Piccole e medie imprese di Udine in visita-studio ai laboratori di certificazione del legno-arredo, agroalimentare e ambientale

30/mar/2012 14.00.28 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

San Giovanni al Natisone, 29 marzo 2012 – Un gruppo di piccole e medie imprese della provincia di Udine, ha fatto visita all’Istituto Catas di San Giovanni al Natisone.
La visita, organizzata dai Giovani Imprenditori dell’Api di Udine, è stata l’occasione per far conoscere da vicino un’importante realtà friulana. Il Catas è infatti considerato oggi il primo istituto in Italia ed in Europa per la certificazione del legno-arredo.

Ad accogliere una trentina circa di imprese del territorio operanti nel settore legno, meccanico, edilizia e servizi, l’amministratore delegato dell’Istituto Angelo Speranza, il direttore generale Andrea Giavon, assieme al vice presidente della Provincia di Udine, Daniele Macorig e al presidente del Gruppo Giovani Imprenditori dell’Api, Michele Bressan.

“Un laboratorio modello nel settore della certificazione legno-arredo, ma anche nell’agroalimentare e ambientale – ha affermato il Presidente dei Giovani Imprenditori dell’Api – una struttura decisamente all’avanguardia in grado di offrire grande potenzialità di sviluppo”. Un pensiero condiviso anche da Daniele Macorig, che ha voluto ribadire l’importanza di far conoscere questo polo di eccellenza; “una realtà completa di studio scientifico e tecnologico e per questo – ha affermato – ritengo ottima l’idea di invitare i rappresentanti di categoria e gli imprenditori a conoscere una realtà di questo genere.”

Dopo una breve presentazione della struttura, le aziende hanno visitato i laboratori di collaudo e ricerca, verificando così di persona l’efficacia di un’attività di controllo nel settore del legno-arredo, che tocca oggi anche l’ambito ambientale ed agroalimentare. Questa è stata infatti l’opportunità per visitare anche la nuova sede inaugurata lo scorso dicembre.

“Il Catas – ha affermato il direttore dell’Istituto Andrea Giavon – copre un vasto campo di prove e ricerche sia sui materiali sia sui prodotti finiti. E’ in grado di comprovare l’effettiva rispondenza ai requisiti previsti dalle norme nazionali ed internazionali, la qualità, resistenza, durata e sicurezza su mobili, componenti ed ausili tecnici per disabili e prove di reazione al fuoco.
A supporto delle aziende – continua il direttore – l’istituto è particolarmente attivo nell’ambito della formazione, certificazione nel legno-arredo e nella consulenze per l’ottenimento di certificazioni ambientali (LCA, EPD) fornendo anche assistenza sulla legislazione in materia di adempimenti ambientali (MUD). Il Catas è inoltre il primo Istituto in Italia ad essere stato riconosciuto dagli Stati Uniti quale ente autorizzato alla certificazione dell’emissione di formaldeide dai pannelli a base legno (CARB).
Per quanto riguarda il settore dell’agroalimentare, il laboratorio chimico del Catas esegue controlli e analisi nel settore vitivinicolo, prodotti alcolici da distillazione e liquori, e analisi per la caratterizzazione chimico-merceologica di granaglie, prosciutti e altro ancora”.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl