I Cantori «Alla carpinese»

I Cantori «Alla carpinese»Pronto l'ultimo album delle voci di Carpino: tarantelle e canzoni ispirate

01/mar/2006 11.21.56 Ufficio Stampa Antonio Piccëninnë Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Pronto l'ultimo album delle voci di Carpino: tarantelle e canzoni ispirate
al lavoro nei campi

Anteprima / Esce il nuovo Cd con un'incisione tutta «fatta in casa».
Le voci dei contadini impegnati nei campi, serenate e «nenie» tipiche del
Gargano, come tanti mantra musicali: sono i temi del nuovo Cd dei Cantori
dei Carpino, «Stile, storia e musica alla carpinese». Quindici canzoni,
fra le quali una registrazione originale del cantore Andrea Sacco, tutte
registrate nello studio di Luciano La Mona (LSM) di Vico del Gargano, con
la distribuzione affidata alla Mea Sound di Napoli. Il ritmo è quelle
delle tarantelle e delle montanare, ballate e danze popolari che
rappresentano e incarnano proprio la voce «naturalente stanca» dei
lavoratori, dei braccianti impegnati nei campi.

Un altro frammento di cultura e di saggezza da non perdere,
nell'interpretazione di Marco Di Mauro (chitarra battente e voce),
Giuseppe Di Mauro (chitarra francese e voce), Nicola Gentile (tammorra,
nacchere e voce), Giuseppe Draicchio (tammorra), Matteo Giannantonio
(chitarra acustica), Antonietta Caputo (interprete di una struggente
«Ninna nanna», con le voci uniche e inimatibili di Antonio Maccarone e di
Antonio Piccininno (che ha appena festeggiato i 90 anni con una festa che
ha coinvolto a Carpino, la sua città, vari personaggi dello spettacolo,
fra cui Teresa De Sio, arrivata sorpresa durante la serata). La storia dei
Cantori di Carpino, che hanno anche ispirato un film («Chi ruba donne») la
conoscono un pò tutti. Il gruppo nasce con l'intento di custodire una
tradizione, quella della canzone folk tramandata oralmente, che sarebbe
andata persa. Basti pensare che alcuni dei brani da loro interpretati
nascono circa 200 anni fa e grazie ai Cantori hanno fatto diventare il
carpinese un «marchio», uno stile unico ed irripetibile con riconoscimenti
ormai internazionali, arrivati da folksinger e personalità del calibro di
Eugenio Bennato, Roberto De Simone, Renzo Arbore e Teresa De Sio, ma anche
da noti etnomusicologi. La De Sio, con Giovanni Lindo Ferretti, è stata
l'artefice di quel «Craj», prima musical folk e poi film premiato alla
Mostra di Venezia, che ha rappresentato, con i Cantori e con il compianto
Matteo Salvatore, una vetrina del migliore etnofolk pugliese. E adesso, a
distanza dall'ultimo «Tarantelle del Gargano», inciso con Bennato, arriva
questo «Alla carpinese», che non mancherà di scalare le classifiche di
vendita. a.lang.

I Cantori di Carpino - Le Tarantelle del Gargano
Semplicemente Straordinari - Gli unici grandi maestri della tarantella
Grazie alla loro memoria non si sono perse nel tempo quelle tradizioni che
hanno reso Carpino il punto di riferimento della musica Folk italiana.
Booking: Ass. Cult. Carpino Folk Festival
Via Mazzini, 88 - 71010 Carpino (FG)
Tel. +39 0884/900360 - Fax. +39 0884/992979
Mail: booking@carpinfolkfestival.com


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl