Le Partite Iva italiane : poco aperte all’innovazione

16/feb/2012 09.20.55 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Tra agosto e dicembre 2011, Fattura24 ha condotto su un campione eterogeneo di oltre 10.000 Partite IVA italiane un indagine volta a verificare la predisposizione all’innovazione da parte di professionisti, lavoratori autonomi e piccole e medie imprese e in particolare all’utilizzo dei servizi on-line di fatturazione elettronica e condivisione documentale.

Dal’indagine è emerso che il 79% degli intervistati gestisce i documenti contabili localmente sul proprio personal computer utilizzando nel 44% dei casi i pacchetti Office preinstallati. Il 35% circa utilizza strumenti contabili appositi e soltanto l’1% ha tentato la strada dell’innovazione passando a soluzioni on-line. “L’indagine ha confermato lo scenario atteso – spiega Salvati Patrizia, CEO di Fattura24 - nonostante il dilagare di Internet  e dei servizi on-line. Ma contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il principale  ostacolo all’innovazione non sembra legato alla resistenza al cambiamento ma alla scarsa preparazione tecnica che non permette di valutare complessivamente costi, benefici e rischi delle soluzioni più innovative”. Infatti alla domanda “Per creare e gestire le sue fatture utilizzerebbe un servizio di cloud computing ?” il 54% del campione ha risposto che non conosce cosa siano i servizi cloud e il 12% che non si fida.

Per condividere i documenti con il proprio commercialista, la maggior parte del campione ha dichiarato di consegnarli personalmente, il 40% utilizza le e-mail mentre il 13% li spedisce via fax. Modesto anche l’utilizzo della PEC, la posta elettronica certificata: il 54% ritiene che non serva per inviare e ricevere le fatture mentre soltanto l’11% la utilizza sempre. Un esito sconfortante? Non necessariamente. Dall’indagine emerge che il 47% degli intervistati infatti è consapevole che i servizi di fatturazione on-line saranno il futuro e un altro 24% pone dei quesiti sulla sicurezza che una volta chiariti permetteranno alle Partite IVA italiane di introdurre soluzioni innovative nella gestione quotidiana del proprio business.

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 Fattura24 è la prima soluzione open source italiana che permette ai suoi iscritti di gestire tramite Internet i propri documenti contabili, con il valore aggiunto di poter condividere gli stessi con il proprio commercialista. Il target sono liberi professionisti e PMI e le potenzialità di sviluppo sono davvero rilevanti: secondo i dati ISTAT infatti, tra liberi professionisti e PMI l’Italia conta circa 6 milioni di partite IVA. La società fornisce una versione Standard con account gratuito a chiunque emetta meno di 15 fatture l’anno ed una Professional a pagamento senza alcun limite di utilizzo.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl