Veronica Parisi: Non perchè sia mia figlio

11/mag/2012 13.00.26 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Una raccolta di aneddoti dalla penna di una neo mamma che alle prese con il disordine per l’arrivo del figlio, si racconta con ironia e affettuosa simpatia nello scorrere dei primi dodici mesi.

Un mondo capovolto, a soqquadro anche grazie agli enormi sconvolgimenti ormonali che provocano altrettanti cambiamenti di umore.
Il libro è suddiviso in argomenti che scandiscono la vita del neonato e quindi della neo-mamma: le ninne, le pappe, i nonni, l’aspetto fisico, l’allattamento, le coliche, i pannolini, le somiglianze, il nido o la tata, i giochi e le favole, il vocabolario, il bagno ed il bagnetto, gli oggetti da neonati, i viaggi, ecc. Per ogni argomento raccontato una scena di vita vissuta.
Il messaggio è per tutte le mamme: quando diventi mamma dovrebbe scattare (e spesso è così) un senso di solidarietà rispetto al fatto che dietro al sorriso della mamma che incontri ci sono mille notti insonni – proprio come le tue – milioni di pannolini cambiati – proprio come i tuoi – mille bagnetti e altri milioni di piccoli traguardi raggiunti proprio come quelli per cui hai lottato anche tu e riderci su non guasta!

… potrete sempre contare sul famosissimo terzo braccio di cui nessuno parla, ma che le donne conoscono benissimo. Esso crescerà magicamente non appena partorirete il primo figlio. Ovviamente non è nulla di fisicamente visibile, si tratta infatti di una forza fisica che non immaginavate di avere prima e che vi permette di eseguire oltre due attività impegnative contemporaneamente, solitamente con la complicazione di un bambino in braccio.

Veronica Parisi: Non perchè sia mia figlio
Casa Editrice La Caravella


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl