"Usanze nelle campagne marchigiane del Novecento: i matrimoni" conversazione con Ada Antonietti

marchigiane del Novecento: i matrimoni" conversazione con Ada Antonietti

17/ago/2005 05.15.20 Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

 

“Usanze nelle campagne marchigiane del Novecento: i matrimoni” conversazione con Ada Antonietti

Al Museo di Storia della Mezzadria “Sergio Anselmi” secondo appuntamento con “Uomini e paesaggi. Un aperitivo al Museo”

 

 

Venerdì 19 agosto al Museo di Storia della Mezzadria “Sergio Anselmi” alle 18.30 ci sarà il secondo appuntamento con il ciclo di incontri intitolato Uomini e paesaggi. Un aperitivo al museo. Conversazioni nel chiostro del Museo in cui si volgono sguardi alle nostre genti e alla vita contadina, si ascoltano storie raccontate da narratori d’eccezione.

Le “Conversazioni”, che si tengono nel luogo che con straordinario spirito di anticipazione Sergio Anselmi ha dedicato al mondo della mezzadria, ai suoi rituali, ai suoi luoghi, alla sua cultura, nascono dal desiderio di approfondire la conoscenza della storia della regione Marche, con attenzione sia all'ambiente contadino, che più di ogni altro ne ha segnato i tratti distintivi, sia alle trasformazioni del paesaggio agrario e collinare.

La conversazione di venerdì 19 sarà con la Direttrice del Museo di Storia della Mezzadria “Sergio AnselmiAda Antonietti che parlerà di “Usanze nelle campagne marchigiane del Novecento: i matrimoni”. Fino alla metà del Novecento il rito del matrimonio nelle campagne ha seguito regole ben precise, che vanno dalla “stima” della dote della futura sposa, alla confezione dell'abito nuziale, al pranzo con lancio di confetti. La proiezione con illustrazione di immagini d'epoca permetterà di percepire in modo immediato un clima del quale molti ancora si ricordano bene.

L’incontro sarà seguito, come ad ogni appuntamento, da un aperitivo con vini presentati di volta in volta da un produttore d'eccellenza, che ha scelto la strada della qualità e della riscoperta della tradizione. In questa occasione protagonisti saranno i vini della Azienda Agraria Silvano Strologo di Camerano (AN) presentati da  Silvano Strologo. L’Azienda, produce il Rosso Conero DOC “Julius” e il “Traiano”, ottenuti da uve Montepulciano in surmaturazione, pigiatura soffice e lunga fermentazione a temperatura controllata. Con la collaborazione dell’enologo Giancarlo Soverchia in pochi anni l’Azienda Strologo è arrivata ad eccellenti livelli di qualità. L'annata 2000 del Traiano oltre ai quattro grappoli della Guida dell’AIS si è aggiudicata i tre bicchieri della Guida del Gambero Rosso.

Per poter  partecipare agli incontri è previsto un servizio di trasporto gratuito prenotando, entro il giorno precedente ciascun appuntamento, al Museo, dalle 8.30 alle 12.00, tel. 0717923127. Per informazioni: Museo di Storia della Mezzadria Sergio Anselmi, Piazzale delle Grazie, 2 - 60019  Senigallia   tel. 0717923127; fax 0717927684; m.storiamezzadria@libero.it.

“Le attività culturali del Museo di Storia della Mezzadria - spiega Remo Morpurgo, che con Ada Antonietti e con l’Associazione per la Storia della Agricoltura marchigiana ha progettato le attività dell’estate 2005 nel Museo -  intendono non solo inserirsi nel solco del  pensiero storico segnato da Anselmi, ma anche indirizzarsi con la stessa curiosità e libertà intellettuale verso quelle forme tra impresa e cultura che stanno ridefinendo i  rapporti tra agricoltura, territorio e sviluppo. Quest’anno abbiamo pensato a conversazioni con storici per poter ascoltare racconti sul lavoro, sulla vita nelle campagne, sul paesaggio agrario, e con produttori di vini, per conoscere le trasformazioni dell’agricoltura dalla viva voce di chi produce vini presenti sulle tavole prestigiose di tutto il mondo”.

 

Ufficio Stampa

Alessandro Piccinini

338.4169263

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl