Racconti d’estate 2011

Sono i Racconti d'estate: un'iniziativa basata su episodi del Medioevo e del Rinascimento lombardo narrati nelle mura di Pizzighettone, cittadina cremonese affacciata sulle rive del fiume Adda a pochi chilometri da Crema, Lodi, Milano, Pavia e Piacenza.

Persone Francesco Sforza Visconti, Davide Tansini
Luoghi Milan, Venice, France, Cremona, Piacenza, Pavia, Lodi, Crema, Ho
Argomenti music, composition, alternative medicine, computer science

26/giu/2011 01.12.31 74nemrac Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

RACCONTI D’ESTATE 2011

 

Che cosa: storia del Medioevo e del Rinascimento.
Dove: Pizzighettone (Cremona).
Come: narrazione storica con visita guidata.
Quando: 2, 16 e 30 luglio, 13 e 27 agosto e 3 settembre 2011.
Chi: Davide Tansini.
Info: cellulare (+39) 349 2203693; e-mail eventi@tansini.it; Facebook Racconti d’estate, Web www.tansini.it/it/racconti.html.

 

«Conoscere la storia per capire il presente». Capita spesso di sentire questa frase che riassume effettivamente l’utilità di affrontare oggi vicende accadute molti secoli fa. Spesso, però, quello che ci si aspetta dalla storia sono lezioni noiose, dagli scarsi legami con l’attualità e quindi poco coinvolgenti.
Non sempre è così. Anzi, c’è stata un’interessante iniziativa che è riuscita a legare la serietà degli studi storici strizzando l’occhio alla curiosità e agli interessi del pubblico.
Sono i Racconti d’estate: un’iniziativa basata su episodi del Medioevo e del Rinascimento lombardo narrati nelle mura di Pizzighettone, cittadina cremonese affacciata sulle rive del fiume Adda a pochi chilometri da Crema, Lodi, Milano, Pavia e Piacenza.
Narrazioni storiche con visite guidate serali ambientate fra guerre, intrighi, scandali e tradimenti: si può riassumere così questo evento che fra Luglio, agosto e settembre 2011 ha animato alcune serate della cittadina cremonese.
Ideatore e guida di questi viaggi a ritroso nel tempo è stato Davide Tansini: storico lombardo, studioso di storia medievale, rinascimentale e moderna e di architettura castellana, da anni ricerca fra libri, archivi e monumenti per trovare le tracce anche più nascoste del passato.
«Condivido pienamente l’affermazione di partenza: per chi la vuole ascoltare, la storia può aiutare a comprendere il presente», ha dichiarato lo storico. «È il motivo per cui ho riproposto anche quest’anno i Racconti d’estate».
L’iniziativa ha infatti esordito nel 2010, raccogliendo un buon successo di pubblico (tre serate da tutto esaurito e una data straordinaria). Anche la seconda stagione ha dato esito decisamente positivo: il pubblico ha riconfermato di apprezzare le narrazioni, addirittura raddoppiate per il 2011: tre prime e tre repliche, per un totale di sei spettacoli.
«Al di là dei numeri», prosegue Tansini, «ho riportato in scena i Racconti d’estate perché considero queste narrazioni un valido modo per coinvolgere il pubblico, anche quello meno avvezzo ai discorsi storiografici. E anche perché le sento vicine al mio modo di fare storia: mi piace il contatto diretto con gli spettatori».
Infatti, con uno stile colloquiale ma frizzante Tansini ha condotto alla scoperta di tre differenti storie: Pizzighettone 1500: guerre, scandali, potere (2 luglio e 13 agosto), Pizzighettone 1449: intrigo al castello (16 luglio e 27 agosto) e Pizzighettone 1403: la battaglia dimenticata (30 luglio e 3 settembre).
«Per la prima si è trattato di uno scandalo rosa che coinvolse i vertici politici di Francia e Venezia, nel 1500», ha commentato lo storico. «La seconda ha riguardato la conquista di Pizzighettone a opera del condottiero Francesco Sforza Visconti, nel 1449. La terza ha parlato di una battaglia che fu combattuta sotto le mura di Pizzighettone, nel 1403, e che è stata quasi completamente dimenticata dalla storiografia».
Denaro, guerre, intrighi, personaggi, politica, tradimenti, tutto raccontato nella cornice delle mura pizzighettonesi illuminate con fiaccole e lanterne: cosa che ha aggiunto un tocco di fascino in più alle già coinvolgenti vicende narrate da Tansini.
E non soltanto. «Ho parlato anche di architettura, arte, cucina, cultura, curiosità, economia, società, territorio», ha terminato lo studioso lombardo. «La varietà di argomenti nei Racconti d’estate ha cercato di creare più livelli di interesse, in modo da stimolare e guidare gli spettatori. Nel momento in cui si colgono le differenze e le somiglianze con la vita odierna e i suoi meccanismi, il racconto raggiunge il suo scopo: far comprendere l’attualità attraverso la storia».

L’iniziativa Racconti d’estate è stata organizzata dal «Gruppo Volontari Mura» (GVM) di Pizzighettone. La serie e gli spettacoli sono stati ideati da Davide Tansini. L’iniziativa non ha avuto scopo di lucro.

RCS
4 settembre 2011

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl