Programma settimanale - ZERO - CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

12/giu/2005 20.36.38 Anomalia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
All’attenzione di: Redazione spettacoli
Da: FAB FOETUS

Con preghiera di pubblicazione
Vi prego per quanto possibile di dare il massimo risalto


ZerO
musica dal vivo, cinema, dj, pizzeria, ottime birre, mercatino dell'artigianato, 6 tipi di assenzio .......and more!!!
V.le Dell'Olmatello 2 (angolo v.le Guidoni) - Firenze
info 055 2469353 e-mail:info@tea4one.com

L'estate, parte da Zero!
il nuovo spazio dell’estate fiorentina, a Novoli


Lunedì: cinema, a seguire rockoteca Hbs dj
Martedì: acustica i migliori live set unplugged, a seguire Daiana dj
Mercoledì: cinema, a seguire Hanzel & Emotional Violence dj
Giovedì: i grandi concerti di Zero, a seguire Pippo "scommettiamo che mangio il centro della pizza" dj
Venerdì: concerti, cinema e spettacoli a seguire Koan dj
Sabato: appuntamenti live, a seguire Selene dj
Domenica: rassegna cinema e musica, a seguire Candyman dj

Programma 13-19 giugno

lunedi 6 cinema “delirioVisione: i grandi registi per il piccolo schermo” David Lynch: I SEGRETI DI TWIN PEAKS prima stagione, episodi 2, 3 e 4 € a seguire rockoteca HBS dj.

"Chi ha ucciso Laura Palmer?"


Ormai chi vede tv da più di dieci anni, non può dimenticare questo autentico "tormentone". Ebbene è con questo "pilot" che veniamo introdotti ai misteri, agli enigmi, ai molteplici personaggi del poliedrico, a tratti grottesco, e affascinante mondo della profonda provincia nordamericana, in una cittadina che si chiama "Twin Peaks".

Da vero fenomeno mediatico, la serie di telefilm su cui vorrei più genericamente dedicare questa recensione, dava l'impressione di essere arrivata suoi nostri teleschermi per soddisfare i cultori di una ben più semplificata soap-opera.Nossignori,qui siamo in tutt'altro territorio, tra "X-Files" e, appunto, una pseudo-telenovela.Credo che molti ne siano rimasti delusi,all'epoca, ma il bello di "Twin Peaks" è stato proprio quello proporre qualcosa di veramente innovativo, torbido, rischioso, distaccato dai consueti canoni alla "Beautiful". Il tutto superbamente guidato dal gusto del mistero, del nascosto, dello smarrimento, dello humor nero e dei doppi sensi che da sempre contraddistingue il suo geniale creatore David Lynch, ideatore e co-produttore della serie assieme all'amico Mark Frost.

Una serie di cui io, come sicuramente molti altri, non mi sono perso una puntata e che ora sta andando di nuovo in onda, ovviamente in seconda serata, anche se ai tempi del lancio in Italia, canale5 se ne fece caparra per le prime-time.Mi sembra che fossero un pò più permissivi allora visto che la scena che più mi atterrì e accompagnerà ancora le mie notti in bianco, appartiene appena alla fine del secondo episodio: ad un certo punto vediamo la madre di Laura, appisolata sul divano, che si sveglia di soprassalto dopo aver "visto" una mano inguantata spuntare dall'oscurita' di un bosco e dissotterrare la collana della figlia, mentre urla della donna rieccheggiano nella notte... da brivido... come molti altri momenti della serie, in cui sicuramente gli ultimi episodi non fanno eccezione, essendo gli stessi diretti da un David Lynch in gran forma che, dopo un periodo di fiacca conclude la seconda stagione in un modo sconvolgente e originale: dimostrare che il Male non smetterà mai di appartenerci e sopraffarci.

Alla fine vince, lì a "Twin Peaks", un posto le cui umane vicende di gente comune assomiglia alla vita più di quanto lo spettatore possa immaginare. David Lynch in effetti non vuole rappresenta la vita di queste persone comuni caricandola di stereotipi e situazioni ma piuttosto descrivendola come ordinaria, reale seppur qualcuno di loro sembra che manchi qualche rotella.E credo che un simile quadro faccia da perfetto veicolo verso le allucinazioni e i dilemmi proposti dalla sua immaginazione, come fossero spiegazioni del tutto anticonvenzionali di verita' che dobbiamo cercare. E lo spettatore accompagna Cooper ci nella "Red room", la sala d'attesa, il luogo intermediario tra la "loggia nera" e la "loggia bianca", dalle tende rosse e pavimentata a zig zag blu e bianchi, l'aldilà che si può raggiungere solo arrivati nelle tenebre della foresta, in mezzo a 12 alberi di sicomoro e con una formula che è tutto un programma.. Il cinema di David Lynch va preso soggettivamente: c'è chi ci vede qualcosa, chi un'altra, c'è chi si lascia attirare chi preferisce altro. Lynch è un'antihollywoodiano, uno con stile elegante e disinvolto, sa mettere in scena la quotidinità e trasformarla lentamente in un coacervo di cose oscure alla ragioni molteplicità dei significati e dei protagonisti, portandoli ai confini con la follia e la normalità.

Al contempo dimostrando che la caricatura di qualcuno può anche generare sentimenti, che c'è del doppio in ognuno di noi e in quello che facciamo, che nel sogno e nell'incubo si celano rivelazioni che si possono essere interpretate in modo differente, da persona a persona; Il nano, il gigante, l'uomo senza un braccio, il malefico Bob non sono macchiette partorite da una mente folle, ma creature emblematiche in bilico tra il bene e il male, che popolano il remoto eppure presente altrove di "Twin Peaks", fuori dal quale alcuni di loro possono manifestarsi in apparizioni tra l'assurdo e il puramente inquietante.E il più cattivo di loro rappresenta appunto ciò che non conosciamo di un vicino di casa, di un compagno di classe, di un collega ed il suo lato più negativo, sanguinario.Esso si impossessa delle menti e dei corpi col solo scopo di fare del male.Questo resta è uno di quei "discorsi a parte", sui quali molti forum e molti sinceri appassionati hanno divulgato tante e tante interpretazioni, e che forse l'eccentrico David(ricordiamolo regista di capolavori come "Eraserhead","The Elephant Man","Velluto Blu", "Cuore selvaggio","Mulholland Drive",il più normalizzato "Una Storia Vera",del prequel di "Twin Peaks" e del delirante "Strade Perdute",che quanto ad indecifrabilità e invenzioni visive merita una menzione) nemmeno ricorda.

Un autore che dunque, sfruttando il mezzo televisivo ha saputo mettersi in rilievo anche grazie a "Twin Peaks" all'epoca chiaccheratissimo e silenziosamente contestato per via di quel apparente non-sense e per l'introduzione di personaggi "sgradevoli" in un tipico contesto idilliaco, seppur dominato da conti che tornano e inquietanti presagi che hanno del soprannaturale.Il serial comincia sulla spiaggia antistante la segheria locale, dove, avvolto nella plastica è disteso il cadavere di Laura Palmer(Sheryl Lee), una liceale diciassettenne ammirata da tutti...il drammatico ritrovamento getta scompiglio tra gli abitanti della cittadina e tra le persone che pensavano di conoscere bene la ragazza...alle indagini per individuare l' omicida e quindi sciogliere la complicata matassa costruita intorno a questo caso, arriva Dale Cooper(Kyle Maclachlan) brillante, abitudinario e carismatico agente dell'FBI che grazie a doti sensitive e tecniche deduttive(ispirandosi dichiaratamente anche alla filosofia tibetana)scopre alcuni inaspettati particolari e verità che lo porterà sempre più nel profondo baratro dell'illogicità...

Così si conoscono i genitori di Laura, Sarah e Leland(Grace Zabriskie e Ray Wise),il simpatico Pete Martell(che dovrebbe essere quello di "Eraserhead") alle prese con l'odiosa moglie Catherine(Piper Laurie) e l'ingenua cognata di Hong Kong, Josie(Joan Chen), la maleassortita coppia Hurley(Wendy Robie e Everett McGill),l'amante di lui e proprietaria del "Double R diner", Norma(Peggy Lipton), la cameriera Shelly(Madchen Amick) sposata al violento camionista Leo(Eric DaRe) e almeno un'altra decina di personaggi come lo sceriffo Truman(Michael Ontkean) e i suoi disponibili collaboratori, James e Donna(J.Marshall e l'ancora non famosa Lara Flynn Boyle), il ragazzo non ufficiale e la miglior amica della defunta,la sensuale coetanea Audrey Horne(Sherilyn Fenn),l'eccentrico psichiatra Jacoby(Russ Tamblyn) e, sorpresa, la cugina di Laura, sua sosia... Dunque, mentre a "Twin Peaks" la vita scorre sempre più o meno ripetitiva, si intrecciano storie d'amore triangolari, sorgono compromessi, si procede a partire da un pretesto iniziale(il classico "whodunit")che coinvolge emotivamente lo spettatore attento e incuriosito, accompagnandolo lungo gli episodi come in un viaggio iniziatico in cui le carte vengono rimescolate di continuo, nel quale egli fa riferimento a una mappa mentale in cui niente e nessuno compaia o dica qualcosa è fine a se stesso, o dato per scontato.

Le varie vicende non sono semplici contorni, si può sospettare di tutti, all'inizio, ma di certo scoprire che tra ognuno di loro c'è un legame..Sta a voi partecipare a questo punto di non ritorno seminato di dubbi.. Indimenticata la azzeccatissima ed evocativa la colonna sonora di Angelo Badalamenti, con la splendida "Falling" che ormai fa parte dell'immaginario collettivo ed accompagna i titoli di testa di ogni episodio.



martedì 7 “Acustica” BLUES DRIVERS in concerto € a seguire DAIANA dj.

Nascono nel 1994 con lo stile di Chicago, ma il loro show e` molto piu fruibile e trascinante, fatto di sensuale e torrido blues con influenze funky ed emozionanti incursioni nel soul. Suonano con un certo stile gli standard del blues (Muddy Waters, Robert Johnson, Little Walter), rhythm `n blues (Big Joe Turner, Fats Domino) e soul (Rufus Thomas, James Brown) oltre a numerose composizioni proprie. I Blues Drivers dal 1994 calcano con successo le scene di vari locali della Toscana. .


Nel 1995 partecipano al Sinistrock `95 e si esibiscono dal vivo al programma "Il popolo del Blues" condotto da Ernesto de Pascale su Controradio. Il 1996 li vede partecipanti alle selezioni del Pistoia Blues. Nel 1997 suonano al Chianti Blues Festival, ano l'ordine costituito durante un memorabile concerto nell'auditorium del penitenziario di Sollicciano e si esibiscono a Nocera Umbra per i terremotati, tanto, ormai....


Col 1998, l'apoteosi: suonano al Palasport di Firenze nell`ambito dell' "Incontro Internazionale dei Giovani" organizzato dall` Arcidiocesi, presentato da Red Ronnie.
Nel 1999 continuano la loro intensa attivita’ live  tra clubs, feste, e matrimoni alternando la musica ad altre occupazioni piu’ dignitose e, diciamolo, piu’ redditizie. Da segnalare la memorabile esibizione allo “Swatch Wave Tour” del 17 settembre al Piazzale Michelangelo, dove, a dispetto delle mode e delle tendenze di fine millennio, hanno propinato all’incredulo pubblico di surfisti anni ’90 il loro classico repertorio di buon blues.

Dal 2000 si ha una lieve flessione nella loro attività live, anche a causa dell’evolversi delle situazioni: nel 2002 il Buti convola a giuste nozze con una delle Drivettes Laura; l’anno successivo il Muzzi se ne va in Portogallo appresso ad una donna e, nel 2004, il Buti e la Laura sfornano una Blues Driver di seconda generazione: Elisa, la quale, a poche settimane di vita, invece che amene ed innocenti canzoncine da bambini, ascolta gli Who. Con l’arrivo del nuovo chitarrista Rafanelli i Blues Drivers definiscono “luminoso” il loro futuro, denotando quindi una certa consapevolezza di sé, una vera maturazione musicale e anche un lieve rincoglionimento.


mercoledì 8 cinema “legami!: altre ossessioni” Steven Shainberg: SECRETARY € a seguire HANZEL & EMOTIONAL VIOLENCE dj.

Appena uscita da un istituto psichiatrico, Lee Holloway, giovane dalle manie autodistruttive, risponde all'annuncio di un avvocato alla ricerca di una segretaria. Ottenuto il lavoro, si rende conto di aver trovato nel sadico avvocato E. Edward Grey che la rimprovera violentemente e la sculaccia l'uomo ideale. Due personalità eccentriche che si compensano magnificamente con buona pace di tutti.

giovedì 9 The passenger in concerto (rock cover band) € a seguire PIPPO “scommettiamo che mangio il centro della pizza” dj.


venerdì 10 Rockoteca concerto da definire € a seguire KOAN dj.

sabato 11 MARLA SINGER € a seguire SELENE dj.

Ciao sono Marla...Marla Singer...
Sono il vostro animale guida...Scivolate con me e tutto sembrerà diverso perché lo vedrete con i miei occhi
Se faccio parte del XXI° secolo ? Mio malgrado ne assorbo le contraddizioni e le vivo quotidianamente ...
Posso essere tutto ciò che volete,in me convivono molte realtà ... la Gioia, il Dolore, l' Amore, l'Odio..
Tutte lucide follie per l'uomo del terzo millennio..Mi lascio scorrere la vita addosso e non cerco traguardi
Vivo di emozioni casuali senza pensare troppo
Tutto ciò che mi serve é una tazza di caffè ....

Io sono ... La Nascita
COME E’ NATA MARLA SINGER
 
Una storia iniziata più o meno nel Gennaio 2002 con una telefonata. Ale mi chiama: “Stiamo cercando un chitarrista, sei tu.”, Cosimo risponde “Ok, ci sto”... così ad un gruppo di 4 amici musicisti Ale, Kepke, Marco e Millo, se ne aggiunge un quinto : Cosimo.
 
5 concetti sonori, 5 immagini creative, 5 mesi di sala prove.
La band realizza una decina di provini, nel 2003 vince Sanremo Rock e, grazie anche agli attestati di stima espressi da Mauro Pagani e Massimo Varini, ad Aprile sembra che la discografia italiana inizi ad interessarsi ai Marla Singer.
 
Il gruppo, intanto, percepisce che la formula sonora espressa dai primi provini non è ancora definitivamente plasmata e non esprime a pieno le potenzialità del gruppo, manca qualcosa.
 
Ancora una volta è una telefonata il simbolo della svolta: è Cosimo che risponde, dall’altra parte si presenta un certo Luca Pernici (Penna), ha appena prodotto il disco de -Il Nucleo e dice che i nostri provini gli piacciono molto … parliamo un po … “ … mi piacerebbe però conoscervi meglio, magari di persona … vediamoci se vi va … ”.  E’ Luglio 2003, dopo un mese i Marla Singer incontrano il Penna a Reggio Emilia in un pomeriggio passato a discutere di noi, di musica, di idee, progetti … poi passa almeno un’ altro mese e finalmente Penna decide di portare le sue kiappe ed alcune apparecchiature al Virus Studio di Siena, base dei Marla, per provare a concretizzare qualcosa.
Inizia così un’esperienza tanto bella quanto formativa, uno scambio reciproco di idee e di cultura che spazza via tutti gli ostacoli e le differenze, dove ogni singolo elemento si mette in gioco a vantaggio di un progetto comune.
La musica arriva, fluisce, il suono dei Marla sta decisamente prendendo la forma giusta, tutti noi ce ne rendevamo conto ogni giorno di più, ormai gli arrangiamenti ed i suoni giusti scaturivano con tale facilità che capivamo di essere sulla strada giusta. Decidemmo quindi di continuare almeno fino a quando questa vena creativa così positiva non si fosse esaurita, allungammo il più possibile le sessioni di registrazione anche se non vi era nessun budget col quale poter pagare nulla e nessuno.
non si risparmia comunque sulle energie ed i 6 moschettieri si mettono sotto, tutti in gioco e a disposizione della buona riuscita del progetto, ci credono ed è quanto basta per continuare a lavorare sulla base del “…così ci piace…”.
Così è nato il suono attuale dei Marla, così e nata prima di tutto un’ amicizia.
Da qui il viaggio è breve, é da Siena che parte Marla Singer o forse ha già preso la sua strada e al momento non ha intenzione di scendere a compromessi con nessuno: pensa solo ad  essere se stessa, nel bene e nel male.
… per quello che significa …



domenica 12 cinema “a luce rockStephen Frears: ALTA FEDELTA’ € a seguire CANDYMAN dj.

A Chicago, Rob Gordon è proprietario di un negozio di dischi modesto e in verità poco vivace. Rob infatti si ostina a vendere dischi alla vecchia maniera, ossia quelli in vinile.. I clienti quindi sono solo appassionati e collezionisti, che tuttavia spesso non sono nemmeno bene accolti. Al negozio lavorano anche Dick e Berry, che condividono la stessa passione musicale e con i quali Rob si diverte a stilare personali classifiche "dei migliori cinque" su qualunque tema.. Succede però che Laura, la ragazza con cui vive, decide di piantarlo, e allora Rob, nel tentativo di capirne i motivi, comincia a riesaminare il proprio passato. Mette insieme i nomi di cinque ragazze che a vario titolo hanno segnato per lui momenti importanti, e, ricordandole una per una, ricostruisce la propria vita a partire dall'adolescenza. Di volta in volta, i flashback riguardano Allison, Penny, Charlie, Sarah, Jackie. Con tutte Rob capisce di aver ad un certo punto fatto qualcosa di sbagliato, che ha provocato equivoci e indotto le ragazze ad allontanarsi. Laura intanto é andata a vivere con Ian, ma Rob non si rassegna, parla con l'uomo, lo caccia malamente quando lui si presenta al negozio. Muore il padre di Laura e Rob va al funerale. Dopo i due si ritrovano, e lei dice che vuole tornare a casa con lui. Tempo dopo, Rob dice a Laura che ha conosciuto una certa Carolina ma che non significa niente: ora lui chiede a Laura di sposarlo.




Prossimamente

lunedì 20 cinema “delirioVisione: i grandi registi per il piccolo schermo” David Lynch: I SEGRETI DI TWIN PEAKS prima stagione, episodi 5, 6, 7 € a seguire rockoteca HBS dj - martedì 21 “Acustica” SANDRO E GIACOBBE in concerto € a seguire DAIANA dj - mercoledì 22 L’ANIMALE in concerto € a seguire HANZEL & EMOTIONAL VIOLENCE dj - giovedì 23 cinema “legami!: altre ossessioni” Pedro Almodovar: LEGAMI! € a seguire PIPPO “scommettiamo che mangio il centro della pizza” dj - venerdì 24 Rockoteca KOAN dj - domenica 26 cinema “a luce rock” THE COMMITMENTS € a seguire CANDYMAN dj - lunedi 27 cinema “delirioVisione: i grandi registi per il piccolo schermo” Steven Spielberg: DUEL € a seguire rockoteca HBS dj - martedì 28 “Acustica” gruppo da definire € a seguire DAIANA dj - mercoledì 29 cinema “legami!: altre ossessioni” Jennifer Lynch: BOXING HELENA € a seguire HANZEL & EMOTIONAL VIOLENCE dj - giovedì 30 BAMBOLE DI PEZZA in concerto € a seguire PIPPO “scommettiamo che mangio il centro della pizza” dj.


Sabato 18 giugno Marla Singer in concerto
Sabato 25 giugno Rumore Rosa in concerto

Zero V.le Dell'Olmatello 2 (angolo v.le Guidoni) info 055 2469353
musica dal vivo, cinema, dj, pizzeria, ottime birre, mercatino dell'artigianato.......and more!!!
Aperto tutte le sere dalle ore 19
e-mail:info@tea4one.com




Questo messaggio ti viene inviato in osservanza della legge 675/96 sulla tutela dei dati personali. Se non sei interessato a riceverlo (o la consideri un'invasione per la tua privacy), ti basterà inviare una e-mail avente come oggetto la dicitura cancella. Non riceverai più alcun messaggio. Ricordati di usare lo stesso nome e la stessa e-mail con cui risulti iscritto
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl