"La Festa delle Streghe" finale pirotecnico

poi come spunto per inventarsi un magico carnevale autunnale, dove si respira un

31/ott/2005 16.00.53 Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

 

“La Festa delle Streghe” finale pirotecnico

 

 

Una ricorrenza tutta d’importazione entrata ormai a far parte dell’immaginario collettivo di grandi e piccini quella di Halloween che Corinaldo ha saputo abilmente tradurre attraverso una “ricetta nostrana”. Ciò che otto anni fa l’Associazione Turistica Pro Loco di Corinaldo ha “importato” di Halloween infatti è un “etichetta” utilizzata poi come spunto per inventarsi un magico carnevale autunnale, dove si respira un atmosfera di festa, nuovi incontri, danze e suggestioni. Un gioco, un grande gioco che coinvolge quasi cinquecento persone per i preparativi e decine di migliaia di presenze da tutta Italia. “La Festa delle Streghe” è diventata negli anni un appuntamento di grande richiamo turistico e mediatico, il punto di riferimento di casa nostra del trick or treat?” citato con il divertente appellativo di “Capitale d’Italia d’Halloween”.

E’ ancora presto per stilare le cifre dell’evento, la cosa certa è che sono da record. Nella mattinata di domenica la Pro Loco di Corinaldo aveva già contato oltre 670 camper parcheggiati (lo scorso avevano raggiunto la ragguardevole cifra di quattrocento) nelle aree di sosta predisposte dal Comune e anche altrove: alcuni camper sono stati infatti avvistati in varie zone di Senigallia. Così come le prenotazioni alberghiere per il week-end sono arrivate sino alle strutture ricettive senigalliesi. Gli alberghi, le pensioni e gli agriturismi di Corinaldo avevano infatti registrato il tutto esaurito già da tempo.

Una folla oceanica di persone ha riempito ogni spazio libero del paese, dalle taverne alle cento scale illuminate, alla Piazza del Cassero dove si sono susseguiti vari spettacoli come il concorso Miss Strega nella giornata di venerdì che ha registrato il pienone, gli spettacoli dei bambini delle scuole corinaledesi, il grande show del comico cantante Stefano Nosei, esilarante spettacolo salutato da una standing ovation delle centinaia di persone che erano riuscite a conquistarsi un posto nella splendida piazzetta, il “Gran Ballo delle Streghe” con il corpo di ballo delle Dark Angels coregrafate da Marica Capitanelli presentato il sabato sera e replicato per la notte del 31. Il Tunnel della Paura la cui apertura era prevista ogni giorno alle 18, domenica ha visto formarsi una lunga coda per entrare già dalle 17. Sono state ben 30.000 le persone che fino a domenica lo hanno attraversato. Mentre 15 sono i quintali di castagne distribuiti sempre fino alla notte del 30.

Ma al di là di numeri da capogiro che non possono essere presi come unico indicatore del successo di un iniziativa, un altro aspetto importante che si è potuto cogliere durante i giorni della manifestazione è stato l’autentico clima di festa, di ritrovo, di divertimento. Un clima positivo che ha saputo coinvolgere tutte le generazioni, perché “La Festa delle Streghe” è nata con lo spirito fanciullesco di far giocare grandi e piccini in una atmosfera da favola. Così come gli adulti e i giovani della Pro Loco di Corinaldo coordinati dal presidente Giuseppe Falcinelli (quest’anno quasi cinquecento persone) si confrontano ogni anno per organizzarla mettendo gli uni l’esperienza e la saggezza e gli altri la voglia di fare, profondendo insieme le loro energie e risorse migliori.

 

Ufficio Stampa

Alessandro Piccinini

338.4169263

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl