Terra Madre: cena delle Osterie Slow Food - condotta del Gavi e Ovada (Alessandria)

24/set/2010 20.15.02 Andrea Musso Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Le Osterie per Terra Madre: le comunità del cibo nostrane per le comunità indigene.

Si svolgerà Lunedì 4 Ottobre alle ore 20:00 a Villa Bottaio, in via XX Settembre 80 a
Silvano d’Orba (AL), la serata intitolata "Le Osterie Per Terra Madre", cena con menù del
territorio che finanzierà la partecipazione alla terza edizione della manifestazione
torinese di una o più comunità del Sud del mondo.
Parteciperà alla Cena il presidente Slow Food Italia Roberto Burdese.

Terra Madre, giunta alla sua quarta edizione, si svolgerà a Torino dal 21 al 25 ottobre
2010 in concomitanza con il Salone Internazionale del Gusto: le comunità del cibo, i
piccoli produttori e le comunità indigene, i cuochi, i docenti e i giovani provenienti da
tutto il mondo si incontreranno per condividere i valori della produzione alimentare
locale sostenibile e rispettosa delle tradizioni che si sono affermate e consolidate di
generazione in generazione, sviluppando la conoscenza degli strumenti necessari per
compiere delle scelte alimentari consapevoli, per riconoscere la qualità dei cibi e
prediligere alimenti buoni, puliti e giusti.
Per collaborare a questo grande progetto di incontro che, nel rispetto delle diversità
culturali e, quindi, gastronomiche, riconosce comunque una comunità mondiale educata al
cibo, la Condotta Slow del Gavi e Ovada, in collaborazione con le Osterie del proprio
Territorio, organizza una cena per raccogliere fondi che saranno utilizzati per finanziare
il viaggio a Torino di una o più di queste comunità del Sud del Mondo, promuovendo,
quindi, l’incontro fra culture diverse che si riconoscono in una comune cultura del cibo.
La cena, in linea con le aspirazioni della manifestazione torinese, proporrà un menù
composto da piatti della nostra tipicità: panissa classica e panissa al Rosmarino,
rustici piatti accompagnati dalle soavi bollicine del Gavi, tortino di baccalà e polenta,
flan di melanzane con vellutè di pomodoro e scaglie di tartufo nero, minestra di verdure
con erbe selvatiche e farro, ravioli di Marietto, carré di maiale affumicato con dressing
di semi di senape, moretta di fagiolane con crema di Yogurt.

E’ un menù ricco e, nella sua semplicità, complesso realizzato, con autentico spirito di
comunità, dai cuochi dell’Agriturismo Lo Casale (Arquata Scrivia), dell’Agriturismo Valle
Nostra (Mongiardino Ligure), della Locanda dell’Olmo (Bosco Marengo), del Ristorante
Belvedere (Pessinate), del Ristorante Il Moro (Capriata d’Orba) e del Ristorante La
Pernice Rossa (Chiapparolo).

In abbinamento ai cibi, verranno presentati i vini delle aziende vitivinicole Cascina
degli Ulivi (Novi Ligure), Castello di Tassarolo (Tassarolo), Marenco (Strevi), Tacchino
Luigi (Castelletto d’Orba) e Tenuta San Pietro (Tassarolo).

La serata si svolge in collaborazione con B&C di Bottaro e Campora e del Consorzio di
Tutela Del Gavi.

Come nella giornata inaugurale della manifestazione torinese i protagonisti
rappresenteranno alcune tra le più significative comunità indigene del mondo (americane,
asiatiche, africane ed europee), che la rete di Terra Madre incontra nel mondo intero
organizzando progetti pedagogici per educare al piacere dei sapori locali, alla tutela
delle tradizioni e dei paesaggi, così la cena presenta la comunità indigena del Gaviese e
dell’Ovadese e delle Vallate Borbera e Spinti unita per promuovere una tradizione
gastronomica e culturale rustica, squisita, a chilometri zero e in armonia con il
territorio e i suoi abitanti.

Per informazioni e prenotazioni:
Slow Food Condotta del Gavi
c/o Giovanni Norese
tel. 3472466305
info@slowfood-gavi.it
http://www.slowfood-gavi.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl