Andrea Sacco, il grande patriarca dei «Cantori di Carpino»

Andrea Sacco è nato quasi 94 anni fa a Carpino

09/lug/2005 22.17.47 Ufficio Stampa Antonio Piccëninnë Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

CARPINO FOLK FESTIVAL 2005 REUNION

Il festival della musica popolare e delle sue contaminazioni
Da edizioni Aramirè:"Andrea Sacco suona e canta..."

Andrea Sacco è nato quasi 94 anni fa a Carpino (FG), dove ha vissuto la sua vita, con l’eccezione della lunga parentesi della II guerra mondiale. Contadino, cantore e suonatore di talento assoluto, ha lasciato tracce molto influenti nella musica popolare. Decine sono le versioni della sua montanara più famosa, Accomë j’eia fa’ p’ama ’sta donnë, conosciuta impropriamente come Tarantella del Gargano.È stato il leader di tre diversi gruppi musicali di cantatori di Carpino che si sono succeduti nei decenni, suonando in tutto il territorio italiano i repertori di sonetti e tarantelle del suo paese.

Il libro, oltre che presentare un ritratto del musicista, esamina il sistema di valori e esperienze umane che hanno segnato la vita di Andrea Sacco, e, in una piccola operazione di storia orale, fa emergere lo spaccato di un mondo orale e contadino che sta scomparendo e dal quale tutti noi in qualche misura proveniamo. Seguono poi le narrazioni dell’incontro e dell’esperienza dell’imparare, ed una lunga intervista ad Andrea Sacco

L'autore, Enrico Noviello, è originario del Gargano. Laureato in Scienze Politiche e perfezionato in Antropologia Culturale, ha insegnato per due anni a Scienze dell’Educazione, Università RomaTre, e da più di 10 anni lavora nell’Unicef Italia. Ha imparato a suonare la chitarra battente e cantare le tarantelle di Carpino con Andrea Sacco, e suona e canta con il gruppo Malicanti (www.malicanti.it).
All’interno un CD doppio con l’intervista a Andrea Sacco ed i sonetti e le tarantelle da lui cantati e suonati a partire dalla tarantella registrata a Carpino nel 1966 da Roberto Leydi e Diego Carpitella.

Andrea Sacco suona e canta
Storie di un suonatore e cantatore di Carpino
di Enrico Noviello
prefazione di Franco Cassano
introduzione di Salvatore Villani

Pag. 128 con fotografie.
Doppio CD audio allegato con brani dell’intervista di Enrico Noviello ad Andrea Sacco e con i sonetti di Andrea Sacco.
Euro 15,00
disponibile da agosto 2005

Tracce audio
registrazioni storiche
01 01:55 Pigghiëtë questa lettërë che ijë t’ammannë
registrato a Carpino il 10 dicembre 1966 da D. Carpitella e R. Leydi,
02 01:41 Më vurria truà ’n cielë ’n cielë më trovë
registrato a Milano, nel corso dello spettacolo Sentite buona gente
allestito da R. Leydi e D. Carpitella con il Piccolo Teatro di Milano,
presso il Teatro Lirico nella stagione 1966/’67;
03 02:30 Donnë che sta’ ’ffacciatë a ’sta fënestrë
registrato a Carpino nel maggio 1984 da Leggieri-Canistro
04 03:12 Lu poverë corë mijë fëritë fëritë
registrato a Carpino nel maggio 1984 da Leggieri-Canistro

Registrazioni di Enrico Noviello, Carpino, 2000 - 2002
05 00:56 Accordatura della chitarra battente
06 04:39 Necchëtë bellë mijë domanë partë
Jerë serë cumparì ’na stella d’orë
07 02:13 testi recitati dei sonetti Necchëtë bellë mijë e Jerë serë cumparì
08 07:08 La funtanellë p.
Vidë che bella donnë j’ejë avutë
Barcaiolo
09 00:31 Apprendere 1, 2000
10 02:31 Apprendere 2, 2000 - Lu poverë corë mijë fëritë fëritë
11 06:22 Apprendere 3, 2002 - Vuijë chë vulitë da me
Lu poverë corë mijë fëritë fëritë
La funtanellë
12 01:58 Testi e strofette di commiato, 2002
13 00:32 Quantë vurrija fa’ l’artë dëllu sbirrë (recitato)
14 00:29 Quantë vurrija fa’ l’artë dëllu sbirrë
15 03:09 Mammë mo’ cë në venë lu giovinottë
Registrazioni di AS in concerto con malicanti
Acaya (Le), 13 agosto 2001
16 08:13 Accomë j’eia fa’ p’amà ’sta donnë
Questë jè la stradë dë lu cuncëlionë
Lu poverë corë mijë fëritë fëritë
Questë jè la stradë dë lu virvillandë
17 05:33 Barcaiolo
Pigghiëtë questa lettërë che ijë t’ammannë
18 04:44 Vidë chë bella lunë chë bellë stellë
La bonaserë

Albano (Roma), 7 settembre 2001
19 03:30 Da luntanë e da vicinë semprë li stessë
Questë jè la stradë dë lu virvillandë
20 06:40 Barcaiolo
Pigghiëtë questa lettërë che ijë t’ammannë
Alla larghë alla larghë tuttë a qua ’tturnë
21 02:15 Bellë c’ha da scusajë
La bonaserë

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl