Rifugio lagdei 30-31 luglio - Fotografia naturalistica ed escursione

sabato 30 luglio 2011, ore 15:00, Rifugio Lagdei Come fotografare lupi, tassi, volpi e _ Tecniche e consigli di fotografia naturalistica, dal teleobiettivo alle trappole fotografiche: le splendide immagini di Davide e Isacco Zerbini Come si fa a fotografare un lupo da vicino, ovviamente senza andare in un'area faunistica?

Persone Antonio Rinaldi, Isacco Zerbini, Davide Zerbini, Madonnina
Luoghi Parma Marmagna, Toscana, Emilia Romagna, Lunigiana, Lago Santo
Argomenti fotografia, zoologia

25/lug/2011 18.21.07 Rifugio Lagdei Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
sabato 30 luglio 2011, ore 15:00, Rifugio Lagdei

Come fotografare lupi, tassi, volpi e …

Tecniche e consigli di fotografia naturalistica, dal teleobiettivo alle trappole fotografiche: le splendide immagini di Davide e Isacco Zerbini

Come si fa a fotografare un lupo da vicino, ovviamente senza andare in un'area faunistica? Ci vuole una trappola fotografica! Una trappola fotografica altro non è che un sistema in grado di fotografare un soggetto senza il bisogno della presenza del fotografo. Ovviamente è necessario che il fotografo abbia preventivamente lavorato per garantire l'efficacia della trappola e la qualità dello scatto che ne seguirà. Davide e Isacco Zerbini hanno iniziato a sperimentare questa tecnica sul principio degli anni '90 affinandola piano piano nel tempo sperimentando sempre più raffinate attrezzature. Questo pomeriggio i due esperti parleranno di fotografia naturalistica e delle loro attrezzature, per poi concludere appena prima di cena con una galleria di immagini di tutti gli animali che popolano i nostri boschi e che sono riusciti a fotografare negli anni con questa tecnica. www.ormeselvagge.it
Dopo il laboratorio, alle 19,30 , possibilità di cena alla carta.
Iniziativa gratuita.



domenica 31 luglio 2011, ore 9:30, Rifugio Lagdei

Le cime dell'alta val Parma

Marmagna, Braiola, Orsaro: trekking dei tre "giganti" dell'alta Val Parma

Nel Parco Nazionale ci sono tre montagne, splendide e vicine l'una all'altra. Il Marmagna, classica meta domenicale per raggiungere la quale si passerà dal Lago Santo, gioiello dei "cento laghi". Il Braiola dalle potenti bancate di arenaria macigno. Ed infine l'Orsaro, che dà il nome a tutto il massiccio e sulla vetta del quale è presente una Madonnina cui sono devote le genti della montagna, del parmense e della Lunigiana. Tutta la passeggiata è panoramica e assolata e si sviluppa per lo più lungo il sentiero 00 che segna il confine tra Emilia e Toscana.
Per chi vuole pranzo al sacco con borraccia del Rifugio in omaggio € 8 e al rientro a Lagdei attorno alle 14, merenda insieme al Rifugio.
Difficoltà medio-alta. Si raccomandano scarponcini, abbigliamento da montagna, scorta d'acqua, panino. Quota di partecipazione escursione 10 € adulti, 5 € bambini, prenotazione obbligatoria Antonio Rinaldi 328.8116651 rnlantonio@inwind.it.





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl