Poste Italiane firma intesa con Miur per gestire fondi ricerca

Poste Italiane firma intesa con Miur per gestire fondi ricerca.

Persone Francesco Profumo, Massimo Sarmi
Luoghi Roma, Puglia, Sicilia, Calabria, Campania
Organizzazioni Ministero dell'Istruzione Università e Ricerca, Fondo europeo per lo sviluppo regionale, Unione Europea, Poste Italiane
Argomenti diritto pubblico e amministrativo, economia, politica, impresa

07/giu/2012 20.21.18 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’intesa è stata firmata a Roma dall’AD di Poste Italiane Massimo Sarmi e dal Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Francesco Profumo, in occasione della premiazione dei vincitori dei bandi di concorso “Social innovation”. “Poste Italiane è sempre pronta a offrire supporto a quanti operano nel campo della ricerca e dell’innovazione – ha dichiarato l’AD Massimo Sarmi. Assicureremo al Miur l’apporto dei nostri servizi finanziari tradizionali e via web per l’assegnazione dei fondi a sostegno dei migliori progetti del programma “Smart Cities-Social Innovation”.

Poste Italiane offre il proprio supporto al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (Miur) fornendo i servizi finanziari per la gestione dei fondi diretti ai progetti selezionati nel quadro del programma Smart Cities-Social Innovation. Il protocollo d’intesa è stato firmato oggi a Roma nella sede del Miur tra l’Ad di Poste Italiane, Massimo Sarmi, e il Ministro, Francesco Profumo, in occasione della premiazione dei vincitori dei bandi di concorso “Social innovation”.

“Poste Italiane è sempre pronta a offrire supporto a quanti operano nel campo della ricerca e dell’innovazione – ha dichiarato l’Ad di Poste Italiane, Massimo Sarmi, dopo la firma dl protocollo d’intesa - In questo caso, assicureremo al Miur l’apporto dei nostri servizi finanziari tradizionali e via web per l’assegnazione dei fondi a sostegno dei migliori progetti del programma “Smart Cities-Social Innovation”, un’iniziativa – ha aggiunto Sarmi – che raccoglierà le idee più efficaci e innovative per rendere le nostre città sempre più “intelligenti” e tecnologicamente capaci di semplificare e migliorare la qualità della vita delle persone”.

Con i progetti di Innovazione sociale, che sono cofinanziati dal Fondo europeo per lo sviluppo regionale per le Regioni Convergenza (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia), il Miur punta a raccogliere idee tecnologicamente innovative con i quali la ricerca e il mondo delle imprese possono individuare e sviluppare nuove soluzioni per innalzare la loro competitività, migliorando le condizioni socioeconomiche delle quattro regioni di riferimento.

Il Protocollo firmato oggi prevede che Poste Italiane e il Miur possano integrare e arricchire in seguito il pacchetto di servizi che saranno attuati grazie all’intesa, con particolare riferimento alla filiera della gestione degli incentivi e dei fondi dell’Unione Europea.

FONTE: Poste Italiane


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl