IL MAIALE IN MULTIPROPRIETA'

DEL NINO - Incontri con la tradizione IV

10/gen/2006 06.28.24 Maria Elena Arcangeletti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
FESTA DEL NINO - IV EDIZIONE

Vuoi fare un investimento genuino e sicuro ?

Compra il maiale in multiproprietà!!!

 

Ecco la proposta di acquisto in “quote” di un bel suino

allevato in stato semibrado e con alimenti biologici, per fare i suoi “porci” comodi!

 

Ritorna l’iniziativa più originale della FESTA DEL NINO - Incontri con la tradizione IV edizione,  la kermesse (sostenuta da Slowfood, Enohobby, Accademia Italiana di cucina e tutte le istituzioni territoriali) iniziata l’11 novembre 2005 che, con conferenze, degustazioni, spettacoli e laboratori, festeggia l’animale dell’anno, il maiale.

 

La proposta che prende il nome “IL NINO IN MULTIPROPRIETÀ” dà la possibilità a tutti di sostenere un progetto di reintroduzione nel territorio provinciale di razze suine capaci di vivere secondo il metodo di allevamento semibrado e di poter consumare prodotti naturali controllati e di alta qualità.

In tempi così poco sicuri per ciò che riguarda il cibo e l’alimentazione, “IL NINO IN MULTIPROPRIETÀ” permette di rafforzare la propria consapevolezza nutrizionale, controllando tutti i processi di produzione della carne e degli insaccati e garantendo alla famiglia sicurezza, genuinità e qualità.

 

Il procedimento è semplicissimo: si sottoscrive una o più quote (di 100 o 150 euro) per l’acquisto di carne e di salumi... e si aspetta che siano stagionati e pronti all’uso! Niente più salami ammuffiti in garage o in una soffitta umida e poco adatta!

Nel frattempo si può anche fare una visitina al maiale (di razza Cinta Senese incrociata) per “conoscerlo” e tenerlo d’occhio, in una delle due aziende biologiche selezionate, per controllare che abbia davvero spazio sufficiente per deambulare, grufolare, fare i suoi “porci” comodi e accertarsi che venga nutrito con alimentazione biologica controllata e bilanciata, senza nessun tipo di ormoni della crescita, antibiotici, mangimi contenenti prodotti OGM, farine e ceneri di provenienza animale.

 

Venuto il tempo della macellazione, si potranno già ritirare i prodotti “freschi” mentre per quelli “stagionati” sarà cura dell’organizzazione avvisare quando è il momento più adatto per ritirarli e consumarli.

 

Tanti i guadagni per chi acquista le quote. Infatti la sottoscrizione permetterà di :

o        risparmiare sul costo dell’acquisto

o        sostenere con la propria spesa la reintroduzione nel territorio provinciale di razze di suino capaci di vivere secondo il metodo di allevamento semibrado

o        avere prodotti controllati naturali e di alta qualità

o        assaggiare salumi stagionati con metodo tradizionale

 

“IL NINO IN MULTIPROPRIETÀ”, un maiale di qualità!

 

La filosofia del maiale

IO? “NINO”!

Nome ed ispirazione del progetto nascono da un’esperienza che negli ultimi 4 anni si è dimostrata efficace esempio di valorizzazione territoriale, la “Festa del Nino”, che quest’anno durerà fino al 5 marzo.

 

Al “Nino”, appellativo con cui gli allevatori del pesarese chiamavano affettuosamente il maiale, è infatti dedicata una iniziativa che non è solo una festa popolare (momento comunque importante al suo interno) ma un vero e proprio viaggio nella cultura agricola ed enogastronimica, una lettura attenta ed approfondita che coinvolge arti, letteratura e sapere.

 

Realizzazione dell’iniziativa “Festa del Nino”

I risultati ottenuti con l’organizzazione della “Festa del Nino” rappresentano molto di più dei significati comunemente attribuiti alle feste paesane e popolari.

In modo spontaneo si è infatti creato un unico ed efficace fronte che ha accomunato i consueti tratti di simili momenti di aggregazione alla volontà di rendere questa occasione un piccolo modello di promozione culturale che nulla avesse da invidiare a più illustri e celebrate manifestazioni. Così la festa è diventata un vero e proprio calendario di eventi culturali legati alla tradizione, coinvolgendo democraticamente i soggetti che con questi temi hanno un rapporto, in poche parole tutti.

 

Il nino collettivo

Ma c’è di più, perchè in soli tre anni “il nino” è saputo diventare non soltanto simbolo di abitudini da conoscere, ricordare o difendere, ma una sorta di collante sociale in grado di aggregare fortemente attorno ad un unico progetto.

Se pensiamo alle difficoltà che le comunità sociali riscontrano in merito a temi politici o ideologici viene da sorridere di fronte ad un simile riscontro, il tutto affidato ad un’icona un simbolo culturale che parla di genuinità e tradizione.

 

Evoluzione non casuale

Ciò che caratterizza il consenso attorno ad una simile iniziativa è un vero e proprio progetto di comunicazione integrata sviluppato in tre anni. Se infatti, nella prima e nella seconda edizione il trattamento degli strumenti promozionali era legato ad immagini più didascaliche e rappresentanti il soggetto principe della Festa, nella terza edizione, quella del 2005, il Nino diventa simbolo concettuale e perde le caratteristiche didascaliche diventando sintesi.

 

 

IO NINO

Territorio Di Culture - Territorio Di Parole -  Territorio Di Sapori

MULTIPROPRIETÀ IN DETTAGLIO

 

Il maiale di razza Cinta Senese Incrociata verrà allevato in una delle seguenti aziende biologiche:

 

- Azienda Agricola Maisano Paolo di Pergola

- Cal Bianchino di Urbino

 

La quota da 100 euro comprende:

FRESCO Complessivi Kg 3 ripartiti tra:

Salsicce

Bistecche

Costarelle

Pancetta

 

STAGIONATO

n. 2-3 salami

(del peso medio complessivo di circa 1,5 Kg)

1/2 lonza

(del peso medio complessivo di circa 0,5 Kg)

1/2 guanciale

(del peso medio complessivo di circa 0,5 Kg )

 

GRASSO Kg 2 di lardo - Kg 1di strutto

 

ALTRO Kg 0,5 di cotiche

 

La quota da 150 euro comprende:

FRESCO Complessivi Kg 3 ripartiti tra:

Salsicce

Bistecche

Costarelle

Pancetta

 

STAGIONATO

n. 2 salami

(del peso medio complessivo di circa 1 Kg)

1/4 prosciutto

(del peso medio complessivo di circa 2-2,5 Kg)

1/2 guanciale

(del peso medio complessivo di circa 0,5 Kg )

1/2 pancetta

(del peso medio complessivo di circa 0,5 Kg )

 

GRASSO Kg 2 di lardo - Kg 1 di strutto

 

ALTRO Kg 0,5 di cotiche

 

Per ulteriori informazioni visita il sito www.festadelnino.orga o invia una mail al seguente indirizzo info@festadelnino.org

uffIicio stampa Maria Elena Arcangeletti 393.4264114
______________________
Maria Elena Arcangeletti
Ufficio Stampa Festa del Nino
www.festadelnino.org
02.48842538 - 393.4264114
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl