Immobiliare 2012, l’Anno del Fare

14/feb/2012 14.33.00 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dalla carta dei servizi alla geolocalizzazione delle agenzie immobiliari che hanno fatto propria l’iniziativa debrandizzata di Questa Agenzia Collabora, verso il portale b2b dedicato alle inserzioni delle agenzie che vogliono, credono, lavorano in condivisione, collaborando e ottimizzando il proprio business senza per questo perdere l’unicità del loro essere e fare mercato. Tutte queste evidenze raccontano la nascita di un movimento, spontaneo, fondato sul passaparola che si sviluppa in rete con una viralità disarmante e che sarà il ritmo del 2012. L’Anno del Fare.

Il 2012 del Mercato Immobiliare italiano è iniziato confermando un trend di mercato già anticipato dalle proiezioni dell’ultimo trimestre del 2011 da parte dei player di settore e della stampa specializzata. Il mercato delle agenzie immobiliari italiane è a rischio. Causa scatenante il calo delle compravendite il cui primo effetto collaterale è quello di determinare una selezione degli operatori di mercato con una riduzione delle attività d’agenzia attestabile attorno al 10%/15%.

L’iniziativa di Questa Agenzia Collabora nasceva in risposta all’avvento dello scenario descritto, per fornire agli operatori gli strumenti necessari piuttosto che gli input informativi utili a sfuggire alla stagnazione del mercato. Obiettivo: mantenersi propositivi per ottimizzare business ed evitare involuzioni o, peggio, scomparire travolti dall’onda crisi.

Consapevole delle difficoltà ereditate dalle crisi economiche, finanziari e politiche che si sono susseguite dal 2008 ad oggi, e del fatto che certe vie di fuga sono palliativi che hanno fatto il loro tempo e che appartengono a un sistema non più riproducibile, Questa Agenzia Collabora sostiene la necessità di ottimizzare le attività immobiliari reinterpretando ruoli e competenze nel fare leva su quegli strumenti che possono determinare un distinguo netto tra sopravvivenza/fallimento e business propositivo: http://youtu.be/9CnMRqjJGH0

Il manifesto programmatico di Questa Agenzia Collabora ma anche..

Una Vision sul 2012.
L’ Anno del Fare.

La domanda che dovremmo porci si potrebbe riassumere così: “in che modo posso raggiungere il cliente in parte disilluso dal momento di crisi che coinvolge il suo tessuto sociale di riferimento ?“. Il cliente cerca risposte concrete all’aumentare di problematiche spiazzanti e nel farlo utilizza quegli strumenti di comunicazione di massa che gli permettono interazioni veloci, decise e senza filtri. Internet.

Le opportunità partono dalla rete ed è verso di essa che l’Agente immobiliare deve prendere posizione decisa, non nel contrastarla ma nel diventarne ispiratore, consulente, compagno di “ventura” proponendo attività definite da azioni, movimenti e iniziative trasparenti, debrandizzate. Attività che dovrebbero rappresentano una legenda, se non una bussola superpartes il cui scopo è di garantire comunicazione e scambi d’informazioni oggettive.. monitorando senza invasività e senza pretese. Ora più che mai l’attività di un Agente immobiliare dovrebbe costruirsi attorno alla forza di un passaparola trasparente, capace di ribattere all’informazione di parte, artificiosa, costruita ad uso e consumo di pochi e in cui il cliente non si riconosce. Un Agente che vuole essere riferimento per il suo parco clienti deve rimodellarsi sul paradosso di non essere più punto di riferimento indiscusso. Afferrato il concetto, l’operatore si proporrà sul sociale come consulente informativo, mediatore formativo, formatore consapevole che l’informazione oggi è capace di fare la differenza nello scatenare un passaparola decisivo più di una vetrina commerciale d’immobili appetibili.

Il percorso iniziato da Questa Agenzia Collabora è la sintesi di quanto è stato esposto fino ad ora. Un’iniziativa debrandizzata che si pone tre obiettivi:

1) sensibilizzare gli operatori nella consapevolezza che quello che si sta vivendo è un cambiamento epocale che riguarda il fare ed essere business quali che siano le competenze messe in campo nel nostro settore. Se l’obiettivo è fidelizzare il cliente ma cadono punti di riferimento strategicamente rilevanti (aperture di credito e mattone = bene rifugio), va da sé che è impraticabile continuare sul preconcetto di modelli economici/finanziari irrilevanti nell’attualità che stiamo vivendo piuttosto che subendo.

2) eventi white label gratuiti e mirati ad informare e formare consapevolmente sull’esigenza di mantenersi dinamici, propositivi e non arroccati in difesa di un orticello stagnante in attesa che passi la crisi. Il punto è che la “crisi” ha ribaltato modelli economici/finanziari tanto da superare il punto di non ritorno sia in prospettiva locale che globale.

3) Dalla geolocalizzazione a una piattaforma b2b per facilitare la condivisione, performare business collaborativo e nel farlo offrire degli spunti d’analisi ispirativi, accompagnati da strumenti, risorse umane quando non tecnologiche, capaci di scardini modelli ormai obsoleti perché non più funzionali alle esigenze e alle problematiche dei tempi attuali: il concetto di competitore ristagna e fa eco a perdere in contesti sociali spazzati dal crollo di sicurezze economiche e prospettive a lungo termine.

L’Anno del Fare parte da qui.
Il claim che abbiamo scelto per raccontare il 2012 che sarà, con la consapevolezza che quelle opportunità utili per non ristagnare nel mar morto della crisi esistono e sono tutte intorno a noi. La priorità è quella di tornare ad alzare lo sguardo per puntare propositivi al futuro ma senza raccontarci favole. Siamo consapevoli che di passi da fare ce ne saranno molti, che non sarà facile, che nei prossimi mesi verranno meno altre certezze, che altre agenzie chiuderanno, che non tutti comprenderanno il momento vissuto se non di fronte a una crisi personale. Ma siamo anche consapevoli che..

E’ ora di far seguire le parole ai fatti. Se non agisci tu, agente immobiliare, tu agenzia, tu player di riferimento, nessuno lo farà per te perché il non-agire è quanto si auspicano speculatori e operatori trasversali in attesa di colpire il mattone ora che è debole e incerto.
E’ questo che vogliamo ? Cambiare lavoro per fare cosa ?
Allora che aspettiamo ?
Agiamo.

CondivisioneImmobiliare.it
REInnovationLab
News e Community per agenti immobiliari
mail: info@condivisioneimmobiliare.it
tel.: +39.0645433042


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl