8 Marzo: Poste Italiane, un’azienda in rosa. Oggi il 53% dei dipendenti è donna

Oggi il 53% dei dipendenti è donna.

Persone Massimo Sarmi
Luoghi Italia, Italia Centrale, Puglia, Lazio, Piemonte, Veneto, Marche, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Sicilia, Sardegna, Abruzzo, Calabria, Liguria, Molise, Val d'Aosta, Umbria, Emilia Romagna, Lombardia, Trentino Alto Adige, Campania, Basilicata, Fonte
Organizzazioni Poste Italiane
Argomenti posta, economia, lavoro, impresa

08/mar/2012 21.38.47 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Festa della donna, Poste Italiane, guidata da Massimo Sarmi è un’azienda per oltre la metà in rosa. Complessivamente, le donne che lavorano in Poste Italiane sono circa 74mila, pari al 53%.

In tutta Italia i direttori donna sono il 59% e dirigono 7.000 uffici su un totale di 14mila.
Circa la metà (47%) del personale con funzione di quadro risulta essere donna.

Questi i numeri che fanno di Poste Italiane una delle realtà con la più alta percentuale femminile in Italia; di queste il 60% ha meno di cinquant’anni contro una media maschile del 47%.

Per quanto riguarda le direttrici di ufficio postale la percentuale di donne presenti è del 59%, con un’ottima percentuale al femminile nel Nord e Centro Italia: Emilia Romagna (81%), Valle D’Aosta (74%), Piemonte (76%), Friuli Venezia Giulia (70%), Liguria (67%), Toscana (67%), Trentino Alto Adige (66%) e Umbria (66%), Marche (66%), Veneto (63%) e Lombardia (62%).
Al Centro-Sud e nelIe isole il numero di donne direttore supera la metà in Sardegna (53%), nel Molise (54%) e in Abruzzo (53%). Va bene anche in Lazio (51%), Basilicata (41%) e Calabria (44%). Diventa più bassa la percentuale in Campania (40%), Puglia (30%) e Sicilia (32%).
Significativa la presenza femminile anche ai vertici aziendali. Il 34% delle 132 Filiali (strutture responsabili della gestione degli uffici postali di un territorio) è guidato da donne.

Infine per quanto riguarda gli addetti al recapito su un totale di 40mila, sono poco meno della metà (circa 17mila) le portalettere donne.

L’occupazione femminile all’interno dell’Azienda risale al 1865 ed è aumentata in modo graduale nel corso degli anni arrivando a registrare la presenza di 77 ausiliarie nel 1875.

Ai primi del ‘900 il ruolo femminile viene riconosciuto e tutelato per la prima volta ma è solamente nel corso della prima guerra mondiale che si assiste ad un significativo aumento dell’occupazione femminile per compensare i tanti dipendenti postali chiamati al fronte.

FONTE: Poste Italiane


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl