Rassegna Mare Olbia - comunicato

Si terrà dal 18 al 20 novembre ad Olbia (Olbia Expo) la XVI Rassegna del mare, una tre giorni intensa di incontri e convegni di alto livello scientifico internazionale, promossa dall'associazione Mare Amico con il sostegno del Ministero per l'Ambiente, del Ministero per le Politiche Agricole e Forestali e del Comune di Olbia in collaborazione con CNR ed ENEA.

26/ott/2005 07.43.13 alessandro maola ufficio stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ad Olbia la XVI Rassegna del Mare.

Scienziati, politici, imprenditori per parlare dello stato di salute del mare e delle prospettive di sviluppo turistico ed economico.

 

Si terrà dal 18 al 20 novembre ad Olbia (Olbia Expo) la XVI Rassegna del mare, una tre giorni intensa di incontri e convegni di alto livello scientifico internazionale, promossa dall’associazione Mare Amico con il sostegno del Ministero per l’Ambiente, del Ministero per le Politiche Agricole e Forestali e del Comune di Olbia in collaborazione con CNR ed ENEA.

 

Dal 1989 Mareamico ed il Ministero per l’Ambiente organizzano “La Rassegna del Mare”, un incontro annuale dove convergono scienziati italiani e stranieri, politici, ambientalisti, imprenditori pubblici e privati, operatori e professionisti del settore.

La Rassegna fino ad oggi si è tenuta in quattordici località, scelte per il particolare interesse naturalistico: Viareggio, Trieste, Livorno, Capo Palinuro, Cefalù, Venezia, Napoli, Palermo, Cala Gonone, Terrasini (Pa), Lecce, Ravenna, Termini Imerese (Pa) e Trani.

 

Quest’anno ad Olbia, la Rassegna e’ particolarmente dedicata a “Ecoturismo, portualità e certificazione ambientale in Sardegna.”. Si parlerà quindi di mare, ovviamente, ma anche di sviluppo turistico, del marchio di qualità e certificazione ambientale Ecolabel, di indotto economico, di turismo sostenibile, dei pericoli che possono derivare dalla navigazione per le Bocche di Bonifacio. Si parlerà anche nello specifico della Gallura, caratterizzata dalla

  

 

 presenza di aree di elevato interesse naturalistico sia marino che di terra, per verificare strategie e possibili sviluppi per uno sviluppo anche economico e turistico, per una valorizzazione delle professionalità dell’imprenditoria e delle tradizioni locali. Insomma, ad Olbia si confronteranno scienziati, politici ed imprenditori, per avviare un grande progetto di sviluppo turistico compatibile.

 

Tra i relatori attesi, il Ministro Altero Matteoli, che si collegherà in videoconferenza, il Presidente della Regione Sardegna Renato Soru, il Presidente del Comitato Emas - Ecolabel On. Pino Lucchesi, anche Presidente di Mareamico, ma soprattutto rappresentanti delle Università di tutta Italia, del CNR e dell’ENEA, capitanati dal Presidente del Comitato scientifico prof. Giuseppe Cognetti del Dipartimento di Scienze dell’Uomo e dell’Ambiente dell’Università di Pisa. Tutti chiamati a confrontarsi mettendo al centro il Mare, grande riferimento culturale, economico e dell’immaginario d’Italia, grande patrimonio ambientale e risorsa di sviluppo.

 

Tra i temi che verranno trattati, alcune “grandi questioni” che forse per la prima volta sarà possibile discutere mettendo a confronto istituzioni, operatori, studiosi.

 

-         Il caso della “Bocche di Bonifacio”, che rappresentano un’area di eccezionale rilievo paesaggistico e ambientale, eco-regione biologicamente ricca ma soprattutto fragile e minacciata, in quanto stretto internazionale di difficile navigazione e di intenso traffico mercantile anche di navi trasportanti materiali pericolosi. Idee e prospettive al fine di prevenire e ridurre i rischi di inquinamento.

 

-          

 

 

 

-         La certificazione ambientale (EMAS-ECOLABEL) nei settori del turismo e delle attività produttive”.  Si affronterà il tema della certificazione ambientale e delle opportunità da essa offerte, oltre a valutare le prime esperienze di certificazione EMAS nelle aree protette (ad es. l’AMP denominata  “Tavolara-Punta Coda Cavallo”),

 

-         Trasporti marittimi - impatto e sicurezza della portualità: come conciliare le esigenze di sviluppo economico di un territorio con la sua vocazione turistica e di tutela ambientale.

 

-         Le iniziative per un turismo sostenibile”, Individuazione delle azioni intraprese - ai diversi livelli amministrativi - al fine di una promozione dello sviluppo economico e sociale delle aree interessate, alla luce dei criteri di sostenibilità, connesse alle attività turistiche e culturali, alle attività produttive marittime, alle produzioni tipiche, al sistema dei trasporti e infrastrutture, alle aree protette, alla difesa del suolo e della costa, ai centri urbani, ai servizi idrici e allo smaltimento dei rifiuti.

 

-         Per un nuovo turismo sostenibile: progetti, investimenti e risorse

 Promozione e attuazione di iniziative per la tutela e la valorizzazione dell’ambiente, per la riqualificazione del settore turistico, il sostegno dell’occupazione e lo sviluppo sostenibile. Si parlerà di destagionalizzazione, marketing territoriale e promozione turistica, gestione sostenibile delle risorse naturali e programmazione dei fondi strutturali, Carta Europea del turismo durevole nelle aree protette.

 

  

Moderatori dei convegni, anche i giornalisti Federico Mazzuoli e Claudio Brachino.

Nel corso della Rassegna, si terranno poi dei “forum” su temi specifici, che metteranno a confronto istituzioni locali e nazionali, imprese, associazioni, studiosi, rappresentanti delle categorie. L’elenco delle autorità presenti alla Rassegna e che parteciperanno ai Forum e’ disponibile su richiesta, continuamente aggiornata con le nuove adesioni.

             

Roma, 24 ottobre 2005

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl