il gia' citato singolo la band resta unita soltanto per qualche mese, e qui' inizia una girandola di cambi di formazione talmente lunga e veloce che gli stessi protagonisti di allora stentano a ricordarsi i nomi di tutti i membri che parteciparono a quello che per il momento chiameremo ancora come progetto I-DENY. La band patisce soprattutto l'uscita dal gruppo di Freddy che essendo anche coautore dell'allora mitica fanzina All Out Attack era l'unico a sbattersi per procurare i contatti necessari a suonare dal vivo. Verso la fine del decennio e precisamente nel 1989 in un fottuto bar di periferia Spasio incontra uno dei primi Punk rockers vicentini tale Mendez (cosi' soprannominato a causa di un baffetto alla chicana portato sopra le labbra). La formazione a questo punto non si chiama piu' I-DENY ma nemmeno DEROZER, siamo in una di quelle fasi embrionali che tutti coloro che hanno una band hanno passato, ovvero chi siamo e cosa facciamo. Nel 1990 entra nella band colui che sara' il primo chitarrista ufficiale dei DEROZER tale Domenico che vi fara' parte fino al 1993. A questo punto il progetto inizia a prendere corpo, i ragazzi suonano Punk Rock, suonano cover dei Ramones dei Germs e pezzi propri. Agli inizi degli anni 90 entra nel progetto un personaggio che si rivelera' molto importante ovvero Davide, che sara' in futuro soprannominato "Il Rozzo". Nel 1991 ci sono quindi Spasio alla batteria ed alla voce, Mendez al basso, Domenico alla chitarra e Davide alla voce. Nascono ufficialmente i "DEROZER". Ricominciano i concerti e la produzione di pezzi propri inizia ed essere proficua tanto da spingere la band all'ovvia conclusione, registrare il tutto su un demotape. I DEROZER provano duramente 3 , 4 volte alla settimana, ma purtroppo le difficolta' portate da questo grosso impegno fanno si che si creino della tensione all'interno della band. Nel frattempo esce il demotape omonimo con la mitica copertina raffigurante un martello pneumatico, il disegno e' fatto a mano e scelto durante una sbronza collettiva a dir poco colossale, per molti non sembra un martello ma bensi' una siringa. Esce il demo e la tensione all'interno della band esplode Davide e Domenico escono dalla band.
Nel 1993 Seby suona la chitarra con un gruppo Hard Core di Vicenza gli "STRANGE CORNER" gruppo eccellente tuttora super attivo. Tuttavia Seby segue da qualche anno i DEROZER essendone un fan e quando Spasio e Mendez gli chiedono di entrare nella band il gioco e' fatto. Ci troviamo quindi nel Settembre del 1993 quando nasce ufficialmente quello che tuttora e' uno dei migliori combi Punk Rock d'Europa. Seby prende per mano la band e inizia a spedire il demo a destra e a manca, i risultati sono grandiosi ed i DEROZER iniziano a suonare fuori dalla provinca dalla regione fino a varcare i confini nazionali. Il pubblico dei DEROZER cresce numeroso, tanto che quando partecipano al Vinile Rock Contest arrivano ultimi per la critica ma primi per il pubblico, tanto da avere diritto a partecipare all'omonima compilation. I Derozer ora compongono velocemente e nel 1994 sono pronti ad entrare di nuovo in studio. Esce cosi' "144" uno dei primi singoli della nuova era Punk Rock nazionale. Le 1000 copie autoprodotte si esauriscono quasi immediatamente ma la versione in vinile non verra' mai piu' ristampata. Tra una sbronza e l'altra tra un concerto ed una partita di calcio i DEROZER continuano a produrre, tanto che nel 95 sono pronti ad entrare di nuovo in studio per registrare il loro primo album intero "BAR". La lavorazione dell'album comporta sacrifici notevoli e i nostri eroi si trovano spesso a combattere contro un nemico comune e cioe' l'alcool. Purtroppo Spasio perde la partita e dedica piu' tempo al suo "hobby" che alla band, tanto da ricevere l'aut-aut da Mendez e Seby. Si accomoda cosi' alla batteria un tale di nome Gino Rakas nato a Chicago, terra natale del mitico Ben Weasel, leader storico dei mitici Screeching Weasel. Nel Gennaio del 96 esce cosi' finalmente "Bar" e le mille copie stampate si esauriscono immediatamente, incredibile ma vero non verra' ristampato prima del 1998. Sull'onda del nuovo album i DEROZER suonano ovunque in Itaslia e all'estero in Germania, Croazia, Svizzera e Slovenia. Moltissime etichette chiedono pezzi ai DEROZER per compilation nazionali ed estere e la DEROZER ARMY cresce di concerto in concerto. Il 97 e' un anno di transizione, i moltissimi concerti limitano il tempo per la produzione di nuovi brani e cosi' in quell'anno escono solo pezzi gia' editi su compilation. Solo tre sono i pezzi nuovi registrati in quell'anno e saranno destinati ad un 7" prodotto dalla "Rational Inquirer" di Miami. I contatti con Spasio sono nel frattempo rimasti buoni e tornato in granforma, si riaccomoda alle spalle di Mendez e Seby. La cosa viene presa in comune accordo con Gino diventato nel frattempo papa'. Spasio si reintegra nella band in un nanosecondo, tanto che i nostri nel Marzo del 98 sono gia' in studio per registrare il secondo album dal titolo "Alla Nostra Etc".
Alla nostra eta' e' recensito come disco del mese su numerosi magazine nazionali e anche all'estero le recensioni sono buone. Naturale conseguenza raffica di concerti e discrete vendite. IL pubblico ai concerti e' sempre piu' numeroso ed affezzionato. Il tuor a supporto dell'album e molto lungo, l band si esibisce in tutti i principali club e centri sociali della penisola. Inizia inoltre la collaborazione con l'etichetta Tedesca Mad Butcher che partecipera' alla produzione dell'album in versione vinile, e sara' fedele compagno dei DEROZER fino ad oggi. Grazie a quest'ultima collaborazione, aumentano le presenze della band in Europa che arrivano ad esibirsi fino in Norvegia. Nel 1999 viene ristampato il primo singolo 1.4.4. con l'aggiunta di qualche inedito. Stampato in versione minicd con copertina in cartone si esaurisce ovviamente in pochissimo tempo. Nell'Agosto del 2000 i Rozzi si ritrovano nuovamente in studio, questa volta a Paderborn in Germania dove vedra' la luce il terzo album dal titolo "Mondo perfetto". La produzione e' sempre affidata a Kob & Mad Butcher e le prime tremila copie stampate si esauriscono in un paio di giorni. L'album esce ufficialmente il 15 Novembre del 2000 ed il tour di supporto inizia il 05 Gennaio 2001 con un concerto al mitico "Ya Basta" di Vicenza. Il tour promozionale dura circa tre mesi in cui i DEROZER sono affiancati dai Melt.

Sabato19 marzo  [ PUMP UP THE VOLUME – LE MIGLIORI INDIE BAND ]
[ BOBBIE TUMULTUS + VANCUVER + BOB CORN – From Modena + Dj set rock JUKKA (Giardino di mirò ]

BOB CORN

Sad punk and pasta for breakfast

Non a caso ci s’imbatte in quest’album, soprattutto se si ha la passione di seguire eventi di rilievo nel panorama underground italiano, infatti, Bob Corn non è altro che Tiziano di Fooltribe, promessa indipendente che si cimenta in maniera impeccabile nella produzione di concerti e dischi.
L’atmosfera sonora è notevolmente bonaria, scandita da momenti d’introspezione degni del miglior Will Oldham (alias Bonnie the prince billy, Palace Brothers…) e approcci di sana e graffiante lo-fi che ricordano un Lou Barlow d’annata.
Merita molto l’incipit new pants for you, dove in un ambiente intimo si respira una malinconica ma salda armonia tra chitarra e voce che rimarrà, pur usando approcci diversi, il mood preferito in tutto il disco.
Approcci diversi come in welcome, brano colmo di un’acida stasi spazio-temporale, nella più svagata sand and the end, nella arrembante you are beautiful e nella monumentale where's the colour? dove la chitarra e il violoncello, suonato nientemeno che da Elena dei Perturbazione, si rincorrono intessendo una preziosa trama emozionale.
L’avvento di Bob Corn fa ben sperare a tutti coloro che sono desiderosi di un ulteriore rinnovamento sonoro italiano, soprattutto per ciò che concerne il settore cantautoriale legato ancora troppo al cliché del pop precotto italiano
.

Venerdì 25 marzo [ METASONAR ]
[
MARIO PIU’ - GGDEX - ANT ’1 - MC’S: ZICKY – PAOLINO VOX
VISUAL J SINTESI 19 – SOUNDSYSTEM 12000
]


MARIO PIU’

Mario Piu' is not only a long established producer and remixer but also an International DJ with over 10 years experience under his belt, so we can say that he has spent half of his life with vinyls, studio's, clubs, events, radio's and interviews.
He was really young when he started to use a mixer and both his infallible intuition and the strong creativity helped him to become the artist he's today.

But why "Piu"? (In Italian the word means More+).
Well, Mario loves the challenges and he always measures himself with his own limits.
Like Kubrick with the cinema genres, he likes testing, playing with the genres, re-inventing them, always according to his personal unmistakable style.
Mario likes the risk and probably this is the origin of his passion for speed and for the legendary motorbikes, in fact he has got two motorbikes, a Harley Davidson and a Ducati.
Mario Piu's success is due to his spontaneity, but especially to the international character of his sound.
Like he sais: "Music is a universal language that can join together people all over the world.
They can feel the same emotions in Australia and in Finland, this is amazing!"

Mario Piu' comes from Tuscany, the Italian region that some years ago contributed to the Italian progressive scene that changed the Italian nightclubbing trend.
He played in such clubs as; Isomnia, Imperiale, Aida, Ecu, Embassy, BXR, Matrix and Jaiss during their best seasons.
During the last years he played in the most important clubs of the world, such as; The Temple (Dublin), U60 (Frankfurt), Passion (UK), Privilege (Ibiza), Slinky (UK) and ARC (NY).
He's a DJ of the gatecracher roster and he's often engaged in world's clubbing tours: Japan, USA, Canada, Malesia, South America.

>From several years he's one of the leading Media Records artists, he's the A&R of the BXR Label, the Italian Techno label and among his successes he counts some co-productions with international artists such as Mauro Picotto, Joy Kitikonti and Scott Bond.
He signs his tracks also with the DJ Arabesque pseudonym, he's the producer of the singer More and he has recently started a new project "Marikit" in collaboration with Joy Kitikonti.
His favorite DJ's are Paul Oakenfold, Dave Clarke and Chris Liebing.

At the end of 1999 "Communication", his biggest hit to date, sold over 200,000 units for only in the UK, giving him a Nr. 5 in the UK Charts.
In most European countries he reached the top 20.
"Techno harmony" released with several versions, was one of the summer 2001 hits.
"Communication" was especially a radio success, while "The Vision" is a classic dancefloor track and has been hammered by the likes of Judge Jules, Pete Tong and Dave Pearce on Radio One and in the clubs they grace.
"Mathmos" was played by Richie Hawtin.
The attendance of the world's clubbing scene has resulted in Mario Piu' recently receiving the award for Best techno DJ, which was written in the last edition of the Red Bull Italian Dance Awards.
In 2001 he entered 54 in DJ Mag's Top 100.
In England some authoritive magazines called him "The Italian Fatboy Slim" for his extraordinary creativity.
Mario is a member of Metempsicosi, the free association among six artists who share ideas, sound, successes and friendship.
His release in 2003 is "Devotion/C'era Una Volta Il West", a Morricone classic tune, with a nice and funny Video.

Right now the great song "Champ Elisees" is doing very well in the charts.

Called "Supermario Nazionale" by his Italian fans, now Mario Piu' is an international artist, loved by his original sound, for his productions, his energetic sets but also for his legendary availability and kindness with the fans.


Sabato 26 marzo  [ SONAR Indipendent Reggae ]
[ JOLEBALALLA from Città Di Castello (PG) + REGGAE SOUND SYSTEM + Dj set La Presidentessa ]

Il gruppo nasce nel '99 in occasione della rassegna "Musica contro il freddo",in seguito si e' specializzato
nel genere acustico suonato in piccole taverne dell'altotevere umbro e toscano.
Nel 2001 hanno inaugurato il Centro d'Aggregazione Giovanile di Citta' di Castello, collaborano col "Teatro dei 90" per la composizione delle colonne sonore registrate per la tourne'estiva.
Nel Maggio del 2001 hanno suonato per la rassegna "Musica e Parole" in vari centri sociali della zona e poi in settembre al Roccolo Park Festival di S.Giustino Umbro , poi alla Rassegna Reggae " Cisinfesta 2001" di San Dona' di Piave (VE),all'inaugurazione della Piattaforma,da Gildo e all'opificio di (Umbertide).
Il gruppo si ispira al reggae, rock steady e ska e i brani scelti sono sia cover che pezzi loro "in italiano"
Lo spirito del gruppo e' portare allegria e divertire ma sopratutto far ballare.

siamo:
Damiano : Voce solista e chitarra
Luca : Percussioni
Marco : Basso
Mirko : Tastiere e Voci
Riccardo :Batteria
Tamara : Sax
Zizu : Chitarra Solista e Voci



[ PROSSIMAMENTE ]



Venerdì 1 aprile [ B-side@SONARlive ]
[
JAMES TAYLOR QUARTET From England Live Acid jazz + Dj set rock ]


JamesTaylor, ha creato un miscuglio di jazz, funk, pop e soul inglese. Uno dei punti cardine di quel movimento musicale, che poi si sarebbe chiamato Acid jazz. pianista sperimentatore e cultore dell'organo hammond, james Taylor, ha iniziato con un gruppo mod, i "Prisoners", dopo avrebbe creato il famoso quartetto assieme al fratello chitarrista David, al batterista Simon Howard ed al bassista Allan Crockford. Il successo immediato arriva con l'album strumentale "Mission impossible", del 1987. Seguito dal singolo "The theme from Starsky and Hutch", che farà il giro del mondo. Dopo viene pubblicato "Wait a minute" un album splendido, e che sarà anche l'ultimo del quartetto. I fratelli Taylor, rimasti soli, proseguono la loro carriera musicale, avvicinandosi ad un genere più dance, alla fine degli anni ottanta, avvalendosi di nuovi intepreti come la cantante Noel MCKoy ed il batterista Steve white, ex Style council. Negli album seguenti, il James Taylor ritornerà a battere la strada del jazz, dal quale era partito. Arricchendo il suo stile di nuove sonorità, ma non abbandonando mai il suo amato organo hammond, e sorprendendo, sempre.


Venerdì 8 aprile [ METASONAR ]
[
RICKY LE ROI - PECHINO VISUAL J SINTESI 19 ]

Sabato 9 Aprile  [ SONAR CONTEST ]
[ Dj set rock ]

Venerdì 15 aprile [ B-side@SONARlive ]
[
BANDA BASSOTTI  + Dj set rock ]
La BANDA BASSOTTI nasce nel 1981 nei cantieri delle periferie romane, quando un gruppo di compagni inizia ad organizzare iniziative di solidarietà con la lotta del popolo nicaraguense, di quello salvadoregno, della Palestina, dei Paesi Baschi. Questo gruppo di amici appoggia il Frente Sandinista Liberacion Nacional con iniziative di solidarietà e con la costruzione di alcune brigate di lavoro. Dal 1984 al 1987 insieme ad alcuni compagni della cooperativa edile XXV Aprile e di altri amici partecipano con brigate di lavoro di tre mesi, alla costruzione di alloggi per studenti, e poi alla costruzione di una scuola.
Dal 1987 al 1989 il gruppo da' vita ad una rock-band che muove i primi passi nei spazi occupati e nelle manifestazioni di piazza. La BANDA insieme ad altri compagni romani mette in piedi il progetto GRIDALO FORTE NO AL FASCISMO! NO AL RAZZISMO! Un centro documentazione contro la discriminazione razziale e contro il fascismo. Dal 1990 al 1991, si prepara un festival antirazzista dallo stesso titolo, che si svolgerà il 3 e il 4 maggio 1991 a Roma. Partecipano gruppi antirazzisti provenienti da tutta Europa, dibattiti, video e concerti.
Da questo centro documentazione, attivo per due anni, nasce l'etichetta Gridalo Forte Records. Ed esattamente all'interno del centro documentazione nasce il progetto "Balla e Difendi", era il 1991. Insieme ad altri gruppi romani RED HOUSE, FILO DA TORCERE, AK 47, la BANDA BASSOTTI partecipa a Balla e Difendi. Un disco a cui partecipano i gruppi più attivi sul panorama della sinistra antagonista romana, prodotto dalla etichetta indipendente "GRIDALO FORTE RECORDS".
Al successo di questa prima iniziativa segue il primo CD della BANDA BASSOTTI "FIGLI DELLA STESSA RABBIA" prodotto nel 1992 sempre dalla stessa etichetta. Il disco riscuote un notevole successo di pubblico e critica, agendo da moltiplicatore degli impegni del gruppo: da una dimensione romana si passa velocemente ad una dimensione prima nazionale e quindi internazionale. Senza mai abbandonare le proprie radici, la BANDA BASSOTTI inizia a farsi conoscere e apprezzare in Spagna, e in particolare, nei Paesi Baschi, dove si esibisce in una serie di concerti insieme a gruppi della sinistra indipendentista.
Durante la registrazione del mini CD "BELLA CIAO" (registrato insieme ai GANG) nasce l'idea di suonare in Salvador a favore del FMLN. L'occasione per realizzare l'idea si presenta qualche mese dopo, nel marzo del 1994, con le prime elezioni politiche generali in Salvador dopo 11 anni di guerra civile.
La BANDA BASSOTTI, insieme ai NEGU GORRIAK, suona nella piazza centrale di San Salvador per la chiusura della campagna di fronte a 50.000 persone.Il bilancio finale del tour sara' di quattro concerti in meno di una settimana. 
Nel giugno del 1995 la BANDA si trasferisce in Euskadi per 15 giorni, nello studio IZ in montagna, e con la "complicità" di Kaki Arkarazo (tecnico del suono nonchè chitarrista dei NEGU GORRIAK) registra "AVANZO DE CANTIERE" sempre prodotto dalla GRIDALO FORTE RECORDS. Nel CD collabora Fermin Muguruza nel brano tradizionale messicano Carabina 30-30 Questo CD esce anche in Euskadi e in tutta la Spagna edito dalla "GORA HERRIAK RECORDS" (filiale internazionale dell' etichetta basca Esan Ozenki).
     Il disco e' stato presentato con numerosi concerti, in Italia e in tutta la penisola Iberica: Bilbo, Madrid, Barcellona, Valencia, Santiago De Compostela, Saragozza, Gasteiz, Oiartzun. Nell'estate del 1995, nella Plaza del Gas a Bilbao, nella festa della città la BANDA suona , insieme ai NEGU GORRIAK, davanti a oltre 10.000 persone. Dopo poco la BANDA BASSOTTI partecipa alla manifestazione Hitz Egin, a favore della libertà d' espressione. Il mega concerto per la raccolta di fondi per il processo NEGU GORRIAK contro il generale della guardia civil Galindo. Il brano incriminato Ustalkerria. Si raccolgono 200.000.000 di lire per la difesa. Partecipano circa 12.000 persone, suonano 15 bands.
Tutti gruppi baschi, la solidarietà internazionale rappresentata dalla BANDA.
A meta' del 1996, un po' per le molte energie spese, un po' per le inevitabili difficoltà di portare avanti contemporaneamente il gruppo e il lavoro in cantiere, la BANDA decide di fermarsi. Nel Febbraio del 2001 i NEGU GORRIAK, anch'essi sciolti allo stesso tempo della BANDA BASSOTTI, decidono di mantenere la promessa di riunirsi per un concerto in occasione della chiusura della offensiva legale che il colonnello Galindo gli aveva scatenato contro a causa del brano Ustalkerria. I NEGU GORRIAK vincono il processo. Il "patto" prevedeva che anche la BANDA avrebbe dovuto riunirsi e suonare con la band basca. Si decide di ampliare l'organico del gruppo con i fiati; Sandokan al trombone ( cantante dei Ramiccia e trombone della band internazionale FERMIN MUGURUZA DUB MANIFEST e RADICI NEL CEMENTO), Stefano Cecchi alla tromba (tromba della band FERMIN MUGURUZA DUB MANIFEST e RADICI NEL CEMENTO). Si riarrangiano i pezzi e si parte per Bilbao. I concerti a febbraio 2001 nei paesi baschi dovevano essere due ma alla fine viste le molte prevendite, sono stati tre consecutivi a causa della enorme richiesta di biglietti (30.000).
Cogliendo questa opportunità la BANDA BASSOTTI organizza due concerti a Roma il 15 e il 17 marzo 2001. Il primo, a sostegno dei denunciati della manifestazione contro l'arrivo del nazista Haider a Roma si svolge in un locale di Roma, mentre il secondo presso il Centro Sociale "Villaggio Globale" di fronte a 9.000 persone. La risposta di fronte a questi concerti "occasionali" è stata la molla per ritrovare la voglia e le energie, così la BANDA ha iniziato a riorganizzare il proprio futuro come gruppo. Si è ricominciato a suonare le richieste sono molte in Italia e in tutta la penisola iberica. A maggio e' uscito, sempre su GRIDALO FORTE RECORDS un doppio CD live del concerto del 17 marzo 2001 dal titolo "Un Altro Giorno D'amore" registrato al Villaggio Globale e mixato nello studio Garate in Euskadi da Kaki Arkarazo. Anche il video dallo stesso titolo e' del concerto del 17 marzo. Ai concerti di Roma partecipa anche Fermin Muguruza, cantando La Linea del Frente e Zu Trapartu Arte. Due tra i brani più famosi della prima band di Fermin, i KORTATU.     
Da lì a poco si gira il video Clip di Carabina 30-30 A questo punto si aggiunge alla formazione anche Maurizio Gregori (sax dei RAMICCIA). Nell' estate del 2001 la BANDA BASSOTTI di nuovo in tour in Italia, Spagna e Paesi Baschi; fino a settembre dove suona all' Indipendent Day Festival in compagnia, tra gli altri, di MANU CHAO, AFRICA UNITE ecc...
Non dimenticando mai la propria attitudine, ad ottobre la BANDA e la GRIDALO FORTE organizzano un concerto a Roma a sostegno e in memoria del partigiano Walter dall'Omo e della sua famiglia. Di seguito date in Italia e due tour in tutta lo stato spagnolo. A novembre del 2001, nel primo tour di 7 date la BANDA raccoglie circa 30.000 persone.
Nel secondo tour a dicembre 2001 di quattro date raccoglie circa 7.000 presenze. A Dicembre 2001 è uscita in Giappone per la TWO CHILDREN RECORDS una compilation della BANDA dal titolo "Poetry and Reality". A marzo del 2002 esce il nuovo album "L'Altra Faccia dell' Impero" registrato, mixato e masterizzato sempre con Kaki Arkarazo.

Sabato 9 Aprile  [ SONAR CONTEST ]
[ Dj set rock ]

Giovedì 21 aprile [ B-side@SONARlive ]
[
FUZZTONES  + Dj set rock ]
New York City-based psychedelic/garage rock combo who played a large role in the mostly underground '60s revival during the 1980s. Led by the enigmatic Rudi Protrudi, the Fuzztones were one of the major "successes" (particularly in Europe) of the revival that flourished in 1984 that also boasted the Chesterfield Kings, the Cynics, the Miracle Workers, and Plasticland. Thanks to the praise from Ian Astbury of the Cult, the newly refitted Los Angeles-based Fuzztones were one of the few to get a major-label deal, as In Heat was released by Beggars Banquet in 1989. Due to the album's lackluster sales performance, the Fuzztones went back to the indies and disbanded a couple of years later. ~ Matt Carlson, All Music Guide


Sabato 23 Aprile  [ SONAR BLACK NIGHT ]
[ JOY DIVISION TRIBUTE NIGHT Dj set DARK, GOTH, EBM and More – DJ’S – FAB FOETUS – KOAN and Friends ]

Venerdì 29 aprile [ PUMP UP THE VOLUME – LE MIGLIORI INDIE BAND ]
[
GOOD MORNING BOY  + Dj set rock ]
Marco Iacampo,in arte GOODMORNINGBOY,nasce anagraficamente il 17/01/76. Proveniente da quel territorio ibrido che è la periferia di Venezia, una terra sospesa tra i bagliori della città insulare e l'opacità del suburbio urbano e industriale, in Marco e nella sua musica si può leggere la stessa tensione e dualismo presenti nel luogo che l'ha visto crescere.
Già nella sua prima esperienza come frontman degli Elle, durata dal 1996 al 2001, si avverte l'aspirazione all'evasione, ricercata attraverso il gioco con la parola, cantata più per il suono e la potenzialità evocativa, che per il significato diretto,mai comunque posto in secondo piano;
  L'irrequietezza giovanile si sfoga in sperimentazione, ascolto appassionato ma sempre teso alla ricerca di qualcosa di altro, e non solo "altro".
La forte urgenza di continuare questo percorso da solo porta Marco al distacco dagli Elle, anno 2001, e alla duplice decisione di darsi un nome inglese - GoodMorningBoy - ed esprimersi nella lingua degli autori da lui più stimati.
L'album d'esordio, ( GoodMorningBoy , 2002) convoglia in sé stati d'animo idiosincratici, mood contrapposti attraverso un songwriting raffinato che cela una grande complessità compositiva: 13 canzoni che non si poggiano su certezze di fabbricazione - produzione lo-fi e sonorità acustiche -   ma sulla capacità dell'autore di, come qualcuno ha scritto, " prendere un accordo ed adagiarlo sullo spartito di musica classica, sezionarlo e poi ricomporlo come un puzzle ". Nel viaggio tra spiragli di ingenuità e spensieratezza verso momenti di maggior riflessione quasi psichedelica, GoodMorningBoy non teme di raccontarsi e di prendersi in giro, analizzarsi ed immaginarsi.
Alex Chilton e Robin Hitchcock come i Beatles e ancora Neil Young sono alcuni dei punti di riferimento di un lavoro il cui ascolto continua nell'EP " Song=epitaph:outtakes " (2002): 8 pezzi rimasti esclusi dall'album, ma suoni (e immagini) dello stesso film.
La crescita artistica si compie in modo parallelo sulla scena live, con la presenza sempre più magnetica e conturbante di un songwriter-catalizzatore che, accompagnato dalla sua chitarra e, a volte, da alcuni fedeli musicisti, crea qualcosa di davvero nuovo sui palcoscenici italiani. L'evento scenico è totalizzante, un'esperienza che a tratti può ricordare la catarsi, e non solo a chi la innesca; in altri momenti si nota quell'approccio più istintivo, di musica come necessità, che porta GoodMorningBoy a muoversi tra diversi strumenti - oltre alla chitarra usa l'armonica e il pianoforte - così come tra insospettabili diverse versioni dei propri pezzi.
Negli ultimi mesi i suoni si distendono, la voce diventa più nitida, il ritmo si rilassa: questo è ciò che si troverà nel prossimo " Hamletmachine " (uscita prevista 8 Novembre 2004), un lavoro sofferto, frutto di lacerazioni e strappi, ma anche di una rapida evoluzione.
Nelle note così come nelle numerose tele e disegni (che comporrano l'artwork del nuovo disco) di Marco Iacampo è scritto forse più di ciò che lui stesso riesce a dire e, in base a ciò, osiamo leggere della luce nel giallo e arancione di una tela che sarà il retrocopertina di Hamletmachine. La stessa luce che a volte riesce a sciogliere quella fastidiosa nebbia in pianura. Glielo e ce lo auguriamo.

DISCOGRAFIA UFFICIALE:
- 1998 -ELLE- Caffè&Cadillacs -cd-Artes
- 2001 -ELLE- Bruciamo ciò che resta -cd-Urtovox rec - 2002 -GODMORNINGBOY- S/T -cd-Urtovox rec
- 2003 -GOODMORNINGBOY- Song=epitaph:outtakes -minicd+2 live video tracks
- 2004 -GOODMORNINGBOY- Hamletmachine -cd-Urtovox rec.

Oltre 250 concerti tenuti negli ultimi 3 anni di attività live nei migliori rock-club del centro nord e i più importanti festival estivi.
Partecipazione a decine di compilation italiane e straniere.
-Il 25/10/02 Presenta il cd "live" a Patchanka , Radio popolare Milano
-Partecipa all'edizione 2003 e 2004 del TORA TORA Festival
-2004 parte la distribuzione in Germania,Austriae e Svizzera curata da Glitterhouse e swamproom rec.
- 8/11---16/11 2004   1° tournè europea
- 8/02---18/02 2005   2° tournè europea
-23/02/2005 torna a radio popolare per presentare in concerto le canzoni del nuovo album

L'eclettismo che contraddistingue i live di Goodmorningboy lo vedono trasportato sul palco in diverse versioni e sfaccettature.
Onemanband,da solo con la sua voce,la sua chitarra ed il suo piano in un live che va molto al di là della semplice esecuzione acustica dei brani..
In duo con il fedele Alessandro "ASSO" Stefana con un'elaborazione art-folk del repertorio non disdegnando momenti di elevata intensità emotiva e sonica.
Con band in gran completo composta da: Marcello Sorge (Cesare Basile,Musical Buzzino) alla batteria, Luca "carezza" Recchia al basso (Musical Buzzino) e Asso Stefana alla chitarra e pedal steel.

Sabato 9 Aprile  [ SONAR CONTEST SERATA FINALE ]
[ Special Guest – THREE SECOND KISS + Dj set rock ]
Bacio di tre secondi, in pratica la durata massima consentita da un articolo del codice Hayes (codice di censura) perché un bacio potesse apparire sugli schermi cinematografici Statunitensi negli anni ’40. Massimo, Lorenzo e Sergio (rispettivamente basso & voce, batteria, e chitarra) hanno preso ispirazione, per il nome della propria band, da questa norma. Iniziano a suonare assieme nel ’93 e sin da subito intraprendono un’intensa attività live che li ha visti protagonisti al fianco di Blonde redhead, Shellac e molti altri ancora. Il loro esordio discografico è datato giugno ’96, FOR PAIN RELIEF edito dalla Lollypop rec. di Catania, ed è uno dei pochi dischi nazionali a poter vantare il fatto di esser programmato da John Peel su BBC Radio one durante uno dei suoi shows. Nello stesso anno, i tre, approfittando della presenza nella nostra penisola di Iain Burgess (già ingegnere del suono per Big Black, Cows, etc.), registrano in presa diretta EVERYDAY-EVERYMAN [Wide rec.], album che vedrà la luce quasi due anni più tardi e che sarà distribuito in tutta Europa da Southern. Rispetto al precedente, influenzato dal suono di bands anni ‘80 quali, per citarne solo un paio, Fall e Husker Du, in EE si sente un inasprimento nelle timbriche degli strumenti ed una maggiore complessità nelle strutture dei pezzi, a testimonianza di un ulteriore allargamento delle influenze della band, che comincia a questo punto a delineare con notevole personalità un suono proprio ed autonomo. Già dall’iniziale “Operation Dragon” vengono messe tutte le carte in tavola, cinque minuti in cui la chitarra abrasiva e i continui cambi di tempo mantengono viva l’attenzione di chi ascolta. Va sottolineato inoltre il più gran pregio del disco, cioè quello di mantenere gli alti standard qualitativi della musica per tutta la sua durata. A questo punto la svolta. In seguito ad un concerto tenutosi a Castrovillari (in compagnia di June of 44 e Shipping News) la band entra in contatto con Juan Carreras, proprietario della SLOWDIME rec. (Washington D.C.), il quale propone al trio la possibilità di far uscire per la propria etichetta un 12”, FOCAL POINT, in concomitanza al tour negli Stati Uniti che i nostri si apprestavano a compiere di spalla a June of 44. Il disco esce alla fine del ’99, solo in vinile, ed evidenzia un’ulteriore evoluzione nelle loro composizioni, pur rimanendo tortuosi, i pezzi risultano più essenziali che in passato, sembra evidente che i tre abbiano concentrato particolare attenzione sull’emotività trasmessa dalla loro musica, “smoke made my eyes water” rappresenta a tutt’oggi il pezzo più ambizioso e riuscito del trio, carica com’è, nella sua melodia così poco convenzionale, d’atmosfera e tensione. Troppo spesso i TSK sono stati associati ad un determinato “filone” dell’indierock made in U.S.A., quello proveniente dall’area del midwest, per intenderci.  Tuttavia le influenze musicali della band sono riconducibili sia ad un suono prettamente americano che inglese. Rappresentano una fusione di “stili” proprio di gran parte del rock odierno, moderno, conservando una forte personalità musicale. Nelle loro canzoni c’è un'attenta cura per le soluzioni melodiche e per gli incastri ritmico-strumentali, complessi ma, fortunatamente, mai autoindulgenti.

aprile/maggio



THE FABULOUS MACELLERIA ETTORE STORY ROCK t.b.c.

INCONTRARTE 05 ESPRESSIONI IN MOVIMENTO t.ba.




.:COME RAGGIUNGERE IL SONAR:.

DA NORD >>> Autostrada A1 (Milano/Roma) uscita Firenze Certosa; Raccordo Autostradale Firenze/Siena - uscita Colle di Val d'Elsa Sud direzione Grosseto S.S. 541; dopo 4 km, oltrepassato il centro di Colle di Val d'Elsa e subito dopo essere entrati nella frazione 'Gracciano' troverete sulla destra l'indicazione per il SONAR.



DA SUD >>> Autostrada A1 (Roma/Milano) uscita Val di Chiana direzione Siena; oltrepassare Siena seguendo la direzione per Firenze Raccordo Autostradale a 4 corsie; uscire a Colle di Val d'Elsa Sud direzione Grosseto S.S. 541 (Strada dei Cappuccini); dopo 3 km, subito dopo essere entrati nella frazione 'Gracciano', troverete sulla sinistra l'indicazione per il SONAR.

_______________________________________________________________

http://www.sonarlive.it/

_______________________________________________________________
Questo messaggio ti viene inviato in osservanza della legge 675/96 sulla tutela dei dati personali. Se non sei interessato a riceverlo (o la consideri un'invasione per la tua privacy), ti basterà inviare una e-mail avente come oggetto la dicitura cancella. Non riceverai più alcun messaggio. Ricordati di usare lo stesso nome e la stessa e-mail con cui risulti iscritto.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl